Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 21 aprile 2019 (307) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Piccolo canto di Resurrezione
» IngannaMente...
» Radiostrambodramma
» Oltrepò: terra di api
» C'era una volta... A la nosa manera
» Conversazione Dannunziana
» Mario Giordano presenta il libro "L'Italia non è più italiana"
» I Tesori d'Orfeo - tredicesima edizione
» I pro e i contro del VAR
» Pedalata urbana
» Al fiuto magico ad Rosanna
» Uno sguardo sulla congiuntura economica italiana e mondiale
» Gandhi, oltre l’India. Valori gandhiani e integrazione sociale in Italia
» Giornalismo di moda: stereotipi, realtà e nuove frontiere
» Piccoli Argini: La Tempesta
» Il Pianoforte vuoto: provando Beethoven
» Giornate FAI di Primavera
» Incontro con Paolo Rumiz
» I grandi misteri della Fisica al Collegio Borromeo
» L'estetica del vero

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Colloquio sull'Europa
» Severino Boezio: la filosofia tra religione e poesia
» IngannaMente...
» Scoprire il teatro: Carlos María Alsina a Pavia
» Next Vintage
» Conversazione Dannunziana
» Le carte di Eugenio Montale negli archivi italiani
» Mario Giordano presenta il libro "L'Italia non è più italiana"
» Il mio nome è... Gioconda
» Gandhi, oltre l’India. Valori gandhiani e integrazione sociale in Italia
» Giornalismo di moda: stereotipi, realtà e nuove frontiere
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» I grandi misteri della Fisica al Collegio Borromeo
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 15252 del 21 giugno 2018 (453) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Incontri d’Arte: Stefano Zacconi
Incontri d’Arte: Stefano Zacconi

Stefano Zacconi interviene al Museo di Archeologia dell’Università di Pavia con due opere ispirate ai gessi didattici del museo, la Venere di Milo e Sofocle.
Le celebri copie sono tradotte in fotografie elaborate al computer e poi stampate su tela. Zacconi ha poi impacchettato le trasposizioni su tela con una plastica commerciale, sottolineata dal classico scotch con la scritta “Fragile”.

Ironia e gioco sono alla base del suo intervento che intende sottolineare come la produzione artistica seriale dei giorni nostri sia paragonabile a qualunque prodotto commerciale, in confezione da Supermercato. Così la serialità dell’arte antica, la ripetizione dei modelli entra in dialogo con la serialità dell’arte contemporanea: Zacconi propone un modo di intervento che inevitabilmente “cita” il concetto tipico delle neo-avanguadie di opera d’arte come “prodotto”

Nato a Pavia nel 1974 Stefano Zacconi frequenta il Liceo Artistico cittadino dove si avvicina al mondo della scultura. Approfondisce la sua ricerca con i proff. Giancarlo Marchese, Tommaso Trini e Paolo Baratella, laureandosi in Scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano . Ha esposto in diverse mostre nazionali tra cui: Minerva d’Artista assieme a Marco Lodola, Lucio Del Pezzo e Oliviero Toscani; Milano Scultura 2015.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Museo di Archeologia dell’Università di Pavia
Quando: da sabato 23 giugno 2018 a venerdì 20 luglio 2018
 
 
Pavia, 21/06/2018 (15252)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool