Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 20 luglio 2018 (471) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» B&V: fisarmonica o clarinetto?
» Trio In Cassotto a B&V
» La Luna e l'Acqua
» Copia dal vero e fotografia
» Al Giardino delle farfalle
» Giornata del Laureato
» Notte di storie, storie di notte
» Oracula Sacra
» Sagra delle Sagre Oltrepò
» Il Personaggio
» Incontri d’Arte: Stefano Zacconi
» L'Amore che Unisce
» Convegno gratuito sul biotestamento
» Bach alla Festa della Musica....
» Passeggiata nel bosco
» Video Slam: gara di sequel
» Birre Vive Sotto la Torre
» Bloomsday
» Campagna Amica: tutti i giovedì a Pavia
» Vittadini Jazz Festival

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Copia dal vero e fotografia
» Roberto Kusterle: Cronache da un altro mondo
» Concorso fotografico "Ci siamo!"
» Incontri d’Arte: Stefano Zacconi
» Vox Animae
» Nicola Attadio racconta Nellie Bly
» Bloomsday
» Incatenarsi all'oro e al vento
» Siro Comics
» Italiani, al voto!
» La Fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980
» Incontri d’Arte: Tomoko Nagao
» Nel segno di Olivetti
» Moro. L'inchiesta senza finale
» Il mito della Nazione
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14935 del 16 novembre 2017 (336) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Abitare la bellezza
Abitare la bellezza

Città democratiche, imperiali, totalitarie, perverse, città di Dio, città leggendarie, città esclusive e inclusive... la storia del corpo della città procede con quella dell'abitare. Il corpo della città, le architetture, gli spazi delle relazioni, conoscono continui adattamenti messi in atto per abitare. Abitiamo stratificazioni, persistenze, rotture, e cancellazioni. Possiamo subire coercizioni da uno spazio cattivo o essere illuminati da uno spazio buono. Nei luoghi della città ci rispecchiamo.

La città influenza la psiche degli abitanti e viceversa. Il problema dell'abitabilità urbana si intreccia con il problema dell'abitabilità del mondo. A questo gioco non sfuggono oggi due questioni fondamentali: quella ecologica e quella della bellezza. Più di una coincidenza come ci mostrano tante periferie del mondo, brutte, inquinate e dolorose da abitare. Nesso, quello tra pensiero ecologico e pensiero estetico, intravisto da Federico Vercellone nel saggio Oltre la bellezza (il Mulino 2008) che delinea alcune possibili chiavi per superare la crisi vissuta dalla bellezza nel Novecento.

 Il 17 novembre Federico Vercellone sarà ospite del Festival.
La tavola rotonda cercherà con lui le parole giuste per rinnovare la percezione estetica che abbiamo della nostra città, del suo corpo, dei suoi spazi. Consapevoli che si tratta di materia difficile e sfuggente, ci chiederemo di quale bellezza abbiamo bisogno, quale bellezza possiamo ritrovare dopo le rotture del Novecento e la fertile epoca della pop-art, come riscoprire il centro e rinnovare le periferie e se e come la bellezza della città abbia ancora a che vedere con la bontà e la verità.

La tavola rotonda sarà moderata da Federica La Manna (Università della Calabria), e vede la partecipazione anche del sindaco di Pavia Massimo Depaoli e dell’architetto Luca Micotti.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Salone Teresiano, Biblioteca Universitaria
Indirizzo: Strada Nuova,65
Quando: venerdì 17 novembre 2017
Orario: 17.00
 
 
Pavia, 16/11/2017 (14935)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool