Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 23 ottobre 2018 (742) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Sfalloween
» Il rischio di educare
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Sul Fiume Azzurro con i nostri amici a 4 zampe
» Mistero Buffo
» Uno Stradivari al Castello Visconteo di Pavia
» Il mantello di Don Giovanni
» I manoscritti datati
» La Giustizia del Buonsenso
» Il buon cibo parla sano
» Eurobirdwatch
» Posidonia 2... il ritorno
» Una cesa, un pivion e du Malnat
» Zuppa alla Pavese 2.0
» Ma com'eri vestita?
» Come la Luna dal cannocchiale
» Madama Butterfly
» Insieme per la cattedrale
» Terra Pavese
» Marcello Venturi. Seminario di studi

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Mistero Buffo
» Il mantello di Don Giovanni
» Una cesa, un pivion e du Malnat
» Insieme per la cattedrale
» Terra Pavese
» l'EX|ART Film Festival
» Cinema Odeon. Si riparte
» Il Personaggio
» Teatro Fraschini: Stagione 2018/2019
» Bach alla Festa della Musica....
» Video Slam: gara di sequel
» Barocco Fuori
» L’Ora Illegale
» Random
» Fiori nel vento e argento di luna
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 15329 del 24 settembre 2018 (140) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Ibridazioni sul Mito di Frankenstein
Ibridazioni sul Mito di Frankenstein

 Nato dalla collaborazione tra il Gruppo Parole a Manovella di Vox Organi e l'associazione Gabriel Faurè, lo spettacolo “Le Seduzioni della scienza” è ben esemplificato dal sottotitolo “Ibridazioni sul mito di Frankenstein”.

La storia dello scienziato ossessionato dalla mortalità del corpo umano e dalla ricerca della scintilla vitale, viene reinterpretata in un testo scritto da Max Di Landro e da lui interpretato insieme a Tatiana Clerici e Valerio Incerto, con la presenza incorporea di Marco Aluzzi e Lisa Benevento.

Forme teatrali differenti come lettura, monologo e dialogo si alternano e scontrano in scena, con una massiccia presenza musicale: le composizioni elettroniche dello stesso Valerio Incerto vanno, infatti, ad allacciarsi alle musiche di autori ottocenteschi, eseguite da Beatrice Oteri (flauto), Manuel Signorelli (piano) e Piero Corvi (oboe).

L'intenzione degli interpreti è – 200 anni dopo la pubblicazione del romanzo - liberare lo spirito originario della storia di Victor Frankenstein in tutta la sua potenza per permettere all'ossessione per la vita e per il superamento dei limiti umani – condivisa dall'alter-ego Robert Walton - di essere espressa in tutta la sua modernità. Centrale è la figura della Creatura che, lontana dall'immagine di zombie creata dalle versioni cinematografiche, è un essere nato adulto, senza famiglia, ma capace di ragionare, parlare e sviluppare una dialettica in grado di mettere alle corde il suo creatore (simbolicamente interpretato da un'attrice) e di ribellarglisi (come il Prometeo di Eschilo o come il Lucifero di Milton) per punirlo del suo abbandono.

Come Victor Frankenstein ambisce a creare la vita unendo diverse parti di corpi umani, Parole a Manovella e Associazione Gabriel Fauré mettono in scena uno spettacolo/corpo, attraverso l'ibridazione e l'incastro di diverse forme artistiche.

 

 
 Informazioni 
Dove: Vigevano - presso la Strada Sotterranea del Castello
Quando: sabato 29 settembre 2018
Orario: 21.15
Note:  Ingresso libero dal Portone

 
 
Pavia, 24/09/2018 (15329)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool