Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 20 novembre 2017 (391) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Incontro con Raffaele Cantone
» Informazione e disinformazione tra Rete e realtà
» Incontro con Mino Milani
» The Dead City Project
» Medicina e narrazione, quali i rapporti?
» Incontro con Franco Roberti
» DNA: un affare che scotta
» Seminari Ghslieriani di Psicoanalisi
» Barbari? Qualche idea sui Longobardi
» Un Taramelli che parla di Taramelli
» La fortuna aiuta gli audaci
» Ciclismo eroico. Storia del ciclismo pavese
» La strage di Piazza Fontana: giustizia, storia e memoria
» La lezione di Giovanni Falcone
» Fai da te ecologico
» La kinesiologia arriva a Varzi
» Incontro con Marco Missiroli
» Andavo per nuvole e onde
» Conversazioni Pavesi con Letizia Battaglia
» Elogio della Materia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Africa da immaginario e realtà
» Incontro con Mino Milani
» The Dead City Project
» Informazione e disinformazione tra Rete e realtà
» Conversazioni pavesi con Daniele Novara
» Il Futuro dell’Immagine
» Studi sull'alto medioevo pavese
» Abitare la bellezza
» Da Ninive a Mosul
» L' Eredità di Corrado Stajano
» Design e Arte per la Ricerca Scientifica
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» Dondi e Petrarca: un'amicizia tra Padova e Pavia
» Limyè
» Medicina e narrazione, quali i rapporti?
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14895 del 23 ottobre 2017 (169) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Trentacinque anni della legge Rognoni La Torre
Trentacinque anni della legge Rognoni La Torre

Il 13 settembre del 1982 veniva approvata la legge 646, nota come Rognoni - La Torre. Per la prima volta nel codice penale italiano venivano introdotti il reato di associazione per delinquere di stampo mafioso (art. 416 bis) e la norma per la confisca dei beni ai boss, con il  loro conseguente riutilizzo sociale.

Il testo normativo traeva origine da una proposta di legge presentata alla Camera dei deputati il 31 marzo 1980 (Atto Camera n. 1581), che aveva come primo firmatario l'on. Pio La Torre e alla cui formulazione tecnica collaborarono anche due giovani magistrati della Procura di Palermo, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Pio La Torre, sindacalista e parlamentare del Partito Comunista Italiano pagò con la vita questa sfida alla mafia venendo ucciso il 30 aprile 1982 in un attentato in cui morì anche il suo autista Rosario Di Salvo. La sua proposta legislativa fu raccolta dall'allora ministro dell'Interno, il democristiano Virginio Rognoni, e fu trasformata in legge dal Parlamento il 13 settembre del 1982, dieci giorni dopo l’attentato in cui perse la vita il Generale Carlo Alberto dalla Chiesa, Prefetto di Palermo, ucciso assieme alla moglie e all’agente di scorta.

In occasione dei trentacinque anni dall’approvazione della legge, il Collegio Universitario S. Caterina di Pavia rievocherà quella pietra miliare nella lotta contro le organizzazioni mafiose in un incontro che vedrà ospite l’ex-ministro Virginio Rognoni, il figlio di Pio La Torre, lo storico Franco La Torre e Nando Dalla Chiesa, sociologo dell’Università degli Studi di Milano e figlio del Generale Carlo Alberto dalla Chiesa.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Collegio Universitario S. Caterina
Indirizzo: via S. Martino 17/B
Quando: giovedì 26 ottobre 2017
Note:  ingresso gratuito

 
 
Pavia, 23/10/2017 (14895)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool