Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 23 luglio 2019 (350) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Un anno al Fraschini
» I Fratelli Lehman
» Il Gabbiano
» Caffè Corretto
» After Miss Julie
» Se il tempo fosse un gambero?
» Ogni volta che si racconta una storia
» Teatro Fraschini: Stagione 2018/2019
» Il corpo che... avanza
» Novecento
» Spirito di Copenaghen
» Quà quà attaccati là
» Sette topi in cucina. Chi ha paura di Le Grand Miaò?
» Stelle Erranti. Perché il vento non le porti via
» Piccoli Crimini Coniugali
» Sogno di una notte di mezza sbronza
» Fabule & Scarpule
» Tramp
» Il Mercante di Monologhi
» 2 Donne in Fuga,,,

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Un anno al Fraschini
» Lo sguardo Oltre
» Risate Solidali
» "Com' è profondo il mare"
» Ti si moj zivot - Tu sei la mia vita
» Le cose in comune
» Piccolo canto di Resurrezione
» Radiostrambodramma
» C'era una volta... A la nosa manera
» Al fiuto magico ad Rosanna
» Piccoli Argini: La Tempesta
» Il Pianoforte vuoto: provando Beethoven
» La Luna Nuova
» Verso il bosco”
» Enrica, che spettacolo di formica
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 15007 del 15 gennaio 2018 (1046) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Ed ero più mata de prima
Ed ero più mata de prima

Prosegue la stagione TRT del Teatro di Rivanazzano Terme con lo spettacolo di Irene Scova “Ed ero più mata de prima”, tratto dal testo di Anna Turra Storie della Snia.


Lidia è giovanissima, piena di entusiasmo e vivaci speranze, un’eroina moderna che parte lasciando le sue montagne del Veneto, per provare a scrivere da sé la sua storia, lontano dai campi a cui la lega il destino familiare, dentro alle promesse della grande fabbrica in città. 

 “Tutti i sogni nell’alba svaniscono” cantava Modugno e quelli di Lidia sembrano sul punto di fare la stessa fine, altrettanto, troppo presto. Ma la storia di questa mata, capace di ridere anche quando la vita morde i fianchi, spingendo con più forza il carrello delle rocche, andrà oltre: oltre il riscatto personale, oltre l’emancipazione femminile fatta di “calze fine, cipria e rossetto”, per consegnare intatto il suo bel sogno alle generazioni successive.

Le immagini dell’immenso colosso industriale della Snia Viscosa, di cui ora restano solo macerie, dipingono sullo sfondo della vicenda, l’affresco della storia recente di Pavia. Anna Turra dà voce autentica a quelle macerie raccontando storie fatte di sudori e contraddizioni ma anche di costruzione, solidarietà e senso del futuro, di cuori lanciati oltre l’ostacolo.

 Lo spettacolo toccante di Irene Scova sarà arricchito dalla presenza della stessa Anna Turra e di Marcella Milani, acuta fotografa, autrice di reportage su diverse aree dismesse della provincia pavese, da quelle industriali all’ex manicomio di Voghera.
 
 
 Informazioni 
Dove: Rivanazzano Terme - TRT – Teatro di Rivanazzano Terme
Quando: sabato 20 gennaio 2018
Orario: 21.00
Note:  Ingresso 10 euro. La biglietteria presso il Teatro apre alle 20.

 
 
Pavia, 15/01/2018 (15007)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool