Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 26 ottobre 2021 (343) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» La Certosa con Gusto
» Tutti in sella
» Lunapiena Bike
» In bici oltre i confini
» 3^ Cicloscalata Varzi - Lesima
» Ciclisti in pista... in collina
» Bicistaffetta: Nizza-Ferrara
» Scalare... in bicicletta
» Passo del Carmine

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» 14^ Scarpadoro - via alle iscrizioni!
» La Giornata Mondiale del Diabete
» I transgender nello sport tra mito e realtà
» Al Collegio Borromeo si esplora l'universo degli autismi
» Ticino EcoMarathon
» Gioca d'anticipo!
» Scarpadoro di Capodanno
» L'Università diventa una palestra
» I pro e i contro del VAR
» Scarpadoro – si aprono ufficialmente le iscrizioni!
» 5^ Scarpadoro di Babbo Natale
» In forma...con pochi accorgimenti
» Festival del Sorriso
» Ticino Ecomarathon
» Marathon Vigevano Pavia
 
Pagina inziale » Sport e Benessere » Articolo n. 1443 del 3 novembre 2003 (5966) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Passo Penice
Passo Penice

Il percorso che da Stradella, attraverso il Passo del Carmine e da Casa Marchese in poi seguendo la statale 412, porta al Passo del Penice, non presenta pendenze impossibili, brevi tratti al 8/10%, ma per affrontarlo serve una discreta attitudine alla salita e, soprattutto, una buona condizione di fondo poiché i chilometri di salita sono parecchi.

Da Stradella si percorre la provinciale 201 in direzione Santa Maria della Versa, il traffico è abbastanza sostenuto; raggiunta la cittadina, famosa per i suoi vini (o la cantina sociale), si prosegue in direzione passo del Carmine, il tratto, di circa 12,5 chilometri, non è eccessivamente difficoltoso, la salita sino al passo, intervallata da tratti in falsopiano e anche da alcuni discese, può essere suddivisa in tre parti, la prima da Santa Maria a Crocetta è lunga circa 2,5 km con pendenza media del 5,5%, la seconda di 2,5 Km circa, da Canevino a Pometo, è sicuramente la più insidiosa e presenta nel tratto da Fontana al bivio per Volpara pendenze che sfiorano il 10%, la terza porta da Pometo al passo ed è lunga 2,5 Km circa e presenta pendenza media di circa il 5%.

Arrivati al Passo del Carmine percorriamo alcune centinaia di metri in leggera discesa sino al bivio per Lagagnolo da dove inizia la discesa di quasi 4 Km che ci porta in Val Tidone; giunti a Casa Marchese iniziamo la salita che conduce, lungo la statale 412 al Passo del Penice; sino all'abitato di Romagnese la salita non presenta difficoltà particolari, vi sono alcuni brevi tratti con pendenze al 6/7% ma anche pezzi pianeggianti o in leggera discesa.

Da Romagnese inizia la vera salita, già all'interno del paese affrontiamo pendenze ragguardevoli, successivamente la strada spiana leggermente, ma prima dell'abitato di Canedo si impenna presentando pendenze abbastanza elevate 8/9%.
Durante la settimana il traffico, nel tragitto da Canedo a Casa Matti, è quasi assente, per cui il cicloturista può godersi il bel paesaggio della vallata circondata dall'Appennino pavese/emiliano senza comunque perdere la concentrazione perché la salita non concede spazi di riposo e si inerpica con pendenze non trascurabili.
Giunti a Casa Matti è possibile ristorarsi alla fontana sita all'uscita del paese a poca distanza dal bivio per il Penice; da lì vi sono due alternative per portare a termine la fatica, proseguendo diritto si imbocca la provinciale 17 che, con pendenze costanti e non molto elevate (5,3% circa) conduce al Passo Tre Passi e svoltando a destra si arriva al Passo Penice, oppure si continua a percorrere la statale 412 svoltando a sinistra; la statale dopo un tratto di breve discesa e un lungo falsopiano incrocia la statale 461 proveniente da Bobbio, il tratto di statale che porta al passo è abbastanza difficoltoso, le pendenze massime superano l'8% e risultano oltremodo difficoltose anche perché la fatica, dopo quasi 50 Km si fa parecchio sentire; giunti al Passo del Penice è possibile riposarsi nel piazzale antistante gli alberghi.

Durante il tragitto di ritorno bisogna stare particolarmente attenti al primo tratto di discesa sino a Canedo, si raggiungono facilmente velocità superiori ai 50 Km/h e alcune curve rendono la strada molto insidiosa; il tratto che porta sino a Casa Marchese è quasi tutto in piacevole discesa, qui si svolta a sinistra e si affronta l'ultima difficoltà del percorso; i circa 4 Km che dalla Val Tidone conducono al Carmine non sono particolarmente insidiosi, pendenza al 5,4% circa, ma dopo una lunga discesa è sempre difficile trovare il ritmo giusto per affrontarla; superata questa erta il percorso prosegue quasi tutto in discesa sino a Stradella.

 
 Informazioni 
Percorso:
Stradella-Santa Maria della Versa-Passo Carmine-Casa Marchese-Romagnese-Casa Matti-Passo Penice e ritorno

KM totali 100

Percorso Km Altimetria
Stradella 0 100
Santa Maria
della Versa
10 200
Passo Carmine 23 614
Casa Marchese 29 373
Romagnese 39 600
Casa Matti 46 960
Passo Penice 50 1146

Caratteristiche delle salite/discese

Inizio salita Fine salita Km Quota inizio Quota fine Dislivello Pendenza media
Santa Maria Passo Carmine 12.5 200 614 414 3.3%
Casa Marchese Romagnese 10.0 373 600 227 2.3%
Romagnese Canedo 4.0 600 780 180 4.5%
Canedo Casa Matti 3.0 780 960 180 6%
Casa Matti Passo Penice 3.9 960 1149 189 4.9%
Casa Marchese Bv. Lagagnolo 3.7 373 570 197 5.4%

Rapporti consigliati
Cicloturisti: 39/21 39/23
Cicloamatori: 39/23 39/25

 
 
Pavia, 03/11/2003 (1443)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool