Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 18 giugno 2018 (245) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Moro. L'inchiesta senza finale
» Incontro con Elda Lanza
» In viaggio con Mino Milani
» Letizia Moratti ospite al Nuovo
» Io e il mostro. Frankenstein, quasi una autobiografia.
» Tutta colpa del '68?
» Festa mobile. Un giro d'Italia a tappe di letture ad alta voce
» La passione della letteratura
» 4 amici al bar
» L'Africa di Andrea De Giorgio
» Alessia Gazzola al Nuovo
» Come adottare uno stile di vita alcalino
» Una donna che scrisse il suo destino: Adelaide di Borgogna
» Raccontare il territorio pavese fra banche e imprese locali
» Costantino Nigra. L'agente segreto del Risorgimento
» Dal reportage al sogno
» Ti dico la verità
» Spettri, miei compagni. Charlotte Delbo, Auschwitz e il senso della memoria
» Laviamole un pò la faccia
» Come la politica entra nelle nostre case

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Bloomsday
» Siro Comics
» Incatenarsi all'oro e al vento
» Italiani, al voto!
» La Fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980
» Incontri d’Arte: Tomoko Nagao
» Nel segno di Olivetti
» Moro. L'inchiesta senza finale
» Il mito della Nazione
» Bruno Maida, L'infanzia nelle guerre del Novecento
» Nulla è più importante delle piccolezze. Tecniche d'indagine letteraria
» PaviArt
» Francesca Moscheni: I segni di Dio
» Incontro con Elda Lanza
» In questa perennità di giovani
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14942 del 17 novembre 2017 (417) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
The Dead City Project
 The Dead City Project

Sarà presentata una nuova fase di The Dead City Project, ideato da Maria Pia Pagani, docente di Letteratura teatrale, Istituzioni di regia e Storia del teatro all’Università di Pavia, con la collaborazione di Maurizio Harari, docente di Etruscologia e antichità italiche e direttore del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Pavia, e con il patrocinio della Fondazione “Il Vittoriale degli Italiani”.

Nella seconda parte del progetto si indagherà un aspetto finora ignorato dagli studi della tragedia di Gabriele D’Annunzio La città morta: la sua ripresa negli anni ’20 e la sua rinnovata fortuna negli Stati Uniti grazie all’ultima tournée dell’attrice Eleonora Duse.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito delle Conversazioni Dannunziane: una serie di incontri avviata dal Collegio Ghislieri nel 2013, in occasione del 150° anniversario della nascita di Gabriele D’Annunzio, con lo scopo di indagare gli aspetti meno noti della sua opera, a partire dalla produzione teatrale.

Per l’occasione sarà presente Paolo Quazzolo, docente si Storia del teatro dell’Università di Trieste e autore di molte apprezzate pubblicazioni di argomento teatrale.

 Programma della giornata:
 
All’Istituto superiore A.Volta, Aula Magna:11.00 – La “testimone velata” al Vittoriale: MariaPia  Pagani presenta un viaggio nel Vittoriale, accompagnato da considerazioni sulla figura di Eleonora Duse e la sua importanza per D’Annunzio.
 
Al Collegio Ghislieri, Aula Goldoniana:
 20.30 – L’antica Micene, Trieste, gli States: PaoloQuazzolo presenta La città morta attraverso l’allestimento che Eleonora Duse fece a Trieste nell’autunno 1922.

21.00 – Eleonora Duse e l’archeologo Leonardo: Maria PiaPagani spiega il successo de La città morta con mostra virtuale di rare immagini d’epoca e la proiezione commentata di alcuni filmati relativi ai principali attori della sua compagnia che negli anni hanno interpretato l’archeologo Leonardo: Ermete Zacconi nel debutto del 1901 e Memo Benassi negli anni ‘20.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia
Quando: mercoledì 22 novembre 2017
Orario: 11.00-21.00
Note:  Ingresso libero. Ai partecipanti sarà rilasciato un attestato di frequenza. 

 
 
Pavia, 17/11/2017 (14942)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool