Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 20 luglio 2019 (296) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Festival di Musica Sacra
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Swing and Jazz
» Note d'acqua
» River Love Festival
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Concerto di pianoforte
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Un capolavoro ritrovato
» Sentieri selvaggi, musica d'oggi al Borromeo
» Open Day al Vittadini
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Festival di Musica Sacra
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 1472 del 14 novembre 2003 (4309) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Successo del Viaggio Solidale
Successo del Viaggio Solidale

Ieri sera (Giovedì 13 Novembre) al Treno Bar di Roncaro (PV) si è svolta con successo la cena di beneficenza a favore delle attività del G.V.A.(Gruppo volontari ANFFAS) che agisce come supporto delle attività delle comunità alloggio e come sollievo per le famiglie degli iscritti. Train de vie, questo il titolo della serata, è stato un perfetto viaggio nel mondo della solidarietà: pieno successo di pubblico, ottimo cibo preparato da Carlo Fusari (ex Antica Osteria del Previ), tanta buona musica e un'atmosfera bellissima da vera festa.

Carina e brava la presentatrice Sabina Gorini che ha saputo, di volta in volta, riportare l'attenzione del pubblico sugli artisti che si alternavano sul palco.

Chicco, Lara e tutto lo staff addetto al servizio, sono stati instancabilmente in movimento e, con discrezione, hanno svolto un lavoro impeccabile.

Le prime a salire sul palco sono state Rossella Gazzaniga e Paola Atzeni, quest'ultima dotata di una voce molto bella ed ottima flautista, con un repertorio che spaziava nel campo della musica brasiliana.

Sacher Quartet

A seguire i sempre bravissimi Sacher Quartet che si sono riconfermati una delle realtà musicali più interessanti della nostra provincia.

Dopo di loro è stata la volta di Angela Baggi, Ferdinando Di Marino e Marco Bianchi per una buona dose di musica Soul.

Teo Melzi e Carlo Coscia hanno offerto ballate da west-coast americana, così come brani famosi tipo Roxanne (Police).

Pino Fusco ha sconvolto tutti con un'esibizione al limite del funambolico, usando solo la propria voce filtrata da un vocoder e un campionatore di loop e producendo arrangiamenti complicatissimi ma pieni di gusto.

Sergio Tamburelli

Sergio Tamburelli (alias Tamboo), come sempre, ha coinvolto e divertito il pubblico con il suo swing anni '50 e la sua innegabile padronanza del palcoscenico. Al suo gruppo si è aggiunto, come ospite, Roberto Aglieri che, questa volta, si è esibito non come direttore della sua Diatonik Orchestra ma come divertito flautista.

I musicisti di Tamboo si sono poi trattenuti sul palco per accompagnare Barbara Compagnoni che ha rivelato una voce molto interessante nella difficile interpretazione di My Funny Valentine.

Antonio Fusco

Provenienti da Napoli, Antonio Fusco - Vincenzo Virgillito - Osvaldo Di Dio, hanno poi offerto un esempio del loro modo di fondere jazz e musica partenopea.

A quel punto, era ormai l'una di notte, c'è stata una seconda (credo, non prevista) esibizione di Pino Fusco; pleonastica e, tutto sommato, controproducente perché il ripetersi di una situazione già ascoltata precedentemente e di difficile assimilazione (data l'ora tarda) ha tolto smalto all'immagine che questo bravo vocalist si era costruito.

Bandido

Finalmente, in chiusura, sono riuscito ad ascoltare i Bandido che hanno ravvivato l'atmosfera con il loro cocktail di rock e musica caraibica.

Come dicevo all'inizio, grande successo dell'iniziativa a cui non si poteva chiedere di più.

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 14/11/2003 (1472)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool