Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 16 dicembre 2017 (467) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Oltrepò infinitamente grande, infinitamente piccolo, infinitamente complesso
» Vigevano tra cronache e memorie
» Il Futuro dell’Immagine
» L' Eredità di Corrado Stajano
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» Il pentagramma relazionale
» Ghislieri 450. Un laboratorio d’ Intelligenze
» Progettare gli spazi del sapere: il caso Ghislieri
» La Viola dei venti
» Solo noi. Storia sentimentale e partigiana della Juventus
» L'estate non perdona
» Il manoscritto di Dante
» Per una guida letteraria della provincia di Pavia
» Il naso della Sfinge
» A Londra con mia figlia
» Un comunista a Vigevano
» Pavia, silenziosi scatti
» L'importante è che torni il sole
» I Longobardi oltre Pavia: conquista, irradiazione, intrecci culturali
» Mino Milani, Il castello

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Un capolavoro in Castello
» Era Pavia
» Il nuovo volto dell'archeologia nel Vicino Oriente
» Racconto – Il contadino e il maslé
» Incontro con Laura Silvia Battaglia
» Oltrepò infinitamente grande, infinitamente piccolo, infinitamente complesso
» Pasternak, Feltrinelli e la pubblicazione de Il dottor Živago
» Il pranzo è servito
» I "giardini" nel Vicino Oriente antico
» Emozioni in armonia
» Pavia Art Talent
» "A ruota libera" con Gabriella Kuruvilla
» Vigevano tra cronache e memorie
» Ultimo week end: saluto ai Longobardi
» Africa da immaginario e realtà
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14977 del 6 dicembre 2017 (56) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Un nodo al fazzoletto
Un nodo al fazzoletto

 Una serie di racconti ambientati a Varzi e in Oltrepò, aventi untema comune: gli scherzi del destino”: si apre così la quarta di copertina del libro Un nodo al fazzoletto, che verrà presentato dall’autrice, Fiorenza Lanfranchi, il 9 dicembre al Castello Malaspina di Varzi.

«In questa raccolta – spiega Fiorenza Lanfranchipresento una serie di racconti, ambientati in epoche diverse, nel territorio dell’Oltrepò pavese, legati fra loro da un’ossessione o meglio dall’esigenza di ridimensionare un preconcetto, che ogni tanto affiora nella mia vita: la fatalità.  Ho sempre cercato di convincermi, con la razionalità, che ognuno di noi può avere sotto controllo la propria vita, può determinare con le sue scelte tutto ciò che gli accade. Ho riflettuto su questo tema, senza trovare una via d’uscita, perché in molte occasioni mi sono accorta che tante cose, che mi sono accadute, non sono dipese da me, sono capitate e basta. Così ho iniziato, con ironia, ad esaminare alcuni casi in cui il destino è stato beffardo, a volte nettamente contrario alle scelte fatte…»

21 racconti suddivisi in tre gruppi, per analogia rispetto alla locuzione latina “omen nomen” (il destino sia nel nome): destini avversi a dispetto del nome propizio, destini benigni nonostante un nome “cupo” e i destini corrispondenti al nome. Molti prendono il là da fatti di cronaca vera, altri attingono a ricordi della scrittrice, tutti si sviluppano seguendo la fantasia, alimentata dalla passione per le proprie radici, tra partenze e ritorni. Tutti affrontano con delicatezza l’argomento del fato opposto alle scelte compiute.
Il titolo - Un nodo al fazzoletto - è una metafora che simboleggia l’importanza della memoria della nostra identità, del nostro tessuto territoriale, che pur essendo un lembo, “un fazzoletto di terra”, ha contatti anche con terre lontane, oltre i confini dell’Oltrepò, per aprirsi e prepararsi all’imprevisto, al futuro, che è sempre un punto interrogativo. «E che dire dell’Oltrepò? - conclude l’autrice - Ha il destino di andare oltre? Lontano, corrispondente al suo nome? Auguriamocelo!».

«Io ne sono convinto - commenta il padrone di casa Enrico Odetti - ed è con quest’animo che sostengo la promozione di progetti di sviluppo sul territorio ed eventi culturali che possano contribuire a valorizzarlo, come ad esempio, almeno così ritengo, farà la mostra mercato di artigianato artistico selezionato “L’Arte delle Mani”, alla sua 3^ edizione nei giorni del 16 e 17 dicembre».

Alla presentazione, oltre all’autrice, interverranno l’Assessore alla Cultura del Comune di Varzi Silvia Giacobone e il Presidente della Biblioteca Rosella Piazzardi; Cristina Guardamagna proporrà delle letture dal libro stesso mentre Luigino e Stefano Gianelli offriranno degli intermezzi musicali.
 
 Informazioni 
Dove: Varzi - Castello Malaspina
Indirizzo: Piazza Umberto I
Quando: sabato 9 dicembre 2017
Orario: 16.30
Note:  ingresso libero

 
 
Pavia, 06/12/2017 (14977)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool