Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 15 novembre 2018 (467) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Se il tempo fosse un gambero?
» Ogni volta che si racconta una storia
» Teatro Fraschini: Stagione 2018/2019
» Il corpo che... avanza
» Novecento
» Spirito di Copenaghen
» Quà quà attaccati là
» Sette topi in cucina. Chi ha paura di Le Grand Miaò?
» Piccoli Crimini Coniugali
» Sogno di una notte di mezza sbronza
» Ed ero più mata de prima
» Fabule & Scarpule
» Tramp
» Il Mercante di Monologhi
» 2 Donne in Fuga,,,
» L’ora del ricevimento
» Tanti Lati – Latitanti
» Una giuria di sole donne
» Guarda come bolla
» Suzanne

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Spirito di Copenaghen
» Se il tempo fosse un gambero?
» Ogni volta che si racconta una storia
» Mistero Buffo
» Il mantello di Don Giovanni
» Una cesa, un pivion e du Malnat
» Insieme per la cattedrale
» Ibridazioni sul Mito di Frankenstein
» Terra Pavese
» l'EX|ART Film Festival
» Cinema Odeon. Si riparte
» Il Personaggio
» Teatro Fraschini: Stagione 2018/2019
» Bach alla Festa della Musica....
» Video Slam: gara di sequel
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 15018 del 23 gennaio 2018 (446) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Stelle Erranti. Perché il vento non le porti via
Stelle Erranti. Perché il vento non le porti via

In occasione della Giornata della Memoria, In Scena Veritas propone al pubblico la sua produzione Stelle Erranti. Perché il vento non le porti via. Con la regia di Alessandro Chieregato e l’interpretazione di Elisa Calderoni, Manuela Malaga e Rita Minchiotti.

Lo spettacolo nasce dalla reinterpretazione dei testi “Diari e lettere” di Etty Hillesum, “Lasciami andare” di Olga Schnider, “I bambini di Terezin” di Mario De Micheli e testimonianze di deportate ebree. Tre attrici, sul palco, per rielaborare il dramma della Shoah attraverso un susseguirsi di narrazioni di esperienze diverse, ma allo stesso tempo identiche, che culminano con un grande inno alla vita.
La struttura drammaturgica non segue un ordine cronologico degli eventi, ma si struttura in un susseguirsi di diverse esperienze e di profondi racconti, tenuti insieme dal percorso emotivo delle attrici in scena e dai canti dal vivo di Caterina Bellosta.


Abbiamo voluto presentare con lucidità gli orrori dei crimini nazisti – commenta il regista Alessandro Chieregato – senza infingimenti e falsi pudori. La crudezza si incarna nella figura femminile, nella sua sensibilità e concretezza. Tante donne ebree erranti nel mondo rivivono in scena. Le proporzioni di quella tragedia si sono fatte ancora più grandi nei nostri cuori, ma non abbiamo voluto rinunciare ad un'apertura alla speranza e alla bellezza della vita in tanto dolore.
 
 
 
 Informazioni 
Dove: San Martino Siccomario - Teatro Marcello Mastroianni
Indirizzo: Via Piemonte 8
Quando: sabato 27 gennaio 2018
Note:  L’ingresso allo spettacolo è gratuito.
 Lo spettacolo andrà in scena, lo stesso giorno alle 17.30, anche presso il Collegio Castiglioni Brugnatelli.

 
 
Pavia, 23/01/2018 (15018)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool