Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 27 aprile 2017 (626) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Arte grafica italiana del XX secolo, dalla A alla Z
» Mostra dei Pelargoni
» Autori & Opere
» Donne Di Quadri
» Vite Sospese
» Haveria carissimo vedervi in questo habito
» UpsidedownTown
» Le fatiche di Ercole
» Pavia nelle carte di chi l’ha resa grande
» Antonio Ligabue
» Our Smiling face. La comunità psichiatrica si racconta
» Soldatini … che passione!
» Raccontami l’amore
» I volti dell'alienazione
» Angelo Elio Barabino: un viaggio attraverso il colore
» Shoah: L’infanzia rubata
» La Pittura Colta e Italo Mussa
» Orchidee da scoprire
» Nuovi dialoghi di luce
» Voghera espone Milano...

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» A tu per tu con trittico veneziano
» Un comunista a Vigevano
» Occasioni di festa a Rivanazzano!
» Pavia, silenziosi scatti
» Pavia senza memoria
» Settimana Agostiniana Pavese
» Arte grafica italiana del XX secolo, dalla A alla Z
» Etica e fiscalità nell’arte
» Disegniamo l’arte
» Longobardi. Un popolo che cambia la storia
» Letture animate dei libri di Simone Miraldi
» I Sensi della Bellezza
» Donne Di Quadri
» Autori & Opere
» Vite Sospese
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14430 del 30 gennaio 2017 (600) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
La scrittura dipinta
La scrittura dipinta

Un'occasione unica per ammirare oltre trenta preziosi codici manoscritti miniati custoditi a Pavia: è questo che offre la mostra La scrittura dipinta.

I corali di San Michele Maggiore e la miniatura tra sacro e profano nei manoscritti della Biblioteca Universitaria, nata dalla collaborazione tra la Biblioteca Universitaria di Pavia e l'Associazione "Il Bel San Michele onlus" per valorizzare la Chiesa di San Michele Maggiore, la Biblioteca e in generale i tesori culturali pavesi.

La Basilica di San Michele Maggiore possiede tre codici liturgici splendidamente miniati databili all'ultimo quarto del XV secolo. Dal loro recentissimo e sapiente restauro, affidato al laboratorio di Chiara Perugini e Francesca Toscani, ha preso l'avvio questa mostra che, accanto ai due antifonari e al graduale della chiesa pavese, raduna una trentina di preziosi manoscritti miniati conservati presso la Biblioteca Universitaria di Pavia. Sono per la maggior parte codici miniati di carattere liturgico o legati alla pratica religiosa (libri d'ore, breviari, innari, evangeliari), cui si aggiunge una significativa esemplificazione di manoscritti contenenti testi letterari, filosofici, giuridici e scientifici che costituiscono quasi una brevissima storia della miniatura dal XIII al XV secolo.

Le miniature dei corali di San Michele permettono di aprire uno spiraglio su un momento importante della cultura artistica a Pavia nell'ultimo quarto del Quattrocento di cui è protagonista un notevole miniatore denominato Maestro dei corali di San Salvatore, ma altri manoscritti aggiungono nuovi tasselli al panorama della miniatura pavese dal 300 al 400. Sono esposti, inoltre, a confronto, esempi di testi miniati lombardi (milanesi) toscani, bolognesi ma anche d'oltralpe (borgognoni, inglesi, francesi).

La mostra, a cura di Maria Grazia Albertini Ottolenghi, verrà inaugurata sabato 4 febbraio alle ore 11, con interventi della curatrice, di Saverio Lomartire, docente di Storia dell'Arte Medievale, e delle restauratrici Chiara Perugini, Francesca Toscani.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Salone Teresiano Biblioteca Universitaria di Pavia
Indirizzo: C.so Strada Nuova 65
Quando: da sabato 4 febbraio 2017 a sabato 4 marzo 2017
Orario: da lunedì a venerdì 8.30-18.30; sabato 8.30-13.30
Note:   ingresso gratuito 

 
 
Pavia, 30/01/2017 (14430)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti