Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 23 settembre 2018 (537) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Il colore del silenzio
» Roberto Kusterle: Cronache da un altro mondo
» Vox Animae
» Incatenarsi all'oro e al vento
» Italiani, al voto!
» La Fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980
» Incontri d’Arte: Tomoko Nagao
» Francesca Moscheni: I segni di Dio
» In questa perennità di giovani
» Exist
» Una Storia Militante
» Incontri d’Arte
» Mostra d'arte leggera e inconsapevole
» Cantami o diva - donne del mito greco
» Rinnovare l’antico
» Urbex Pavia Rewind
» Goya. Follia e ragione all’alba della modernità
» Dal mare i segni – da Albissola alla corte di Ludovico
» I volti che hanno cambiato la storia
» Filippo Cristini. Né gli alberi si scorgono tra loro

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Patrimonio ritrovato: pergamena scoperta in una legatura seicentesca
» Il Segreto di Majorana
» Molte sono le strade
» Vite tinte di rosso
» Open Day Scuola d'Arte Arvima
» Il colore del silenzio
» Alda Merini la poetessa dei Navigli
» Uno:Uno. A tu per tu con Alessandro Magno
» Copia dal vero e fotografia
» Roberto Kusterle: Cronache da un altro mondo
» Concorso fotografico "Ci siamo!"
» Incontri d’Arte: Stefano Zacconi
» Vox Animae
» Nicola Attadio racconta Nellie Bly
» Bloomsday
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 15296 del 5 settembre 2018 (214) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
We are here - Caroline Gavazzi
We are here - Caroline Gavazzi

Tutto parte da una barca arrivata nel 1999 a Riace con un carico di persone che si erano lasciate alle spalle brutalità da dimenticare: erano curdi, discendenti di un'antica civiltà mesopotamica, e la terra su cui erano sbarcati si chiamava un tempo Magna Grecia, perché della civiltà ellenica condivideva cultura, ricchezza e senso dell'ospitalità anche se ora il presente induce ad emigrare, a lasciare che le case si svuotino e l'economia si fermi.

Un sindaco coraggioso come Domenico Lucano capisce che gli stranieri che continuano ad arrivare possono dare una nuova speranza identica a quella degli italiani andati a cercarla altrove. Tutti si convincono di poter realizzare quella che chiamano l'utopia della normalità e il paese rivive nei nuovi laboratori artigianali, nella scuola, nelle case recuperate come la dignità e il rispetto. 

Caroline Gavazzi è andata a conoscere questa realtà da vicino e a lungo, convinta che solo da un contatto diretto con i protagonisti poteva nascere un progetto intenso che andasse oltre la descrizione realistica. Ha così realizzato primi piani in bianconero di queste persone riscoprendoli come uomini, donne, ragazzi che hanno storie da raccontare, speranze da coltivare, parole di fratellanza da pronunciare nelle loro molte lingue e nel loro nuovo italiano. Ad ogni ritratto ha poi anteposto l'ingrandimento di un'impronta digitale impresso su una lastra di plexiglas, a sottolineare l'importanza dell'identità evocando tuttavia anche il sistema di rilevamento poliziesco.
Quanti prima erano oggetto di una superficiale attenzione, ora sono protagonisti che affermano la loro esistenza dicendoci "noi ci siamo" e sono contenti se anche chi li accoglie lo può affermare.

Caroline Gavazzi ci chiede di osservare bene quei volti attraverso i segni dell'impronta digitale che si frappone allo sguardo e lo scrutare diviene metafora dello sforzo da fare per abbandonare i pregiudizi e riuscire a cogliere la vera essenza delle persone. Per accorgerci che, forse, stiamo tutti fissando uno specchio. 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Spazio Immagine Design “Rossana Bossaglia”, Broletto di Pavia.
Indirizzo: Piazza della Vittoria
Quando: da domenica 9 settembre 2018 a domenica 7 ottobre 2018
Note:  Mostra fotografica a cura di Roberto Mutti

 
 
Pavia, 05/09/2018 (15296)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool