Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 16 dicembre 2017 (381) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Siamo sulla stessa barca
» 4^ Scarpadoro di Babbo Natale
» Sinfonia Gastronomica
» Racconto – Il contadino e il maslé
» Pavia, crossroads of Europe
» Hacker, archivi e simulatori: la riscoperta della prima CEP
» La Prima della Scala a Pavia
» Pasternak, Feltrinelli e la pubblicazione de Il dottor Živago
» I "giardini" nel Vicino Oriente antico
» Silvia canta il Musical
» Winter dreams
» So Kind così gentile Dracula
» Un amore di cucina
» Matteo Bussola: A Contemporary Storyteller
» Ultimo week end: saluto ai Longobardi
» Salvare la Mesopotomia
» Città per la Vita - Cities for Life
» Giochi da tavolo
» Il cellulare ci spia…
» La bellezza del Silenzio

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Un capolavoro in Castello
» Era Pavia
» Racconto – Il contadino e il maslé
» Il nuovo volto dell'archeologia nel Vicino Oriente
» Oltrepò infinitamente grande, infinitamente piccolo, infinitamente complesso
» Incontro con Laura Silvia Battaglia
» Un nodo al fazzoletto
» Il pranzo è servito
» Pasternak, Feltrinelli e la pubblicazione de Il dottor Živago
» I "giardini" nel Vicino Oriente antico
» Pavia Art Talent
» Emozioni in armonia
» "A ruota libera" con Gabriella Kuruvilla
» Vigevano tra cronache e memorie
» Ultimo week end: saluto ai Longobardi
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14935 del 16 novembre 2017 (65) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Abitare la bellezza
Abitare la bellezza

Città democratiche, imperiali, totalitarie, perverse, città di Dio, città leggendarie, città esclusive e inclusive... la storia del corpo della città procede con quella dell'abitare. Il corpo della città, le architetture, gli spazi delle relazioni, conoscono continui adattamenti messi in atto per abitare. Abitiamo stratificazioni, persistenze, rotture, e cancellazioni. Possiamo subire coercizioni da uno spazio cattivo o essere illuminati da uno spazio buono. Nei luoghi della città ci rispecchiamo.

La città influenza la psiche degli abitanti e viceversa. Il problema dell'abitabilità urbana si intreccia con il problema dell'abitabilità del mondo. A questo gioco non sfuggono oggi due questioni fondamentali: quella ecologica e quella della bellezza. Più di una coincidenza come ci mostrano tante periferie del mondo, brutte, inquinate e dolorose da abitare. Nesso, quello tra pensiero ecologico e pensiero estetico, intravisto da Federico Vercellone nel saggio Oltre la bellezza (il Mulino 2008) che delinea alcune possibili chiavi per superare la crisi vissuta dalla bellezza nel Novecento.

 Il 17 novembre Federico Vercellone sarà ospite del Festival.
La tavola rotonda cercherà con lui le parole giuste per rinnovare la percezione estetica che abbiamo della nostra città, del suo corpo, dei suoi spazi. Consapevoli che si tratta di materia difficile e sfuggente, ci chiederemo di quale bellezza abbiamo bisogno, quale bellezza possiamo ritrovare dopo le rotture del Novecento e la fertile epoca della pop-art, come riscoprire il centro e rinnovare le periferie e se e come la bellezza della città abbia ancora a che vedere con la bontà e la verità.

La tavola rotonda sarà moderata da Federica La Manna (Università della Calabria), e vede la partecipazione anche del sindaco di Pavia Massimo Depaoli e dell’architetto Luca Micotti.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Salone Teresiano, Biblioteca Universitaria
Indirizzo: Strada Nuova,65
Quando: venerdì 17 novembre 2017
Orario: 17.00
 
 
Pavia, 16/11/2017 (14935)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool