Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 16 dicembre 2018 (374) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» After Miss Julie
» Se il tempo fosse un gambero?
» Ogni volta che si racconta una storia
» Teatro Fraschini: Stagione 2018/2019
» Il corpo che... avanza
» Novecento
» Spirito di Copenaghen
» Quà quà attaccati là
» Sette topi in cucina. Chi ha paura di Le Grand Miaò?
» Stelle Erranti. Perché il vento non le porti via
» Piccoli Crimini Coniugali
» Sogno di una notte di mezza sbronza
» Ed ero più mata de prima
» Fabule & Scarpule
» Tramp
» Il Mercante di Monologhi
» 2 Donne in Fuga,,,
» L’ora del ricevimento
» Tanti Lati – Latitanti
» Una giuria di sole donne

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Una Cesa, Un Pivion e Dü Malnat
» Dolci Storie
» Natale dai Mondi
» Tss on the road
» Piccolo Principe
» After Miss Julie
» Se il tempo fosse un gambero?
» Spirito di Copenaghen
» Ogni volta che si racconta una storia
» Mistero Buffo
» Il mantello di Don Giovanni
» Una cesa, un pivion e du Malnat
» Ibridazioni sul Mito di Frankenstein
» Insieme per la cattedrale
» Terra Pavese
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 15419 del 28 novembre 2018 (154) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Caffè Corretto
Caffè Corretto

Un altro appuntamento teatrale per gli Argini di In Scena Veritas: sabato 30 novembre sarà ospite del palco del Teatro Mastroianni Gianni Coluzzi, regista e attore dello spettacolo Caffè Corretto.

Caffè Corretto racconta la storia di un aitante pubblicitario che, in cerca di un'idea vincente per lanciare una nuova marca di caffè, inizia a sondare quell’immenso mondo immaginario che circonda il consumo della bevanda culto degli italiani: dalle icone storiche della pubblicità ai monologhi sulla napoletana di De Filippo, dalle narrazioni di Garcia Marquez all'oratoria dei leader del mercato globale. Ma il suo talento commerciale e seduttivo è disturbato da qualcosa. C'è una parte di sé che insiste fastidiosamente nel proporgli altre storie, altre immagini, questa volta legate a chi il caffè non lo degusta ma lo produce lottando per la propria dignità umana ed economica. Le parole di Roberta Menchù, di Salvador Allende, di Frans Van der Hoof, pioniere del commercio equo, dei suoi campesinos. L'estetica del consumo viene così disturbata da incubi, racconti, canti che ne minano la sicurezza, mostrandone l'ipocrisia, fino a giungere ad un finale del tutto imprevedibile.

«Raccontare li progetto del commercio equo e solidale che è insieme etico e sociale, economico e politico – racconta il regista e attore Gianni Coluzzi – è stata una grande sfida per un luogo, quello teatrale, che non è nato per scrivere e argomentare, ma per interrogare e mostrare l'invisibile. La strada possibile è stata quindi quella di partire dall'uomo, dai suoi conflitti, dai suoi bisogni e dalle sue sfrontatezze, dai suoi torti e dai suoi sogni, mescolandoli in una partitura ora drammatica, ora comica, ora poetica».

La messa in scena cerca di ridurre la distanza tra Nord e Sud del mondo attraverso diversi linguaggi, da quello letterario a quello politico a quello della televisione commerciale, e cerca altresì di ridurre la distanza tra chi il teatro lo fa e chi lo guarda, in una performance che coinvolge il pubblico, lo interroga e lo sollecita, invitandolo a scoprire le pieghe nascoste del nostro mondo, molto lontane e insieme molto vicine.

In occasione del suo spettacolo, Gianni Coluzzi terrà un Seminario di Biomeccanica Teatrale, sabato 1 e domenica 2 dicembre (dalle 10 alle 18),presso lo Spazio ISV di V.le Sardegna 64/b. Il seminario, aperto a tutti gli interessati che si iscriveranno, si concentrerà sul gesto dell’attore e dell’azione come motore della vita di un personaggio. Il workshop, attraverso l’esperienza diretta delle fasi di lavoro (preparazione fisico-atletica, apprendimento delle tecniche di costruzione delle azioni a partire dall’analisi del testo e improvvisazioni sulle specifiche situazioni) permetterà di apprendere il completo processo dell’attore che lo porterà alla costruzione di un personaggio solido, credibile, vivo. Il lavoro si incentra sul concetto di azione come motore della vita del personaggio e come sintesi tra la libertà e creatività del movimento e la sua organizzazione logica. 
 
 Informazioni 
Dove: San Martino Siccomario - Teatro Marcello Mastroianni
Quando: venerdì 30 novembre 2018
Orario: 21.00
 
 
Pavia, 28/11/2018 (15419)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool