Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 24 aprile 2018 (434) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Visita guidata all'Ateneo
» Nuovo allestimento alla Gipspteca
» Mantici e Meridiane et multa animalia
» A tutto museo
» Aperti per voi, Aperti all'Europa: la Quadreria dell'800
» Musei universitari aperti
» Racconti al Museo
» Pomeriggio al museo
» Il presepe romano
» A tu per tu con l'astrario
» Trekking Urbano: sulle tracce dei longobardi
» A tu per tu con i Tarocchi del Mantegna
» Visita "a distanza ravvicinata"....
» Castello Beccaria e Palazzo Malaspina Pedemonti
» Vedo nero
» Volto di Volta
» Pomeriggio al museo
» Apertura straordinaria del Castello Beccaria
» Tramonti Di..Vini
» La mia Africa

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Mercatino del Ri-Uso
» Nuovo allestimento alla Gipspteca
» Visita guidata all'Ateneo
» Inaugurazione Spazio 900~2000
» Vivere con gli animali
» Mantici e Meridiane et multa animalia
» A tutto museo
» Belgioioso Giornate Magiche
» Torre in Festa
» Aperti per voi, Aperti all'Europa: la Quadreria dell'800
» Musei universitari aperti
» Aperitivo con la Duse
» 200 anni di archeologia...
» La Battaglia di Pavia - lo spazio permanente
» E' Carnevale!
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 15148 del 13 aprile 2018 (146) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Visita alla chiesa di San Lazzaro
Visita alla chiesa di San Lazzaro

L’Associazione Amici dei Musei di Pavia propone alla cittadinanza un percorso alla scoperta di un sito solitamente chiuso e quindi poco conosciuto: Jessica Maffei condurrà la visita alla chiesa di San Lazzaro, un tesoro appartato, ai lati di una trafficata arteria cittadina.

La chiesa si presenta così, inaspettata ai viandanti che la scoprono con il suo rivestimento in mattoni. Un edificio medievale che ricorda altre chiese di Pavia, tutte databili al XII-XIII secolo, quando lungo la strada che portava a Cremona, l'antica via Francigena, furono fondati un edificio religioso e un annesso ospedale dell'Ordine di San Lazzaro. Il sito nacque con la funzione di ricovero per malati e indigenti ma anche per pellegrini di passaggio. Il diritto di patronato dell'ospedale fu acquisito dalla ricca famiglia Salimbene in cambio della donazione di terre per volere di un patrizio pavese, Gislenzone Salimbene che, con i due figli maschi, offrì al complesso di San Lazzaro un considerevole patrimonio fondiario.

Oggi rimane da visitare la chiesetta, con la sua facciata a capanna e la loggetta cieca tipicamente romanica. Una finestra trifora si apre al di sopra del portale e nella parte alta della facciata si notano tracce di bacini ceramici, come altre chiese in città risalenti al medesimo periodo. Sul lato destro dell'edificio si sviluppa un cascinale, luogo dove sorgeva l'ospedale di cui rimangono, come tracce visibili di un passato florido, due pilastri, segni dell'antico recinto del luogo di cura dei lebbrosi. L'interno della chiesa è spoglio e coperto da travi lignee. Dell'antica decorazione non sopravvive più nulla se non qualche traccia di affresco sulle pareti e nell'abside a ricordare un apparato di immagini sacri che arricchivano i muri della piccola chiesa.

L'originaria pala d'altare è oggi custodita nella pinacoteca dei Musei Civici di Pavia. 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - ritrovo in via Francana
Quando: domenica 22 aprile 2018
Orario: 16.00
 
 
Pavia, 13/04/2018 (15148)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool