Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 22 luglio 2019 (294) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Festival di Musica Sacra
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Note d'acqua
» Swing and Jazz
» River Love Festival
» Concerto di pianoforte
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Un capolavoro ritrovato
» Sentieri selvaggi, musica d'oggi al Borromeo
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Open Day al Vittadini
» Festival di Musica Sacra
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 1457 del 10 novembre 2003 (3406) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Gigi Cifarelli a Pavia
Gigi Cifarelli a Pavia

Per i Martedì del Jazz, organizzati all'Invidia Suite Club (ex-Insonnia) di Pavia, l'11 Novembre si terrà il concerto di Gigi Cifarelli. Non è la prima volta che il noto chitarrista si esibisce a Pavia, città in cui conta numerosi fans e amici tra musicisti e non, ma è qualche tempo che non abbiamo l'occasione di ascoltarlo.

Noto al grande pubblico per aver collaborato con Renato Zero, Tullio De Piscopo, e soprattutto, con Mina e per aver partecipato a diverse trasmissioni televisive accompagnando artisti come Joe Cocker, Paul Young, Sam Moore, ed altri; per le sue collaborazioni con grandi jazzisti come Chick Corea, Sam Rivers, Jack De Johnette, Mark Murphy, Tony Scott, Enrico Rava e Franco Ambrosetti (ambedue presenti nel suo album del 1992 ''Kitcken Blues'') Gigi Cifarelli inizia a suonare la chitarra all'età di 7 anni.

Tra i 16 e i 18 anni suona in ottime formazioni di blues metropolitano (come quella del compianto bluesman texano Cooper Terry), studia in Conservatorio con F. Daccò, di cui diventa in breve tempo il ''pupillo''. Insegna nelle scuole medie e comincia a suonare jazz in diverse formazioni.

Nel 1985 realizza l'album ''Coca & Rhum'', prodotto da Alberto Radius e da Guitar Club e, dopo aver insegnato per cinque anni educazione musicale nelle scuole, nel 1986 decide di intraprendere definitivamente la carriera musicale e si mostra in tournèe a fianco di Tullio De Piscopo. Nel 1987, con Brian Auger, grandissimo organista inglese, e con Julius Farmer al basso e Alfredo Golino alla batteria, effettua una serie di concerti in Italia e all'estero.

Nello stesso anno suona con i ''Bush Rock'', formazione di Delmar Brown, insieme a Jossy Fine al basso e Kenwood Dennard alla batteria. Nel 1991 torna ad incidere con la DDD e realizza ''Kitchen Blues''. Il disco vende più di 10 mila copie; un successo inatteso, considerata la scarsa attenzione che in Italia si dedica a determinati generi musicali. L'album lo vede esordire anche come cantante, compositore ed arrangiatore.

Aldilà del successo riscosso in ambito prettamente jazzistico, va sottolineato che Gigi riesce ad esprimersi in diversi generi musicali, pur mantenendo, come costante caratteristica, un forte sapore blues. Pur possedendo uno stile ed un tocco assolutamente personale, in Gigi Cifarelli sono evidenti le influenze, peraltro non nascoste, di due grandi maestri: Wes Montgomery, e George Benson.

Nel 1994, durante un concerto a Torino viene ascoltato da Marcel Dadi, chitarrista di fama internazionale, che, assieme alla delegazione francese presente al festival, si innamora del suo stile e della sua classe. Nel novembre dello stesso anno Dadi lo invita ad un grande meeting di chitarristi a Issoudan, in Francia. Il successo è immediato e i due si lasciano con la promessa di realizzare un album insieme. Nel 1995 viene invitato a Patrimonio, in Corsica, dove ogni anno si tiene uno dei più importanti festival per chitarristi. Viene affiancato a musicisti come Robben Ford, Mike Stern, John Scofield, Philipe Caterine e Toots Thielemans raggiungendo un rilievo ed una dimensione internazionale. La stampa francese lo definisce ''super guitariste''. Nel 1997 viene rinnovato l'invito. Tra gli ospiti Larry Carlton e Taj Mahal. Nel contesto del festival suona con Bireli Lagrene, con cui continuerà la collaborazione suonando in Francia in duo o anche in trio con Philippe Catherine. Dal 1997 viene inviato ogni anno al Festival Jazz di Sete sur la Mer (Francia) di cui diventa il ''padrino'' con partecipanti come Jack De Johnette, Christian Escoudè, Dedè Ceccarelli, Sylvan Luc e altri. Nel 1999 viene invitato al Festival Jazz di Cipro con Joe Zavwinul Sindacate e ancora con Jack De Johnette. Sempre nel 1999 esce il suo ultimo lavoro, il CD ''With the eyes of a Child'' per la BMG Ricordi. Negli ultimi anni ha collaborato ancora a qualche registrazione di musica leggera suonando con Daniele Silvestri, Maurizio Lauzi e Dirotta su Cuba. Nel 2001 ha collaborato e suonato con Carl Anderson, lo splendido Giuda di Jesus Christ Superstar. Sempre nell'estate del 2001 è stato invitato ad Astaffort (Tolosa) per suonare insieme a Scott Henderson, e in altri festivals francesi quali Sete sur Mer, Ajaccio e Marsiglia. Oltre ad un incredibile numero di concerti nei vari clubs italiani, dove ama suonare, collabora con Guitar Club e con molte strutture didattiche italiane.

Quello che colpisce in questo musicista è la spontanea semplicità con cui si pone nei confronti del suo pubblico ma anche in quelli dei colleghi musicisti. Privo di pose divistiche, disinibito nell'apparire quanto interessante ed inusuale nel modo di suonare.

Vale la pena di ascoltarlo almeno una volta.

E non dite che non vi avevo avvertito.

 
 Informazioni 
Quando: martedì 11 novembre
Dove: Invidia Suite Club (ex-Insonnia) - Pavia
 

Furio Sollazzi

Pavia, 10/11/2003 (1457)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool