Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 22 luglio 2019 (305) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Festival di Gypsy
» Birrifici in Borgo
» Up-to-Penice
» Swing and Jazz
» Note d'acqua
» River Love Festival
» Concerto di pianoforte
» Festival delle Farfalle
» Il romanzo di Baslot
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Lo sguardo Oltre
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» Sentieri selvaggi, musica d'oggi al Borromeo
» Giochi d'acqua... dolce o salata?
» Giornata del Naso Rosso
» Risate Solidali
» L'Aquila, 6 aprile 2009: una svolta nella comprensione e percezione dei terremoti italiani
» Presentazione inutile

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» Il romanzo di Baslot
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Presentazione inutile
» Maria Corti: una vita per la parola. Un viaggio editoriale
» Walking the Line
» Pillole di... fake news
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 15059 del 21 febbraio 2018 (860) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Segni da una battaglia
Segni da una battaglia

Il Museo per la Storia dell’Università, Sistema museale di ateneo, Università di Pavia, organizzano un ciclo di incontri dedicati alla Battaglia di Pavia dal titolo “Segni da una battaglia”.

Il primo appuntamento è per sabato 24 febbraio con  Citazioni su tela e altri segni, cinquecento anni dopo la celebra battaglia che cambiò il corso della storia dell’Europa, il Museo per la Storia inaugura una mostra storico-artistica ispirata al grande evento storico.
La sala per le mostre temporanee del museo farà da cornice all’esposizione di otto tele, realizzate da Gabriele Albanesi, che coniugano l’interesse per la storia con il rigore formale nella ricerca pittorica. L’artista ha reso omaggio a alcune immagini storiche della battaglia tramutandole in una trama pittorica non figurativa, un collage fatto di piccole citazioni decontestualizzate che riconducono a contesti visivi differenti: la grafica infantile, le scritte murali, la scrittura che si ripete ossessivamente, liberata da ogni contenuto, astratta, forma tra le forme.
Sullo sfondo della sala oggetti e immagini richiamano il contesto storico: alcuni documenti originali dell’epoca raccontano con parole e immagini le vicende della battaglia e di alcuni personaggi che vi presero parte. Tra questi Renato di Savoia, figlio illegittimo di Filippo II duca di Savoia e zio del re di Francia, Francesco I. Passato alla storia come il “Bastardo di Savoia”, morì in prigionia, in seguito alle ferite riportate. I chirurghi rinascimentali furono costretti a fare i conti con le nuove terribili ferite da arma da fuoco mettendo a punto nuove tecniche operatorie e nuovi strumenti. Nella sala saranno esposti anche alcuni modellini 3D dei personaggi raffigurati nel ciclo di arazzi fiamminghi di Capodimonte sulla battaglia e una ricostruzione, sempre tridimensionale, della città di Pavia. Gli oggetti, già esposti nella mostra “1525-2015. Pavia, la Battaglia, il Futuro. Niente fu come prima”, tenutasi presso il Castello Visconteo di Pavia, sono stati realizzati dal Computer Vision & Multimedia Lab (CVMLab) del Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell’Informazione dell’Università di Pavia.

Sabato 24 marzo alle ore 16.30 presso l’aula multimediale del Museo per la storia (Strada Nuova, 65) Virginio Cantoni, professore ordinario di Ingegneria Informatica, illustrerà le applicazioni sviluppate dagli studenti del corso “Computer Vision” (laurea magistrale in Computer Engineering dell’Università di Pavia) e dai ricercatori del CVMLab: ricostruzioni 3D di edifici, scene e personaggi, simulazioni virtuali e immagini tattili della battaglia di Pavia e della città in epoca rinascimentali.

Sabato 14 aprile alle ore 16.30 presso l’Aula di disegno dell’Università (Palazzo Centrale, accanto all’Aula del ‘400) Gino Fornaciari, professore ordinario di storia della medicina dell’Università di Pisa, terrà una conferenza incentrata sulla figura di Francesco Ferdinando d’Avalos, vincitore della battaglia di Pavia. Verranno anticipati i risultati della campagna di esplorazione paleopatologica sui resti del condottiero, recentemente scoperti nella chiesa di S. Domenico Maggiore di Napoli. Lo studio autoptico illumina aspetti importanti legati alla battaglia di Pavia. 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia
Quando: nei giorni 24/02/2018 24/03/2018 14/04/2018
Note: Le iniziative sono gratuite.
Per la visita facoltativa alle sale espositive del Museo, ticket 4 euro. 

 
 
Pavia, 21/02/2018 (15059)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool