Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 20 novembre 2017 (475) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Incontro con Raffaele Cantone
» Informazione e disinformazione tra Rete e realtà
» Incontro con Mino Milani
» The Dead City Project
» Incontro con Franco Roberti
» Medicina e narrazione, quali i rapporti?
» Trentacinque anni della legge Rognoni La Torre
» Seminari Ghslieriani di Psicoanalisi
» Barbari? Qualche idea sui Longobardi
» Un Taramelli che parla di Taramelli
» La fortuna aiuta gli audaci
» Ciclismo eroico. Storia del ciclismo pavese
» La strage di Piazza Fontana: giustizia, storia e memoria
» La lezione di Giovanni Falcone
» Fai da te ecologico
» La kinesiologia arriva a Varzi
» Incontro con Marco Missiroli
» Andavo per nuvole e onde
» Conversazioni Pavesi con Letizia Battaglia
» Elogio della Materia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Africa da immaginario e realtà
» Incontro con Mino Milani
» The Dead City Project
» Informazione e disinformazione tra Rete e realtà
» Il Futuro dell’Immagine
» Conversazioni pavesi con Daniele Novara
» Abitare la bellezza
» Studi sull'alto medioevo pavese
» Da Ninive a Mosul
» L' Eredità di Corrado Stajano
» Design e Arte per la Ricerca Scientifica
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» Dondi e Petrarca: un'amicizia tra Padova e Pavia
» Limyè
» Medicina e narrazione, quali i rapporti?
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14909 del 6 novembre 2017 (43) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
DNA: un affare che scotta
DNA: un affare che scotta

Si può morire di farmaci? O per un'unica pasticca di ecstasy presa per la prima volta durante una serata in discoteca? Perché un farmaco fa bene ad una persona e ad un'altra fa male? Perché non siamo tutti uguali. Sono i geni che ci distinguono gli uni dagli altri e ci rendono differenti non solo nell'aspetto.

Ne parleranno Ornella Pastoris, Docente di Farmacologia del Dipartimento di Biologia e Biotecnologie dell'Università di Pavia e Valeria Petrolini del Centro Antiveleni degli ICS Maugeri coordinatrici di un gruppo di ricerca che studia i polimorfismi, piccoli errori di battitura nel DNA, che a volte stravolgono il prodotto di un gene e fanno sì che un farmaco agisca poco oppure che provochi effetti secondari indesiderati.

Su questo tema, sempre più pressante, l'Università di Pavia ha lanciato una Campagna di raccolta fondi sulla piattaforma Universitiamo dal titolo DNA: un affare che scotta chiamando a raccolta la città. L'uso degli psicofarmaci, in continuo aumento nella cura di alcuni di ansia, depressione, maniacalità e psicosi, ma anche le intossicazioni da cocaina,ecstasy e sostanze psicoattive di sintesi che caratterizzano oggi il nuovo panorama delle droghe, spesso porta ad effetti collaterali che possono essere da lieve o media gravità, ma in alcuni casi possono provocare la morte.

Farmaci e droghe non sono affatto entità così lontane poiché condividono gli stessi meccanismi d'azione all'interno dell'organismo. Studiare e comprendere i geni che predispongono a queste reazioni avverse può aiutarci a meglio identificare e prevenire i gravi effetti collaterali dell'assunzione di farmaci o sostanze d'abuso.

 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Salone Teresiano - Biblioteca Universitaria
Quando: giovedì 9 novembre 2017
Orario: 17.00
 
 
Pavia, 06/11/2017 (14909)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool