Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 26 maggio 2018 (805) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» 10 per Pavia a Catania!
» Il Demetrio su Amadeus
» La Sella Plicatilis a Magdeburgo
» Beatles Next Generation: bufala o realtà?
» Adotta un'orchidea!
» Oh, questa è bella! (appendice sanremese)
» George Harrison - Living in the material world
» I ragazzi della Via Stendhal
» Una tela del Procaccini a Lungavilla
» Donald & Jen MacNeill e i Lowlands
» La musica in Portogallo
» Cucina ebraica in Lomellina
» Mistero a Pavia
» Musica e auto
» La colomba… Ha fatto l’uovo!
» Musica ceca
» Una giornata a Camillomagus
» Piva piva l'oli d'oliva
» Sodalizio gastronomico...
» CicloPoEtica 2010

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lomello: un gioiello medievale
» Casei Medievale 2018
» A tu per tu con la Pietà
» C'era una Volta
» Sabato ai musei universitari...
» Day and Night al Castello Visconteo
» La Città delle 100 Torri
» A tutto museo
» Guardare e non toccare è una cosa da imparare!
» Varzi in Fiera
» Mercatino del Ri-Uso
» Nuovo allestimento alla Gipspteca
» Visita guidata all'Ateneo
» Visita alla chiesa di San Lazzaro
» Inaugurazione Spazio 900~2000
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 1509 del 26 novembre 2003 (4297) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Ricordi di vita contadina
Ricordi di vita contadina

Nel Parco della Vernavola, a metà strada tra Pavia e San Genesio, c'è un piccolo gioiello rurale, una tipica cascina a corte lombarda che è lì da sempre (ne si trovano infatti tracce in un documento storico datato al 1464)... è la Cascina Colombara.

Proprietà del Policlinico San Matteo, la tenuta è condotta dalla famiglia Tavazzani, che nutre un'autentica passione per tutto ciò che concerne la vita contadina. Una passione che ha spinto i coniugi Tavazzani a recuperare, con gusto e nel rispetto della tradizione, le varie componenti della struttura originaria e a raccogliere nel tempo oggetti e attrezzi agricoli del secolo scorso, reperiti per la maggior parte nelle campagne pavesi, trasformando così la cascina in una sorta di "museo"... che ora apre le porte al pubblico!

"Museo" è senza dubbio un termine riduttivo, perché non si tratta di qualche sala in cui sono esposti cimeli d'arte contadina: "Tutta la cascina è un museo - spiega la signora Tavazzani - è il ricordo "del tempo che fu", dei tempi in cui la cascina era un vero e proprio piccolo paese, e in esso si faceva tutto... dal formaggio alla lavorazione del legno".

All'interno della tenuta, i vari spazi sono sono stati recuperati e adibiti al loro uso originale. Si riscoprono così l'abitazione contadina, completamente arredata con il mobilio originale; il pagliericcio dove dormivano le mondine; l'antico caseificio, composto da "Cason" - dove si faceva bollire il latte -, "Camarin" - dove si separava il burro - e "Casera" - dove il formaggio veniva salato e stagionato; ma anche l'angolo del ciabattino/sellaio, del fabbro, del falegname e del "masulé" (colui che ammazzava il maiale) con i relativi strumenti di lavoro; la "Ca' d'bügà" - il corrispettivo di una moderna lavanderia -, le stalle e i recinti per i vari animali da cortile.

Ad arricchire il patrimonio storico-culturale della Colombara, nelle splendide scuderie che sfoggiano colonne in granito a sorreggere volte a crociera, sono stati "parcheggiati" anche aratri, slitte (per quando la campagna era ricoperta dalla neve), carri, biroc (l'elegante calessino da passeggio) e ben 11 trattori d'epoca.
Fanno parte della proprietà anche alberi e arbusti, per un totale di 60 specie diverse: un interessante percorso botanico che costituisce una ricca panoramica sulle essenze autoctone.

Un piccolo mondo antico, dove il tempo si è fermato, dando ora modo al pubblico di riscoprire o scoprire, a chi nemmeno ne sospettava l'esistenza, il fascino della cultura e delle tradizioni contadine... testimonianza delle nostre radici.

Al momento la cascina non ha ancora ottenuto il riconoscimento ufficiale di museo, ma "Aprire le porte della Colombara al pubblico - commenta la signora Tavazzani - rappresenta il primo passo per sensibilizzare gli enti e le autorità locali sulla valenza della cascina come un patrimonio da tutelare".

"L'idea - aggiunge Gabriele Roveda, presidente del Comitato di Quartiere Pavia Nord, che ha dato un forte sostegno promozionale alla stessa - ha ottenuto il patrocinio della Provincia di Pavia, dell'Apt e dei Comuni di Pavia, San Genesio, Certosa, Borgarello e Giussago (quelli del Parco Visconteo che vorremmo ricostituire)... e sarebbe davvero un peccato veder trasformare la cascina in un centro residenziale!".

 
 Informazioni 
Dove: Cascina Colombara
Dalla Vigentina - in direzione San Genesio -, superata la rotonda delle Carceri, ingresso sulla sinistra.
Ingresso: aperta gratuitamente al pubblico nei giorni di sabato 29 novembre , 6 e 13 dicembre 2003, dalle 9.30 alle 12.30.

Per informazioni:
Comitato di Quartiere Pavia Nord
Tel.: 0382/461534
 

Sara Pezzati

Pavia, 26/11/2003 (1509)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool