Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 20 novembre 2017 (468) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Incontro con Raffaele Cantone
» Informazione e disinformazione tra Rete e realtà
» Incontro con Mino Milani
» The Dead City Project
» Incontro con Franco Roberti
» DNA: un affare che scotta
» Trentacinque anni della legge Rognoni La Torre
» Seminari Ghslieriani di Psicoanalisi
» Barbari? Qualche idea sui Longobardi
» Un Taramelli che parla di Taramelli
» La fortuna aiuta gli audaci
» Ciclismo eroico. Storia del ciclismo pavese
» La strage di Piazza Fontana: giustizia, storia e memoria
» La lezione di Giovanni Falcone
» Fai da te ecologico
» La kinesiologia arriva a Varzi
» Incontro con Marco Missiroli
» Andavo per nuvole e onde
» Conversazioni Pavesi con Letizia Battaglia
» Elogio della Materia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Africa da immaginario e realtà
» Incontro con Mino Milani
» The Dead City Project
» Informazione e disinformazione tra Rete e realtà
» Il Futuro dell’Immagine
» Conversazioni pavesi con Daniele Novara
» Abitare la bellezza
» Studi sull'alto medioevo pavese
» Da Ninive a Mosul
» L' Eredità di Corrado Stajano
» Design e Arte per la Ricerca Scientifica
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» Dondi e Petrarca: un'amicizia tra Padova e Pavia
» Limyè
» DNA: un affare che scotta
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14908 del 6 novembre 2017 (52) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Medicina e narrazione, quali i rapporti?
Medicina e narrazione, quali i rapporti?

Nell'ambito del ciclo "I giovedì del Collegio Cairoli”,  il Prof. Sandro Spinsanti, Membro del Comitato Nazionale di Bioetica terrà una conferenza dal titolo: "Evidence Based Medicine e Narrative Based Medicine: quali rapporti reciproci?"
Il relatore sarà presentato dal Prof. Marcello Orzalesi, Coordinatore Scientifico Fondazione Maruzza Lefebre D'Ovidio Onlus,  argomento della conferenza Medicina e narrazione: hanno qualche rapporto l'una con l'altra?

Viene spontaneo pensarle come due realtà estranee che, come l'acqua e l'olio, possono stare insieme solo miscelandole con forza. La medicina, ovvero l'arte di curare i mali del corpo, la immaginiamo su un piano diverso rispetto alle parole, che costituiscono la trama della nostra vita sociale.
L'accostamento è una questione di moda? Potrebbe farlo pensare l'immagine che l'editore ha deciso di porre in copertina del libro che ho dedicato alla medicina narrativa (La medicina vestita di narrazione, Il Pensiero Scientifico, 2016). Ha scelto un manichino, con tanto di metro annodato al collo, così da creare inequivocabilmente un'atmosfera da sartoria. Ebbene, proprio la sartoria è la metafora che ci aiuta a mettere a fuoco il legame che esiste tra la cura e la narrazione. Più che l'interesse per le mode effimere, ci guida l'intento che è proprio dell'arte sartoriale: adattare l'abito al corpo della persona. Così che ognuno senta ciò che indossa come un'espressione del suo io più profondo.
Siamo forse nel regno dell'utopia? Certo, non ci accontentiamo di una medicina ridotta a una sottospecie della meccanica dei corpi e di professionisti sanitari nel ruolo di "aggiustatori" (così come Tiziano Terzani chiamava gli oncologi che si impegnavano a sconfiggere il suo cancro, ma prescindendo completamente dalla sua persona: con una storia, un progetto, una vicenda esistenziale unica). La medicina narrativa può essere un'etichetta nuova per veicolare un'aspirazione antica: che coloro che forniscono la cura e i malati che la ricevono si incontrino anzitutto come esseri umani.

L'"umanizzazione" dei trattamenti sanitari, che viene tanto spesso invocata, non passa attraverso i buoni sentimenti. Empatia e condivisione non guastano, certo; ma è essenzialmente la parola quella che costituisce il dono e il compito della nostra umanità. Lo scambio di parola si traduce in informazione e in ascolto. In medicina l'informazione ha acquisito progressivamente diritto di cittadinanza. Basti pensare che solo fino a pochi anni fa ai medici si chiedeva di prendere decisioni di cura "in scienza e coscienza", senza sentirsi obbligati a informare i malati e a ottenere un esplicito consenso ai trattamenti.

ll Prof. Sandro Spinsanti è laureato in teologia morale e psicologia, con formazione psicoterapeutica. Ha insegnato etica medica nella facoltà di Medicina all'Università Cattolica del Sacro Cuore e bioetica nell'Università di Firenze. Ha diretto il Dipartimento di Scienze Umane dell'Ospedale Fatebenefratelli dell'Isola Tiberina (Roma) e il Centro Internazionale Studi Famiglia (Milano). È stato componente del Comitato Nazionale per la Bioetica e presidente di numerosi Comitati etici per la ricerca. Ha fondato l'Istituto Giano per le Medical Humanities e il management in sanità (Roma). Ha diretto la rivista di Medical Humanities Janus (ed. Zadig). Tra le sue pubblicazioni: Chi decide in medicina?, ed. Zadig, Roma 2004; La medicina vestita di narrazione, Il Pensiero Scientifico, Roma 2016. 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Aula Magna del Collegio Fratelli Cairoli
Quando: giovedì 9 novembre 2017
Orario: 18.00
 
 
Pavia, 06/11/2017 (14908)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool