Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 27 marzo 2017 (587) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» I Sensi della Bellezza
» Le Voci di domani
» Il Giudice di Canicattì. Rosario Livatino,il coraggio e la tenacia
» Il tesoro di un povero
» La regola dei pesci
» UniPV Innovation
» Tango Incanto
» Trt Extra: Polvere e sabbia
» Pavia riscopre la cultura dell’antico Egitto
» La Voce di Miriam Jaskierowicz Arman
» Una domenica con la cicogna...
» Torre in Festa!
» Una serata con Bach
» Da qui al firmamento. Percorsi straordinari tra scienza, storia e curiosità
» Notti Acustiche 2017
» Ascolta come mi batte forte il tuo cuore
» Benessere del cane, orto dècor e sapone handmade
» Verso gli asteroidi… e oltre
» La Natura intorno a noi
» Equinozio di primavera nel cielo degli antichi e nella modernità

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Tra vino e castelli
» Naturalmente Oltrepò
» Torre in Festa!
» Camminata golosa di primavera
» Giornate FAI di Primavera
» Da qui al firmamento. Percorsi straordinari tra scienza, storia e curiosità
» Da Fego al rifugio Nassano
» Pane al pane
» Mercatino del Riuso - Nuova vita alle cose
» Percorsi in Pavia antica
» La signorina del celacanto
» Donne si raccontano al Castello
» Tra i vigneti del Versa sul sentiero delle torri
» A tu per tu con Antonio Villa, Paganini e Rolla
» Vino e storia sulle colline del sole
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 14477 del 20 febbraio 2017 (268) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il volto dell’antico Egitto
Il volto dell’antico Egitto

Nel 1824 il Gabinetto di anatomia Umana dell’Università di Pavia ricevette in dono una mummia egizia proveniente dal Cairo. Nel 1933 passò al Museo di Storia Naturale e quindi negli anni ‘60 fu collocata in una torre del Castello Visconteo di Pavia, dove è rimasta fino al trasferimento presso le raccolte archeologiche dell'ateneo.

La mummia è misteriosa: riposa in una cassa ottocentesca, il cui coperchio riporta l'enigmatica scritta "Mummia Egiziana di una donna morta 810 anni prima dell'era volgare. Dono di S. Giorgiani del Cairo del 1824".
Per dare voce a questo reperto, solo apparentemente silenzioso, sono interventi il Prof. Maurizio Harari, direttore del Museo Archeologico dell’Ateneo e docente ordinario di Etruscologia ed Archeologia Italica dell'Università di Pavia e Sabina Malgora, archeologa e direttore del Mummy Project Research, équipe multidisciplinare votata allo studio delle mummie.

Dal 2013 la mummia è stata al centro di una serie di accurate ricerche con le più moderne tecniche di indagine medica e forense. Lo scopo è quello di restituirle l'identità, scoprire la sua età ed il periodo in cui è vissuta. Per questo è stata sottoposta alla tomografia computerizzata (TC) all’Ospedale San Matteo di Pavia e sono stati effettuati prelievi per analisi molecolari, tra cui quella del radio carbonio C14. Inoltre l'antropologa Chantal Milani ha studiato il profilo antropologico e lo specialista americano, Jonathan Elias ha ricostruito il volto questa donna vissuta millenni prima di noi. Infine è stata creata una copia 3D del reperto ad opera di Spazio Geco di Pavia.

Sabato 11 marzo i risultati degli studi saranno quindi resi noti per la prima volta al pubblico presso il Museo Archeologico dell’Università di Pavia, dove verrà presentata tutta la collezione egizia in una nuova esposizione. È l’identità restituita alla mummia a dare il nome all’inaugurazione: “Il volto dell’antico Egitto” Un Egyptian Corner all’Università di Pavia.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Museo Archeologico Sistema Museale dell’Università di Pavia
Indirizzo: Strada Nuova 65
Quando: sabato 11 marzo 2017
Orario: 17.30
 
 
Pavia, 20/02/2017 (14477)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti