Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 23 ottobre 2018 (643) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» L'ultimo canto
» Nel 1940 con Luigi Cantù
» Il Duomo e le tre Piazze
» Lo sguardo di Maria
» Quella scuola che è il nostro orgoglio
» Uno:Uno. A tu per tu con Francesco Hayez
» Apertura musei per le GEP
» Risorgimento a tutto museo
» Notte bianca al Museo per la Storia
» Storie d’acqua dolce
» Sabato al museo
» Uno:Uno con Bartolomeo Colleoni
» A tutto Rinascimento
» Da Pavia a Stoccolma, andata e ritorno
» A tu per tu con il modellino del Duomo di Pavia
» Sezione Romanica, sotto la lente...
» Lomello: un gioiello medievale
» Sabato ai musei universitari...
» C'era una Volta
» A tutto museo

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Nel 1940 con Luigi Cantù
» L'ultimo canto
» Il Duomo e le tre Piazze
» Quella scuola che è il nostro orgoglio
» Lo sguardo di Maria
» Uno:Uno. A tu per tu con Francesco Hayez
» Apertura musei per le GEP
» Mercatino del Ri-Uso
» Risorgimento a tutto museo
» Notte bianca al Museo per la Storia
» Festa del Ticino
» Storie d’acqua dolce
» Villa Necchi: “Luoghi del Cuore"
» Agostissimo
» Uno:Uno con Bartolomeo Colleoni
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 15240 del 11 giugno 2018 (327) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Napoleone a Pavia
Napoleone a Pavia

Il Museo di Storia Naturale dell'Università di Pavia organizza una visita guidata, rivolta a tutta la cittadinanza, dedicata a Napoleone Bonaparte e ai suoi soggiorni a Pavia.

Sarà possibile accedere all'antica dimora nobiliare della famiglia Botta Adorno che era considerata la più elegante e decorosa della città. Così la definì Luigi Malaspina di Sannazzaro nella sua Guida alla città di Pavia, elencandone i palazzi gloriosi. Imperdibile, nel corso della mattinata, l'accesso alla cosiddetta Stanza di Napoleone normalmente chiusa al pubblico e perfettamente conservata con i suoi stucchi e i suoi affreschi a ricordare la permanenza di Napoleone e della consorte Giuseppina nel maggio 1805. La coppia transitò da Pavia per una sosta di tre giorni durante il viaggio che conduceva l’imperatore a Milano per la proclamazione a re d’Italia. A Pavia visitò il Castello Visconteo, il Collegio Ghislieri e l’Università dove assistette anche ad una lezione di Alessandro Volta, immortalata in un bel dipinto oggi custodito presso i Musei Civici di Pavia. Il soggiorno pavese previde, ma solo per l’imperatrice, anche una serata di diletto presso il teatro della città, all’epoca detto del Nobile Condominio, poi Fraschini, dove Giuseppina assistette ad uno spettacolo senza però gustarne l’atto finale.

La visita di sabato 23 giugno, curata dal Museo di Storia Naturale dell’Università, si concluderà in viale Matteotti presso l'edificio dell'ex Collegio Caccia, altro luogo storico che vide la presenza in città del Bonaparte in un momento di grande agitazione sociale alla fine del Settecento. In quella occasione, datata 25 maggio 1796, il Bonaparte incontrò il sindaco della città, Camillo Campari, al quale accordò clemenza per Pavia. Una lapide, ben leggibile, apposta fuori dall’edificio al numero civico 20 ricorda lo storico incontro.

Furono dunque due i momenti in cui Napoleone entrò in Pavia, lasciando traccia di sé in edifici e iniziative che ancora oggi ci parlano di lui e che saranno oggetto dei racconti dell’iniziativa firmata dall’ateneo. 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - ritrovo in Piazza Botta 10
Indirizzo: 10.30
Quando: sabato 23 giugno 2018
Note: Ticket di partecipazione euro 5,00. Bambini 6-12 anni euro 3,00.
Non è necessario prenotare. Per info museo@unipv.it 0382 986297. 

 
 
Pavia, 11/06/2018 (15240)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool