Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 21 ottobre 2019 (2778) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Festival del Sorriso
» Cori per il Togo
» Carta Bianca a Moni Ovadia
» Harold
» Pinocchio&Co - Festival dei Classici per ragazzi
» Passeggiata naturalistica
» Ibridazioni sul mito di Frankenstein
» Corso base di acquarello naturalistico
» Al Collegio Borromeo si esplora l'universo degli autismi
» Piazza Fontana prima e dopo
» La Margherita di Adele
» Domenica di carta
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Cristoforo Colombo a fumetti
» Ponta chi un’altra cadrega
» IT.A.CÀ
» Home: la zona d’ombra
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Mario Tozzi a Kosmos
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Pinocchio&Co - Festival dei Classici per ragazzi
» Piazza Fontana prima e dopo
» Domenica di carta
» Cristoforo Colombo a fumetti
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Mario Tozzi a Kosmos
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» Il romanzo di Baslot
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 15718 del 23 settembre 2019 (75) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il gioco di Santa Oca
Il gioco di Santa Oca

Autunno 1652. Un pugno di uomini, stanchi di subire le angherie dei nobili e dei soldati che razziano i paesi della brughiera lombarda tra una battaglia e l'altra, si raccoglie intorno a Bonaventura Mangiaterra, un capopopolo che affascina i suoi compagni con la Bella Parola, una versione personale e ribelle delle storie della Bibbia. Bonaventura diventa presto una leggenda tra i contadini e i poveri: ha carisma, saggezza e una lingua sciolta con cui predica la libertà. In breve la sua banda cresce di numero e forza, minacciando il potere costituito. Per fermare la rivolta, l'Inquisizione e i nobili della zona schierano infide spie e un esercito poderoso, ma quando riusciranno ad arrivare a Bonaventura una sorpresa metterà in discussione tutte le loro certezze. Vent'anni dopo, la cantastorie Pùlvara ripercorre le stesse brughiere che hanno vissuto l'epopea di Bonaventura e della sua banda. La donna si era unita in gioventù a quegli uomini valorosi travestendosi da maschio e ora, in cambio di ospitalità, racconta ai contadini le loro imprese. Mano a mano che quelle gesta eroiche rivivono nelle sue parole, Pùlvara si avvicina sempre di più, come in un gioco che diventa reale, al mistero della vita di Bonaventura Mangiaterra.

Un romanzo di ribellione e libertà, la storia di un sogno di giustizia e di una donna coraggiosa che sfida le convenzioni del suo tempo. Giovedì 26 settembre alle 17.30 il romanzo di Laura Pariani Il gioco di Santa Oca verrà presentato nel Salone Teresiano della Biblioteca Universitaria di Pavia.

Insieme con l'autrice ne discuteranno Federica Pastorino, ispanista e studiosa dell'opera di Laura Pariani, e Walter Minella, studioso di filosofia e curatore della sezione "Recensioni" del sito Internet della Biblioteca Civica "Bonetta".

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Salone Teresiano - Biblioteca Universitaria
Indirizzo: Corso Strada nuova 65
Quando: giovedì 26 settembre 2019
Orario: 17.30
 
 
Pavia, 23/09/2019 (15718)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool