Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 21 ottobre 2017 (463) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Un pomeriggio in Kurdistan
» 2 passi nella Grande Foresta
» Andà e gnì con Rosanna à l’è tut un rùsì
» Sbulloniamo
» Libri in Libertà
» Dolomiti: un patrimonio da tutelare, una scogliera fossile da scoprire"
» I manoscritti restaurati
» Giornata della castagna
» E pensare che c'erano Gaber e Jannacci...
» Letture dell'Adelchi di Alessandro Manzoni
» Il Pianoforte vuoto: provando Beethoven
» Mostra dei Funghi
» Domenica di carta
» Echi longobardi a Pavia e oltre
» Visita con delitto
» Biblioteca Universitaria: apertura straordinaria
» A tu per tu con Laocoonte
» Antiche cultivar ortive e agronomiche locali (landrace)
» Aspettando le antiche varietà
» Chiare fresche dolci acque del Ticino

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Tracce. Percorsi Longobardi
» Un pomeriggio in Kurdistan
» Emilio Cavallini. Oltre la tela – Evoluzione di fibre filate di calze
» Libri in Libertà
» Seminari Ghslieriani di Psicoanalisi
» Un Taramelli che parla di Taramelli
» Barbari? Qualche idea sui Longobardi
» Progettare gli spazi del sapere: il caso Ghislieri
» I manoscritti restaurati
» Mercatino dei Piccoli
» Contempora Langobardorum
» Robert Doisneau: Pescatore d’immagini
» Letture dell'Adelchi di Alessandro Manzoni
» Nextvintage d'autunno
» Domenica di carta
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14716 del 26 maggio 2017 (243) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Hystoria Atile dicti flagellum Dei
Hystoria Atile dicti flagellum Dei

Hystoria Atile dicti flagellum Dei, il libro della nascita di Venezia a cura di Elena Necchi, edito da SISMEL-Edizioni del Galluzzo nel 2016 sarà oggetto della conversazione con la stessa curatrice ed Ezio Barbieri dell'Università di Pavia e Anna Riva dell'Archivio di Stato di Piacenza.

L'opera inizia con una parte dedicata alle leggende delle reliquie della Croce, del Graal e della Veronica, per giungere al racconto della cristianizzazione delle Venezie ad opera dei discepoli di San Pietro. Segue poi il vero "romanzo" di Attila. Nato dalla relazione carnale fra una principessa unna e un cucciolo di levriero, il piccolo dal volto canino viene allevato a corte. Una volta cresciuto intraprende una campagna militare contro i cristiani e giunge in Italia. La prima città incontrata è Aquileia i cui abitanti si rifugiano a Grado. Seguono Altino, Concordia, Oderzo e Treviso, con analogo trasferimento dei profughi dalla terraferma ai litorali e alle lagune, dove sorgono nuovi centri. A guidare le milizie cristiane è il re di Padova Giano, il quale, nell'imminenza dell'arrivo del nemico, dispone che la moglie e i figli si rifugino in laguna dove sorgerà Venezia. Dopo l'assedio di Padova, durato sette anni, il sovrano fugge a Rimini. Attila lo insegue e penetra nel quartier generale cristiano travestito da pellegrino, ma il re Giano lo riconosce e lo uccide, avverando così la profezia di un indovino.
L'anonimo autore ha forzato i dati storici. In realtà la calata unna del 452 interessò solo Aquileia, Milano e Pavia, mentre per tutte le altre città è stata la leggenda ad ampliarne l'eco. La tradizionale interpretazione negativa di Attila in Occidente serve all'autore per esaltare il mito della duplice fondazione di Venezia e degli altri centri litoranei e lagunari, prima ad opera dei Troiani scampati con Antenore all'eccidio della loro città, e in seguito per effetto delle migrazioni dei profughi di terraferma incalzati da Attila. Il testo originale, composto in franco-veneto alla fine del Duecento, venne tradotto in latino nei primi decenni del Trecento e volgarizzato in lingua veneta nel 1421.

La curatrice ha scelto di pubblicare la Hystoria Atile dicti flagellum Dei in latino tramandata dal manoscritto 1308 della Biblioteca Civica di Verona, con a fronte il Libro di Atila, ovvero l'edizione in volgare veneziano, stampata per la prima volta a Venezia nel 1472 e conservata presso la Biblioteca del Museo Correr di Venezia (Inc. G.230), integrata con il manoscritto Foscarini VIII (6147) della Biblioteca Nazionale di Vienna. Dal mese di maggio, sul sito della Sismel, è disponibile la versione on line con la traduzione del testo latino in italiano corrente .

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Salone Teresiano Biblioteca Universitaria di Pavia
Indirizzo: C.so Strada Nuova 65
Quando: mercoledì 31 maggio 2017
Orario: 17.00
 
 
Pavia, 26/05/2017 (14716)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti