Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 18 giugno 2018 (233) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Passeggiata nel bosco
» Birre Vive Sotto la Torre
» Video Slam: gara di sequel
» Campagna Amica: tutti i giovedì a Pavia
» Bloomsday
» Vittadini Jazz Festival
» Siro Comics
» A Pavia Barocca, Frescobaldi e il canto gregoriano
» Aspettando Vittadini Jazz Festival
» Il fantastico mondo degli insetti
» Primo Festeenval
» Barocco Fuori
» Le cose in comune
» A tu per tu con la Pietà
» Perepepé - Il Maestro Rolla, ambasciatore della viola
» Nel segno di Olivetti
» L’Ora Illegale
» Random
» Il mito della Nazione
» Bruno Maida, L'infanzia nelle guerre del Novecento

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Video Slam: gara di sequel
» Barocco Fuori
» L’Ora Illegale
» Random
» Fiori nel vento e argento di luna
» Futbol – Storie di calcio
» Maratona Horror al Cineteatro Volta
» Il corpo che... avanza
» Novecento
» Tre pezzi di teatro
» Spirito di Copenaghen
» Artylógico
» Mangia, bevi e taci!!!
» C'era una volta in Oriente
» U parrinu
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 14869 del 6 ottobre 2017 (442) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il Pianoforte vuoto: provando Beethoven
Il Pianoforte vuoto: provando Beethoven

Ludwig van Beethoven è una figura centrale della cultura europea, non solo dal punto di vista musicale. Le sue composizioni continuano ad essere eseguite ed ascoltate in tutto il mondo e ad influenzare scrittori, pittori, registi e, ovviamente, musicisti.

Ma chi era l'uomo dietro quella musica?
Abbiamo spesso l'immagine di una persona burbera, spettinata e dallo sguardo fulminante.
Questa è solo una parte della sua complessa anima, segnata da un rapporto difficile con le persone, dalla tragedia della sordità e dalla lotta titanica contro il destino.
Beethoven era anche un uomo che amava la compagnia, le passeggiate nel verde, le battute ironiche e che viveva nel culto dell'altruismo e della fratellanza illuministica.

Con un grande lavoro di documentazione su opere pianistiche, biografie (come quella di Solomon), lettere, diari e film (come “Lezione Ventuno” e “Amata Immortale”), l'autore-attore Max Di Landro, il musicista Manuel Signorelli e il regista Marco Aluzzi hanno dato vita al monologo-laboratorioIl Pianoforte vuoto: provando Beethoven”.
Il risultato è un dialogo tra il personaggio Ludwig, il suo interprete teatrale e quello musicale: un testo che fa da base ad un intrecciarsi sempre più stretto tra vita e arte, con lo sfondo della scenografia di Paolo Bove. Un Beethoven lontano da una rappresentazione strettamente biografica, in un contesto in cui l'attenzione si focalizza sul processo creativo, sull'intimità familiare e sull'aspetto visivo della composizione musicale.

Lo spettacolo del Gruppo Parole a Manovella di Vox Organi, organizzato in collaborazione con gli Amici del Civico 17.

  

 
 Informazioni 
Dove: Mortara - Sala Rotonda della Biblioteca Comunale di Mortara
Indirizzo: via Vittorio Veneto
Quando: venerdì 13 ottobre 2017
Orario: 21.00
Note:  ingresso libero

 
 
Pavia, 06/10/2017 (14869)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool