Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 20 maggio 2018 (669) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» La Fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980
» Incontri d’Arte: Tomoko Nagao
» Francesca Moscheni: I segni di Dio
» Exist
» Una Storia Militante
» Incontri d’Arte
» Mostra d'arte leggera e inconsapevole
» Cantami o diva - donne del mito greco
» Rinnovare l’antico
» Urbex Pavia Rewind
» Goya. Follia e ragione all’alba della modernità
» Dal mare i segni – da Albissola alla corte di Ludovico
» I volti che hanno cambiato la storia
» Filippo Cristini. Né gli alberi si scorgono tra loro
» Pavia ricorda Johann Peter e Joseph Frank
» Catalogna bombardata
» Futurismi
» Templari: storia e leggenda dei Cavalieri del Tempio
» Steve McCurry. Icons
» Un capolavoro in Castello

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» La Fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980
» Incontri d’Arte: Tomoko Nagao
» Moro. L'inchiesta senza finale
» Il mito della Nazione
» Bruno Maida, L'infanzia nelle guerre del Novecento
» Nulla è più importante delle piccolezze. Tecniche d'indagine letteraria
» PaviArt
» Incontro con Elda Lanza
» Francesca Moscheni: I segni di Dio
» In viaggio con Mino Milani
» Exist
» Una Storia Militante
» Incontri d’Arte
» Uno:Uno raddoppia
» Pavia Monasteri Imperiali. Un anno di indagini, scoperte e progetti
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 15179 del 30 aprile 2018 (91) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
In questa perennità di giovani
In questa perennità di giovani

In occasione della giornata di San Pio, celebrazione del fondatore del Collegio Ghislieri di Pavia, domenica 6 maggio sarà inaugurata "In questa perennità di giovani", la mostra dedicata agli anni di rettorato di Pietro Ciapessoni (1914-1943) e al passaggio al suo successore Teresio Olivelli.

L'esposizione è l'esito di un progetto di Public History coordinato da Giulia Delogu, alunna del Collegio e studiosa di storia moderna e storia dell'Università. Composta da pannelli esplicativi, totem e numerosi oggetti originali, la mostra offre la possibilità di approfondire uno dei periodi più delicati e complessi della storia italiana a partire dall'esperienza vissuta tra le mura del Collegio Ghislieri e dal ricordo di alcuni tra i suoi protagonisti più importanti.
Nonostante le evidenti difficoltà, il rettorato di Ciapessoni si è infatti distinto nel rafforzare il vincolo tra i suoi studenti e l'istituzione, attraverso fondamentali attività mirate alla modernizzazione e all'internazionalizzazione del Ghislieri.

Tra gli alunni del Ghislieri che beneficiarono del rettorato di Ciapessoni, ricordiamo il critico Gianfranco Contini e il genetista Luigi Cavalli Sforza (omaggiato, nel 2010, con il Premio Ghislieri), le cui lettere di gratitudine e di riconoscenza sono conservate al Collegio Ghislieri saranno esposte in questa mostra. 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Collegio Ghislieri - Salone San Pio
Indirizzo: piazza Ghislieri
Quando: domenica 6 maggio 2018
Orario: 10.00
 
 
Pavia, 30/04/2018 (15179)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool