Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 23 ottobre 2017 (1732) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» La Viola dei venti
» Solo noi. Storia sentimentale e partigiana della Juventus
» L'estate non perdona
» Il manoscritto di Dante
» Per una guida letteraria della provincia di Pavia
» Il naso della Sfinge
» A Londra con mia figlia
» Un comunista a Vigevano
» Pavia, silenziosi scatti
» L'importante è che torni il sole
» I Longobardi oltre Pavia: conquista, irradiazione, intrecci culturali
» Mino Milani, Il castello
» Il mercante dei quadri scomparsi
» L'incredibile cena dei fisici quantistici
» Musica & Poesia tra il Mondo e l’Universo
» Gastone Cappello: Autorevolezza e Passione in Anni Difficili
» Presentazione del volume Pavia, la Battaglia, il Futuro ...
» Il Re bavarese delle favole
» Turismo dell'Ottocento
» Edward – Il mistero del re di Auramala

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Tracce. Percorsi Longobardi
» Un pomeriggio in Kurdistan
» Emilio Cavallini. Oltre la tela – Evoluzione di fibre filate di calze
» Seminari Ghslieriani di Psicoanalisi
» Libri in Libertà
» Un Taramelli che parla di Taramelli
» Barbari? Qualche idea sui Longobardi
» I manoscritti restaurati
» Mercatino dei Piccoli
» Contempora Langobardorum
» Letture dell'Adelchi di Alessandro Manzoni
» Robert Doisneau: Pescatore d’immagini
» Nextvintage d'autunno
» Domenica di carta
» L’universo ad orologeria
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14878 del 11 ottobre 2017 (121) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Progettare gli spazi del sapere: il caso Ghislieri
Progettare gli spazi del sapere: il caso Ghislieri

Sarà presentato marted il volume Il Collegio Ghislieri di Pavia 1567-2017. Il complesso monumentale dal XVI al XXI secolo di Gianpaolo Angelini, docente di Storia dell’architettura moderna e di Museologia all’Università di Pavia. Alla presentazione interverranno, oltre all’autore, il Rettore del Collegio Andrea Belvedere, il Presidente del Consiglio di Amministrazione Gian Arturo Ferrari, e Alessandro Morandotti, docente di Storia dell’arte moderna all’Università di Torino. A seguire, è previsto un rinfresco presso il Salone San Pio del Collegio.

Il libro – edito da Mondadori Electa nella collana Temi di Architettura in occasione dei 450 anni del Collegio e illustrato dalle splendide fotografie di Fiorenzo Cantalupi – affronta la complessa storia architettonica del Ghislieri, iniziata con la fondazione nel 1567 e proseguita fino agli anni ’60 del Novecento.  Dopo la fondazione voluta da papa Pio V, al secolo Antonio Michele Ghislieri, il progetto del palazzo destinato a ospitare la comunità degli alunni fu affidato a Pellegrino Tibaldi, figura di spicco dell’architettura lombarda nel secondo Cinquecento, e la sua costruzione si protrasse sino ai primi del Seicento, coinvolgendo altri professionisti come Martino Bassi. Da subito il palazzo si inserì prepotentemente nel dibattito sulle residenze collettive per studenti universitari e sui luoghi di formazione, diventando uno dei prototipi illustri nei successivi sviluppi del tema. Nei secoli successivi, il riformismo asburgico, la Restaurazione e l’unificazione del Regno d’Italia determinarono numerosi riassetti e ampliamenti, che riguardarono anche la piazza antistante il Collegio. Fu solo tra gli anni ‘30 e gli anni ‘60 del Novecento, con gli ulteriori ampliamenti del complesso e la costruzione della nuova sezione femminile, che il Collegio assunse l’attuale conformazione architettonica, dove ancora oggi si svolge la vita quotidiana di un’istituzione che opera sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica ed è riconosciuta dal Ministero dell’Università come Ente di Alta Qualificazione Culturale.

Il volume ha offerto l'occasione non solo di approfondire la conoscenza di un’istituzione plurisecolare come il Collegio o di studiare un complesso architettonico rilevante, ma ha anche permesso di evidenziare tematiche più ampie come la committenza del primo patrono, il cardinal Bonelli, e del primo prefetto Giorgio Pagliaro o il ruolo di un architetto emblematico della Riforma cattolica come Pellegrino Tibaldi, nonché di censire l'intero patrimonio artistico, quadri e statue, del palazzo – dichiara il curatore Gianpaolo Angelini, il cui legame con il Collegio Ghislieri è duplice: “Come alunno, sento l'appartenenza a una comunità che ha sia radici storiche e tradizioni sia stimoli e ambizioni verso il futuro; come storico il Collegio mi appare come un vero laboratorio di ricerca, che anche prossimamente non mancherà di essere oggetto di studi specialistici”. 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Aula Goldoniana del Collegio Ghislieri di Pavia
Quando: martedì 17 ottobre 2017
Orario: 17.30
 
 
Pavia, 11/10/2017 (14878)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti