Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 10 dicembre 2019 (604) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Canti e storie nel bosco incantato
» La notte dei cantastorie
» Oltre lo sguardo
» L'altro Leonardo
» Looking for Monna Lisa
» Pavia Art Talent: una fiera per l'arte accessibile
» Incontro con Giorgio Scianna
» Custodire la memoria. Incontro con Giovanni Paparcuri
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Arianna Arisi Rota, Risorgimento. Un viaggio politico e sentimentale
» Libri al Fraccaro: Street philosophy Saggezza quotidiana
» Francesco Melzi e i codici di Leonardo
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14890 del 19 ottobre 2017 (1391) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Emilio Cavallini. Oltre la tela – Evoluzione di fibre filate di calze
Emilio Cavallini. Oltre la tela – Evoluzione di fibre filate di calze

Dal 21 ottobre al 26 novembre 2017 nelle sale del Castello di Belgioioso, Pavia, si terrà la mostra “Emilio Cavallini. Oltre la tela – Evoluzione di fibre filate di calze” a cura di Giuliano Allegri.

In esposizione un’importante selezione di opere del famoso stilista realizzate dagli anni Ottanta fino ai giorni nostri, in gran parte inedita. Contemporaneamente all’attività di stilista, infatti, Emilio Cavallini ha coltivato la sua creatività anche nell’ambito dell’arte, realizzando opere immaginate solo per soddisfare le sue esigenze interiori.

Per le sue opere Emilio Cavallini usa i materiali provenienti dagli stessi laboratori di produzione delle calze, come il filo di nylon, le bobine per i filati, i tessuti stampati, fino alle calze stesse.

Nelle Accumulazioni offre i suoi dripping di Pollock, nei Diagrammi l’equilibrio perfetto tra materia e spazio. Realizza le Scacchiere con stampe optical tese su dei tubi, muovendosi tra le strutture espansive dei motivi del quadrato, del rombo, del triangolo, del rettangolo e del cerchio: sfruttando le geometrie e i colori gioca sulle composizioni.

Dalle teorie sul caos, dalle leggi combinatorie, dagli algoritmi di accrescimento trova ispirazione per realizzare le strutture spaziali: i Frattali, le Strutture Catastrofiche, i Diagrammi, gli Attrattori, le Biforcazioni.  Tutte si relazionano con il pieno e il vuoto, con un rigido procedimento di ripetizioni, sviluppando simmetrie interne, giocando su scale differenti, elaborando perfette strutture architettoniche.

Emilio Cavallini, grazie ad un incontro con Mary Quant nella Londra degli anni ’60, inizia la sua ricerca sulla potenzialità della calza vestendo le gambe femminili, per la prima volta, scoperte dalla minigonna. Cavallini risponde a questa esigenza rivoluzionando la percezione della calza, innalzandola per scelta alla stessa dignità dell’abito e nella funzione di ridefinire la donna parte dal mondo dell’arte contemporanea. Per i successivi quarant’anni continua incessantemente a tessere una relazione inestricabile fra i due mondi: arte e moda. Contemporaneamente all’attività di stilista e mentre cresce la sua notorietà nel mondo, coltiva la sua creatività anche nell’ambito dell’arte.
Incontrastato “signore delle calze” della moda internazionale dal 2010, decide di concentrare la propria attenzione all’arte scegliendo di mostrare al pubblico la sua produzione.

La mostra è curata da Giuliano Allegri, testi di Fabrizio Guerrini, catalogo Edizioni Della Bezuga.
 
 
 Informazioni 
Dove: Belgioioso - Castello di Belgioioso
Quando: da sabato 21 ottobre 2017 a domenica 26 novembre 2017
Orario: 10,30 /12,30 – 14,00/17,00
Note: Ingresso/brochure 5 € - catalogo: 20 €

 
 
Pavia, 19/10/2017 (14890)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool