Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 25 giugno 2018 (720) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Novecento
» Spirito di Copenaghen
» Quà quà attaccati là
» Sette topi in cucina. Chi ha paura di Le Grand Miaò?
» Stelle Erranti. Perché il vento non le porti via
» Piccoli Crimini Coniugali
» Sogno di una notte di mezza sbronza
» Ed ero più mata de prima
» Fabule & Scarpule
» Tramp
» Il Mercante di Monologhi
» 2 Donne in Fuga,,,
» L’ora del ricevimento
» Tanti Lati – Latitanti
» Una giuria di sole donne
» Guarda come bolla
» Suzanne
» A letto dopo carosello
» Filastrocchevolmente
» La guerra dei Roses

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Bach alla Festa della Musica....
» Video Slam: gara di sequel
» Barocco Fuori
» L’Ora Illegale
» Random
» Fiori nel vento e argento di luna
» Futbol – Storie di calcio
» Maratona Horror al Cineteatro Volta
» Novecento
» Tre pezzi di teatro
» Spirito di Copenaghen
» Artylógico
» Mangia, bevi e taci!!!
» C'era una volta in Oriente
» U parrinu
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 15139 del 10 aprile 2018 (138) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il corpo che... avanza
Il corpo che... avanza

Un viaggio sul corpo attraverso le differenti visioni di scrittori che, dall'antichità a oggi, hanno descritto e raccontato, con toni divertiti, corpi amorosi (amplessi furtivi e adulterini), singole parti (mani, volti, deformità), corpi scambiati, deturpati ecc.

Lo spettacolo è costruito ispirandosi a testi scritti per il teatro, commedie comiche e leggere, dove il linguaggio si presta a più letture (anche licenziose) come accade nella migliore tradizione teatrale italiana. Il corpo che… avanza nella doppia accezione storico-temporale (dall'antichità fino ad oggi) e in quella di "corpo sezionato" cioè diviso in parti, segmenti, prima ancora che essere "unico".

Quattro corpi neutri, vestiti di nero, entro la scatola scenica, danno voce a suggestioni ispirate ad Apuleio, Boccaccio, Goldoni, Marinetti e danno vita, trasformandosi di volta in volta in personaggi comici e grotteschi, ad una lettura-scenica che predilige il repentino cambio d'epoca e di stili recitativi. Come un varietà un po' surreale che ripercorre i momenti più significativi della scrittura per il teatro comico, caratterizzata da alcuni elementi fondamentali: ritmo incalzante, battute, lazzi e doppi sensi.
Si parte con un testo che è in realtà un insieme di scritti, uno all'interno dell'altro, Le metamorfosi di Apuleio; puntando l'attenzione sulla trasformazione del protagonista Lucio in asino, e alcune avventure amorose in "forma" di animale. All'interno del testo di Apuleio c'è un legame diretto con la letteratura trecentesca: durante le avventure di Lucio-asino, si alternano storie, leggende, miti, e ad un certo punto ci si imbatte nel racconto della "giara" che verrà successivamente ripreso da Giovanni Boccaccio e riscritto nel Decameron, sciolto in una fluida lingua volgare trecentesca, spumeggiante e spiritosa.

I tre gobbi della fiaba goldoniana, un delizioso intermezzo in rima, iniziano la carrellata di "parti del corpo", che prosegue con la sintesi futurista di Marinetti e Corra "Le mani", e ancora con un testo sempre di Marinetti che sposa la tradizione comica popolare, L'officina della bellezza, sintesi nella quale si avvertono echi di teatro di varietà e sceneggiata napoletana.

 
 Informazioni 
Dove: Rivanazzano Terme - TRT – Teatro di Rivanazzano Terme
Indirizzo: Via Pedemonti ang. Viale Europa
Quando: sabato 14 aprile 2018
Orario: 21.00
Note:  Biglietto unico 10 euro

 
 
Pavia, 10/04/2018 (15139)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool