Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 20 novembre 2017 (274) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Africa da immaginario e realtà
» Da Ninive a Mosul
» Design e Arte per la Ricerca Scientifica
» Limyè
» Tracce. Percorsi Longobardi
» Arte in Vigevano
» “Quattro X Otto = 50 anni Cifarelli SpA”
» Emilio Cavallini. Oltre la tela – Evoluzione di fibre filate di calze
» Contempora Langobardorum
» Robert Doisneau: Pescatore d’immagini
» Nextvintage d'autunno
» L’universo ad orologeria
» La sovrana delle scienze
» Antologica di Carlo Zanoletti
» Flora umana
» Mente Captus
» Regine e Re longobardi
» Longobardi. Un popolo che cambia la storia
» Natura cosciente
» La "nuova" Quadreria dell'Ottocento

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Africa da immaginario e realtà
» The Dead City Project
» Informazione e disinformazione tra Rete e realtà
» Incontro con Mino Milani
» Il Futuro dell’Immagine
» Conversazioni pavesi con Daniele Novara
» Abitare la bellezza
» Studi sull'alto medioevo pavese
» Da Ninive a Mosul
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» L' Eredità di Corrado Stajano
» Design e Arte per la Ricerca Scientifica
» Dondi e Petrarca: un'amicizia tra Padova e Pavia
» Limyè
» DNA: un affare che scotta
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14432 del 31 gennaio 2017 (918) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
La Pittura Colta e Italo Mussa
La Pittura Colta e Italo Mussa

 “Ho attraversato l’Italia per scrivere di Italo Mussa e del suo genio, della sua dolcezza e comprensione del mondo e delle cose. Ogni colpo di pennello era per lui chiaro e vedeva l’arte contemporanea come dentro una sfera di cristallo. Anima limpida e lungimirante lui, Italo Mussa, più che lombardo ma innamorato del sud, nel 1983 ha inventato un movimento che ha chiamato Pittura Colta” - scrive Giovanna Giordano, giornalista e scrittrice che seguì da vicino l’attività di una delle figure più importanti della critica italiana del dopoguerra.

A Belgioioso, nella porzione privata di castello, si apre la stagione 2017 con una raffinata esposizione concepita per una grande città: La Pittura Colta e Italo Mussa. L'esposizione che aprirà il 4 febbraio (per chiudersi il 12 marzo), è curata da Giuliano Allegri (titolare e creatore delle Edizioni della Bezuga a Firenze) e dal M.A.C.O’. (Modern Art Center of Oltrepo’ Pavese) di Casteggio, mostrerà il rapporto tra il lavoro del critico scomparso nel 1990 e quello di 4 artisti a lui legati.
Saranno esposte opere di Alberto Abate, Carlo Bertocci, Ubaldo Bartolini, Lorenzo Bonechi ovvero quattro delle figure di artisti più coerenti, pur con significativi distinguo stilistici, al tracciato della Pittura Colta così come l’aveva immaginato Italo Mussa.

Il ricco volume-catalogo contiene i testi critici di Giovanna Giordano (compresa una preziosa testimonianza sulla figura di Mussa) oltre a due ampie interviste-dialogo di Fabrizio Guerrini, giornalista e esperto d’arte, con gli artisti Carlo Bertocci e Ubaldo Bartolini che indagano il rapporto tra il loro lavoro creativo e quello d’analisi e riflessione teorica del critico.

 
 Informazioni 
Dove: Belgioioso - spazio mostre del Castello di Belgioioso
Quando: da sabato 4 febbraio 2017 a domenica 12 marzo 2017
Orario: Lunedì – Venerdì : 14 – 18,00 (la mattina su appuntamento) Sabato – Domenica : 10/12.30 – 15/18.30
Note: Biglietto d’ingresso intero: 5 €                                          
Biglietto d’ingresso ridotto: 4€

 
 
Pavia, 31/01/2017 (14432)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool