Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 24 aprile 2018 (435) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Incontri d’Arte
» Mostra d'arte leggera e inconsapevole
» Rinnovare l’antico
» Urbex Pavia Rewind
» Goya. Follia e ragione all’alba della modernità
» Dal mare i segni – da Albissola alla corte di Ludovico
» I volti che hanno cambiato la storia
» Filippo Cristini. Né gli alberi si scorgono tra loro
» Pavia ricorda Johann Peter e Joseph Frank
» Catalogna bombardata
» Futurismi
» Templari: storia e leggenda dei Cavalieri del Tempio
» Steve McCurry. Icons
» Un capolavoro in Castello
» Era Pavia
» Emozioni in armonia
» Pavia Art Talent
» Africa da immaginario e realtà
» Da Ninive a Mosul
» Design e Arte per la Ricerca Scientifica

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Incontri d’Arte
» Mostra d'arte leggera e inconsapevole
» Pavia Monasteri Imperiali. Un anno di indagini, scoperte e progetti
» Io e il mostro. Frankenstein, quasi una autobiografia.
» Giornata del libro e delle rose
» Scienza under 18
» Tutta colpa del '68?
» Quattro chiacchiere con Mimmo Sorrentino
» Rinnovare l’antico
» Il ferimento e la morte di Ferdinando Francesco d’Avalos
» Festa mobile. Un giro d'Italia a tappe di letture ad alta voce
» Giornata internazionale "Rom Sinti e Caminanti"
» Urbex Pavia Rewind
» Miti scientifici e come sfatarli
» Goya. Follia e ragione all’alba della modernità
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 15142 del 10 aprile 2018 (79) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Cantami o diva - donne del mito greco
Cantami o diva - donne del mito greco
La mostra Cantami o diva - donne del mito greco nasce dalla collaborazione tra il fotografo e insegnante di fotografia del Collegio Universitario S. Caterina, Antonio La Valle, e l'ex studentessa del medesimo Collegio, Silvia Mazzucco. Finalità del progetto è la rappresentazione fotografica di alcune protagoniste femminili del mito greco, poste sotto i diversi sguardi indagatori dei due autori.
 
Come scrive Gisele Freund: «Dieci fotografi di fronte allo stesso soggetto producono dieci immagini diverse, perché, se è vero che la fotografia traduce il reale, esso si rivela secondo l'occhio di chi guarda».
 
Nel viaggio alla scoperta delle donne della mitologia greca, si enuclea la sostanziale differenziazione dei percorsi rappresentativi dei due autori. Tale dicotomia si definisce a partire dalla personificazione femminile delle quattro stagioni, proseguendo con la rappresentazione del mito di Persefone, moglie di Ade e figlia di Demetra, legato al ciclo dell'anno.
Da questo personaggio si dirama l'itinerario artistico dei due autori: Antonio La Valle predilige una scelta non tematica, ma squisitamente cromatica, scura, drammatica, teatrale, raffigurando i personaggi di Alcyone, Circe, Medusa, Medea, Andromeda, Aracne, Selene, Cassandra, Pandora, le tre Moire; Silvia Mazzucco adotta colori tenui, naturali e delicati nella sua iconica rappresentazione dei personaggi di Teti, Penelope, Arianna, Dafne, Calypso, Galatea, Clizia, Elena, Nausicaa e Briseide.
 
 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Santa Maria Gualtieri
Indirizzo: Piazza della Vittoria 4
Quando: da martedì 17 aprile 2018 a domenica 29 aprile 2018
Orario: 9.30-12.00; 15.00-19.00
 
 
Pavia, 10/04/2018 (15142)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool