Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 21 novembre 2019 (474) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Il 'Palio del Bove Grasso'
» Tra boschi e valli d'or...
» Pane e miele in piazza
» Falò di sant'Antonio
» Biscotti di Natale
» ... Bolliti che bontà!
» Valentino: ancora tu?
» E' di nuovo Natale...
» Budino di Natale
» Il salto della rana
» I san sirini
» Il picnic di Pasquetta
» Vino novello al Castellazzo di Montù Beccaria

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» BirrArt 2019
» Birrifici in Borgo
» Musei divini
» "Dilecta Papia, civitas imperialis"
» Cioccovillage
» Birre Vive sotto la Torre Chrismas Edition
» Il buon cibo parla sano
» Zuppa alla Pavese 2.0
» Autunno Pavese: tante novità
» 18^ edizione Salami d’Autore
» Sagra della cipolla bionda
» Pop al top - terza tappa
» Sagra della ciliegia
» Birre Vive Sotto la Torre
» Campagna Amica: tutti i giovedì a Pavia
 
Pagina inziale » Tavola » Articolo n. 1562 del 18 dicembre 2003 (4915) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il candy cane
Il candy cane

Ovvero quegli invitanti bastoncini di zucchero bianchi e rossi, che pur non facendo parte della nostra tradizione natalizia, sono noti tra i bambini che li utilizzano per le decorazioni all'albero di Natale e non solo...

Dal gustoso e fresco sapore alla menta il candy cane appartiene alla tradizione natalizia anglosassone che i bambini ricevono ed apprezzano in quanto dolci da leccare e succhiare, oltre che utili per ornare l'albero insieme a biscottini a forma di campanelle e pupazzi di neve.

Anche questo lecca lecca ha una sua bella leggenda, piena di significati che ben si addice al periodo natalizio. Si racconta che un pasticcere dell'Indiana, desiderasse inventare un dolce da dedicare a Gesù, e proprio per ricordarlo ideò il bastoncino (il bastone dei pastori) a forma di J (Jesus), di colore bianco, a significare la purezza di Cristo, e rosso, a ricordare il sangue da lui versato per i nostri peccati, utilizzando un impasto duro per sottolineare la Sua forza.

Anche il sapore di menta ha un suo significato ben preciso. La menta appartiene alla famiglia dell'issopo, che i romani utilizzavano per purificare e per i sacrifici: Gesù è venuto a sacrificarsi per tutti i peccati del mondo.

Non un semplice bastoncino di zucchero colorato, quindi, bensì un dolce messaggio che ci invita a riflettere sul significato del sacrificio per gli altri, anche in un periodo frenetico e materiale come è il Natale dei nostri tempi...

 
 Informazioni 
 

Delia Giribaldi

Pavia, 18/12/2003 (1562)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool