Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 17 luglio 2019 (242) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Festival di Gypsy
» Birrifici in Borgo
» Up-to-Penice
» Swing and Jazz
» Note d'acqua
» River Love Festival
» Concerto di pianoforte
» Festival delle Farfalle
» Il romanzo di Baslot
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Lo sguardo Oltre
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» Sentieri selvaggi, musica d'oggi al Borromeo
» Giochi d'acqua... dolce o salata?
» Risate Solidali
» Giornata del Naso Rosso
» L'Aquila, 6 aprile 2009: una svolta nella comprensione e percezione dei terremoti italiani
» Open Day al Vittadini
» Presentazione inutile

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Un anno al Fraschini
» Lo sguardo Oltre
» Risate Solidali
» "Com' è profondo il mare"
» Ti si moj zivot - Tu sei la mia vita
» Le cose in comune
» Piccolo canto di Resurrezione
» C'era una volta... A la nosa manera
» Radiostrambodramma
» Al fiuto magico ad Rosanna
» Piccoli Argini: La Tempesta
» Il Pianoforte vuoto: provando Beethoven
» La Luna Nuova
» Verso il bosco”
» Enrica, che spettacolo di formica
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 15518 del 4 marzo 2019 (282) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Non siamo in pericolo
Non siamo in pericolo

Militare sovietico, tenente colonnello dell’Armata Rossa durante la guerra fredda. Uno tra i tanti uomini che vissero nelle inusuali trincee di una guerra che non “scoppiò” mai. Eppure, Stanislav Evgrafovic Petrov fu molto di più: fu l’eroe che, per un’intuizione, salvò il mondo da una guerra nucleare.
Oggi, a 30 anni dal crollo del muro di Berlino, è il protagonista di Non siamo in pericolo, spettacolo teatrale scritto e diretto da Luca Ramella, in scena per la rassegna Argini di In Scena Veritas.  

Siamo in un bunker, nei pressi di Mosca. È la notte del 26 settembre del 1983, al culmine della guerra fredda. Petrov, quella notte, sostituisce l’ufficiale di servizio per monitorare il sistema satellitare posto a sorveglianza dei siti missilistici degli U.S.A. Nel caso eventuale di un attacco, la strategia dell’Unione Sovietica prevedeva un immediato contrattacco nucleare su vasta scala. Alle 00.14 di quella notte, arrivò il tanto temuto allarme: il sistema segnalava che dal Montana era in arrivo un missile, diretto sul territorio russo. Pochi minuti dopo, altri quattro segnali. Il tenente colonnello Petrov, però, ebbe un’intuizione: era impossibile che gli Stati Uniti procedessero a un attacco nucleare con un numero così esiguo di missili, si trattava di un errore del sistema satellitare sovietico OKO. Per questa ragione, decise di non segnalare nulla ai suoi superiori. La storia gli diede ragione: era un falso allarme.

Ma l’incredibile vicenda di Stanislav Petrov non si concluse con riconoscimenti e onorificenze: l’incidente fu nascosto ai media, il colonnello fu redarguito, mandato in pensione anticipata, dimenticato. Morì, in difficili condizioni di salute ed economiche, il 19 maggio 2017.

Tra interviste e stand-up comedy, Non siamo in pericolo rende omaggio alla storia di un eroe dimenticato, di un uomo come tanti che – al posto giusto, al momento giusto – salvò il destino dell’umanità.
 
 Informazioni 
Dove: San Martino Siccomario - Teatro Marcello Mastroianni
Indirizzo: Via Piemonte 8
Quando: sabato 9 marzo 2019
Orario: 21.00
Note: Ingresso 10€ | Ridotto 8€

 
 
Pavia, 04/03/2019 (15518)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool