Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 23 febbraio 2018 (665) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» L'esperienza costituzionale di uno storico del diritto
» Aperitivo con la Duse
» La leggenda del pianista sull'Oceano
» Futbol – Storie di calcio
» Activators breakfast
» La Battaglia di Pavia - lo spazio permanente
» Verdi legge Verdi
» Gioco di squadra
» Immagina Coraggio
» Microrganismi effettivi
» Reading: grandi testi grandi traduttori
» La Bottega di Stranivari
» IMPROnte Digitali SHOW
» Tornano i Lunatici
» I vicini di Tutankhamon
» La “Risalita della Merla”
» Armonia della memoria
» Pomeriggio ludico
» 2 passi nei boschi dell’Occhio
» Un socialista dai banchi di scuola a quelli del Parlamento

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Aperitivo con la Duse
» La Battaglia di Pavia - lo spazio permanente
» E' Carnevale!
» Racconti al Museo
» Il presepe romano
» Pavia, crossroads of Europe
» Mercatino del riuso
» Mercatino di Natale
» Torre in Festa
» A tu per tu con l'astrario
» Trekking Urbano: sulle tracce dei longobardi
» Visita "a distanza ravvicinata"....
» Torre in Festa
» Arriva la FAImarathon a Varzi
» Castello Beccaria e Palazzo Malaspina Pedemonti
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 15037 del 7 febbraio 2018 (165) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
200 anni di archeologia...
200 anni di archeologia...

Nel 1818 Pietro Vittorio Aldini partecipa al bando di concorso per la prima cattedra di Archeologia istituita presso l'Università di Pavia, vinto l'incarico l’anno seguente prende servizio e fonda il Museo di Archeologia ora aperto al pubblico.

Il Museo espone diverse classi di materiali, rappresentativi di varie civiltà e di varie epoche, dalla preistoria al Seicento, in ossequio al principio didattico-scientifico stabilito fin dalle origini dal suo fondatore.

Tra i reperti si annovera un piccolo nucleo di sculture di età romana, tra cui spicca la bellissima testa marmorea dell’Afrodite Sosandra, copia romana forse del II sec. d.C. del celebre capolavoro bronzeo perduto dello scultore greco Calamide (V sec. a.C.). Un piccolo nucleo di antichità egizie, che comprende due mummie, un complesso abbastanza cospicuo di utensili e vasellame in bronzo, una significativa collezione di ceramica figurata: una serie di bronzetti e suppellettili bronzee, frammenti architettonici ed epigrafi, anche di provenienza locale. Completa la raccolta una Gipsoteca, con una trentina tra calchi e riproduzioni di dimensioni ridotte di importanti opere scultoree dell’arte greca. 

Se desiderate conoscere la storia del Museo e del suo fondatore e maggiori informazioni sui reperti esposti al pubblico, vi aspettiamo sabato 24 febbraio 2018 per un pomeriggio al Museo. 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Palazzo centrale dell'Università
Indirizzo: Corso Strada nuova 65
Quando: sabato 24 febbraio 2018
Orario: 15.30-18.30
Note: L’ingresso è a pagamento (gratis under 18, studenti fino a 26 anni, over 65). Non è necessario prenotare, info museo.archeologia@unipv.it

 
 
Pavia, 07/02/2018 (15037)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool