Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 23 settembre 2019 (344) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il gioco di Santa Oca
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» Il romanzo di Baslot
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» Prima che le foglie cadano
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 15146 del 13 aprile 2018 (959) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Rinnovare l’antico
Rinnovare l’antico

Sarà inaugurata domani, la personale di Miriam Prato "Rinnovare l'antico", la mostra, che ha il patrocinio del Comune di Pavia, vede la presenza alla vernice del l'Assessore alla Cultura del Comune di Pavia, Giacomo Galazzo, e dello storico dell'arte Prof. Emanuele Domenico Vicini.

Più di quaranta le opere in mostra, in un itinerario visivo che evidenzia la produzione dell'artista di Stradella mirata allo studio e alla rivisitazione di incisioni rinascimentali in chiave moderna. La tecnica utilizzata in preferenza da Miriam Prato è quella mista acrilico e smalto. Il risultato delle sue opere, connotate da un uso del colore di grande impatto, trova motivazione e impulso nella ricerca e nello studio dei soggetti, ciascuno dei quali è analizzato dall'artista stradellina nel suo contesto storico e sociale.

Il Rinascimento studiato da Miriam Prato si configura così come un "Rinascimento rinnovato", abitato da personaggi curiosi e storicizzati, ma ancora attuali. E’ il caso, ad esempio, dei dipinti d'insieme che propongono momenti di festa, di mercato e di socialità: la cura del dettaglio contribuisce a vivificare il gesto e l'espressione, trasmettendo il senso di emozioni e sentimenti universali e senza tempo, quali la gioia, il dolore, la sofferenza, l'amore.

Hanno un interesse particolare le figure a unico soggetto, quale il "Rhino", il rinoceronte che è la "firma" identificativa dell'artista. Animale esotico e curioso, simbolo della storia antica che attraversa i secoli, il "Rhino" di Miriam Prato esprime forza e un senso di ambiguità, fra energia espressa dalla massa corporea e impossibilità a prevederne l'azione. E' un rinoceronte statico, quello rappresentato da Mriam Prato, ma che osserva, dall'alto dei suoi millenni di esistenza, l'attualità, le sue contraddizioni e i suoi progressi. Quasi un simbolo della società attuale, coinvolta in sensazioni nuove – come indicato dalle scelte cromatiche – ma in attesa, attenta, di messaggi, impulsi e stimoli.

Le opere di Miriam Prato sono state esposte in mostre allestite a Piacenza, Milano, Bologna, Lerici, Matera, Montecosaro nelle Marche, Stupinigi (Palazzina di Caccia), Londra, Berlino, Bratislava. Dal 21 aprile, Miram Prato esporrà ad Amsterdam. Fra i premi ricevuti dall'artista, il Premio della Regione Liguria, il Trofeo della Città di Montecosaro, il Premio della critica Città di Bratislava. Molte delle sue opere fanno parte di collezioni private e pubbliche fra le quali il Foyer Teatro Sociale di Stradella, il Dipartimento di Stampe e disegni del Metropolitan di New York, la Banca Euromobiliare di Pavia.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Spazio per le Arti Contemporanee del Broletto di Pavia
Indirizzo: Piazza della Vittoria
Quando: da sabato 14 aprile 2018 a domenica 29 aprile 2018
Orario: giovedì e venerdì dalle ore 16.00 alle ore 19.00; sabato e domenica dalle ore 10.00 alle ore 12.30 e dalle ore 16.00 alle ore 19.00
Note:  Inaugurazione, ore 18.00

 
 
Pavia, 13/04/2018 (15146)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool