Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 24 aprile 2018 (890) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Il corpo che... avanza
» Novecento
» Spirito di Copenaghen
» Quà quà attaccati là
» Sette topi in cucina. Chi ha paura di Le Grand Miaò?
» Stelle Erranti. Perché il vento non le porti via
» Piccoli Crimini Coniugali
» Ed ero più mata de prima
» Sogno di una notte di mezza sbronza
» Fabule & Scarpule
» Il Mercante di Monologhi
» Tramp
» L’ora del ricevimento
» 2 Donne in Fuga,,,
» Tanti Lati – Latitanti
» Una giuria di sole donne
» Guarda come bolla
» Suzanne
» Filastrocchevolmente
» La guerra dei Roses

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Maratona Horror al Cineteatro Volta
» Il corpo che... avanza
» Novecento
» Tre pezzi di teatro
» Spirito di Copenaghen
» Mangia, bevi e taci!!!
» C'era una volta in Oriente
» Artylógico
» U parrinu
» Amori, segreti e altri disastri
» Pic Nic Bum Cik
» Donne
» I Suroti
» Cambiamo Gioco
» Futbol – Storie di calcio
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 14927 del 13 novembre 2017 (273) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
A letto dopo carosello
A letto dopo carosello

Raffaella Carrà duettava con Topo Gigio, dalla Malesia arrivava Sandokan, non perdevamo mai l'appuntamento con l’Almanacco del giorno dopo o con Supergulp.

Mentre a scuola la maestra zitella ci terrorizzava facendo l'appello, a merenda mangiavamo pane burro e zucchero, l'austerity ci costringeva alle domeniche in bicicletta, e i pomeriggi si passavano con gli amici giù in cortile.

Ma soprattutto, si andava sempre A letto dopo carosello, tranne il sabato sera, che passavamo tutti insieme sul divano in compagnia di Sandra e Raimondo, Mina, Franca Valeri, Paolo Panelli, Bice Valori; Alighiero Noschese e chi più ne ricorda più ne metta.

A letto dopo carosello, è un varietà per attore solo che è diventato ormai un piccolo cult che gira l'Italia in lungo e in largo ininterrottamente da ben 6 anni, come se fosse un album di figurine, molto amato dalla generazione dei quarantenni, allora bambini, e dai loro genitori. Era la fine degli anni '70, il decennio più rivoluzionario, entusiasmante ed emozionante della nostra storia. Un’epoca che fa bene al cuore ricordare, soprattutto in un momento storico in cui c'è bisogno di tenere a mente che siamo stati leggeri, coraggiosi e pieni di fducia. E forse possiamo esserlo ancora.

In scena con il Maestro Greggia, Michela Andreozzi ripercorre i personaggi più amati della televisione e della musica anni '70 in un viaggio a ritroso nel tempo intriso di tenerezza, comicità e racconti, e intervallato dal gioco interattivo dei jingle pubblicitari, in cui il pubblico viene chiamato a indovinare storici Caroselli e premiato con la mitica caramella Rossana.

Immersa nelle atmosfere dell’epoca, dà il suo omaggio alle icone di quegli anni, da Franca Valeri a Gabriella Ferri, passando dal bianco e nero al colore, dalla comicità leggendaria del Teatro delle Vittorie al sinistro fascino degli sceneggiati, dalle sigle dei cartoni animati agli eroi dei telefilm, dalle rubriche ai varietà che hanno reso indimenticabile la nostra televisione.
Sullo sfondo la vita reale di quegli anni intensi, così vicini e diversi, e le tragicomiche vicende di una bambina qualsiasi e della sua famiglia, la scuola, gli amici, le vacanze.
 
 Informazioni 
Dove: Mede - Teatro Besostri
Indirizzo: Via Matteotti 3
Quando: sabato 18 novembre 2017
Orario: 21.00
 
 
Pavia, 13/11/2017 (14927)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool