Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 21 aprile 2019 (325) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Piccolo canto di Resurrezione
» IngannaMente...
» Oltrepò: terra di api
» Radiostrambodramma
» C'era una volta... A la nosa manera
» Conversazione Dannunziana
» Mario Giordano presenta il libro "L'Italia non è più italiana"
» I Tesori d'Orfeo - tredicesima edizione
» I pro e i contro del VAR
» Pedalata urbana
» Al fiuto magico ad Rosanna
» Uno sguardo sulla congiuntura economica italiana e mondiale
» Gandhi, oltre l’India. Valori gandhiani e integrazione sociale in Italia
» Giornalismo di moda: stereotipi, realtà e nuove frontiere
» Piccoli Argini: La Tempesta
» Il Pianoforte vuoto: provando Beethoven
» Giornate FAI di Primavera
» I grandi misteri della Fisica al Collegio Borromeo
» Incontro con Paolo Rumiz
» L'estetica del vero

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Piccolo canto di Resurrezione
» Radiostrambodramma
» C'era una volta... A la nosa manera
» Al fiuto magico ad Rosanna
» Piccoli Argini: La Tempesta
» Il Pianoforte vuoto: provando Beethoven
» La Luna Nuova
» Verso il bosco”
» Enrica, che spettacolo di formica
» Dottore c'ho la vagina pectoris!!!
» Non siamo in pericolo
» Lisistrata. La congiura delle donne per la pace
» Al cinema insieme - marzo 2019
» Urania
» "I fuori sede"
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 15478 del 28 gennaio 2019 (175) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
La banalità del male - Paola Bigatto
La banalità del male - Paola Bigatto

Nel 1963 Hannah Arendt dà alle stampe Eichmann in Jerusalem, più noto in Italia con il suo sottotitolo, La banalità del male. Si tratta di un saggio in cui la filosofa raccoglie gli articoli scritti per il "The New Yorker" sul processo al tenente colonnello delle SS Adolf Eichmann, tenutosi a Gerusalemme nel 1961. Eichmann, con il suo grigiore, il suo linguaggio burocratico, le sue frasi fatte, incarna, nello sguardo acuto dell'autrice, l'uomo senza idee, più pericoloso dell'uomo malvagio. Il nuovo concetto di banalità del male rivoluziona le consuete categorie morali: Hannah Arendt sarà così al centro di una polemica filosofica, etica e politica.

La scrittura di Hannah Arendt, passionale nell'indignazione, raffinata nella speculazione, sempre incandescente, ha consentito di dar voce al saggio, trasformato e ridotto a monologo da Paola Bigatto: la professoressa Arendt, docente di filosofia politica a Chicago nel 1963, ripercorre, in una possibile lezione, le condizioni del processo, le circostanze storiche degli eventi, le considerazioni filosofiche. Una lavagna, una carta geografica, una cattedra: gli spettatori diventano allievi e testimoni dello svilupparsi del pensiero filosofico.

Superate le trecento repliche, La banalità del male è stato visto, in questi anni, da circa quarantamila persone, in occasione della Giornata della Memoria, sarà in scena al Cinema Teatro Politeama, giovrdì sera.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Cinema Politeama
Quando: giovedì 31 gennaio 2019
Orario: 21.00
Note: Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili.
Info su www.vivipavia.it
Per informazioni: Comune di Pavia Settore Cultura, Istruzione e Politiche Giovanili Via Paratici, 21 0382.399343 cultura@comune.pv.it

 
 
Pavia, 28/01/2019 (15478)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool