Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 20 novembre 2018 (503) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Corso di acquarello naturalistico
» Corsi di teatro per bambini e ragazzi
» Birra fai da te
» Corso base di Escursionismo I Livello
» Bomboniere handmade
» Lavorare a maglia con le braccia
» Albero o presepe o...?
» I corsi di Oltreunpo'
» Tutto il buono della natura
» Giardini e balconi naturali
» Teatro Forum Cittadino 2015
» Corsi di teatro
» Bonsai, alla scoperta di un'antica arte
» Origami natalizi
» Biscotti fai da te
» Piccoli naturalisti si diventa!
» Benvenuto Bacco
» L'italiano della canzone
» La Giullarata
» Il balcone diventa un'oasi naturale

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Marco Bianchi e "La cucina delle mie emozioni"
» Napoleone anche a Pavia
» Circolo di lettura
» Carta... canta! L'immagine del rock tra fotografia e archivi
» Ci siamo! Sguardi sull'identità giovanile
» "Hors d'Oeuvre"Assaggi di opere ed artisti dalla Permanente di Milano
» L’eccezione del blu/ frammenti di William Xerra
» Uliano Lucas. La vita e nient'altro
» Si sta come d’autunno
» AgriCultures
» I disegni alla cieca di Tiziano Pantano
» Mino Milani: una città, la guerra, la giovinezza
» Incontri d’Arte: Sergio Alberti
» Il rischio di educare
» Tra il vento e la neve Storie di prigionieri italiani nella Grande Guerra Pavia
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 15009 del 16 gennaio 2018 (573) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Creare la luce
Creare la luce

Anno nuovo e un nuovo progetto per il Castello Malaspina di Varzi: l’antico maniero si apre all’arte, a spazi reinventati, ad una nuova narrazione grazie a Creare per la luce, percorso di formazione che proporrà un’innovativa piattaforma culturale, strettamente legata al territorio ma, nello stesso tempo, aperta a nuovi orizzonti.

Creare per la luce è luogo di creazione, aperto a incontri di pittura intuitiva e workshop ideato da Simona Cazzulo e dall’associazione “Arte che Sogna” di Alessandro Saudino.
Nasce come risposta progettuale all’esigenza di dare spazio all’espressione artistica, attraverso un percorso di otto incontri aperto a tutti. L’arte non come fuga ma come espressione di sé, della propria anima sopita, del proprio fuoco interiore, uno strumento importante e bellissimo per chi ha il privilegio di accostarsi con il giusto animo a questo percorso creativo.
Questo percorso ha l’intento di formare persone capaci di operare nel mondo usando la via del cuore e l’espansione di coscienza per godere della vita nella sua pienezza e realizzazione. Il cammino evolutivo dell’uomo è inscindibile dalla creatività. La creatività è intimamente connessa con l’intuizione e la propria luce.
Lo strumento per riconoscere queste forze inizia con il lasciare andare le paure e le esperienze negative che ci bloccano in rigide strutture e, quindi, permetterci di vivere nuove esperienze positive. Creare qualcosa per il semplice scopo di creare è il primo passo per arrivare alla pura espressione di sé e connettersi alla nostra luce, alla nostra intuizione, al nostro saggio io.

Gli incontri si susseguono una volta al mese, durante il fine settimana, e il prossimo appuntamento è in calendario per il 20 e 21 gennaio.

Il format cambierà di volta in volta. Gli strumenti utilizzati sono la pittura intuitiva, il modellamento della creta, la cottura raku, l’arte sciamanica come espressione del sacro, il sogno e il suo cammino di potere, lo psicosciamanesimo e il tarocco evolutivo come percorso di guarigione. Si tratta di un percorso artistico di auto conoscenza e autoeducazione, ed è rivolto a tutti coloro che sono interessati all’arte e allo sciamanesimo come armonizzazione e riequilibrio di sé.
Si procederà, quindi, con la libertà, la varietà e lo spirito di ricerca del percorso artistico Creare per la luce in una cornice, quella del Castello Malaspina, che ha l’intento di assumere un ruolo attivo nel programma di crescita culturale del territorio.

Il borgo medievale di Varzi, con la sua storia millenaria, segnata dalle leggende, da risorse naturalistiche e bellezze architettoniche, diviene dunque un luogo ideale per alimentare questo dialogo del fare arte e dal progettare insieme intorno all’arte.

 
 Informazioni 
Dove: Varzi - Castello Malaspina
Indirizzo: Castello Malaspina, Piazza Umberto I – via Carlo Odetti 2
Quando: da sabato 20 gennaio 2018 a domenica 21 gennaio 2018
Orario: sabato dalle 14.00 alle 19.00, domenica dalle 9.30 alle 13.00
 
 
Pavia, 16/01/2018 (15009)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool