Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 26 aprile 2017 (654) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Etica e fiscalità nell’arte
» Kalimantan Borneo
» Alessandro Robecchi si racconta al Nuovo
» Bellezze al cianuro…. Gli Zigenidi del Monte Lesima
» La fauna selvatica in provincia di Pavia
» Divagazioni sul sogno
» D'Amore e di Scienza
» 11 professioniste di spicco all’Università di Pavia
» Stem: cherchez la femme? Trovate!
» “Ultima notte in Oltrepò”
» La storia dell'automobile
» "Diario di una schiappa" storia di un caso editoriale
» Chi ha paura dell'adolescente adottato?
» "I Giovedì del Collegio Cairoli"
» A scuola dalla Natura: l'economia circolare
» Mostri cosmici al Broletto
» Italian Agile Day 2016
» Conversazioni Pavesi con Maurizio Pratelli
» Umberto Ambrosoli: ostinazione civile
» Sotto i nostri piedi

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» A tu per tu con trittico veneziano
» Un comunista a Vigevano
» Occasioni di festa a Rivanazzano!
» Pavia, silenziosi scatti
» Pavia senza memoria
» Settimana Agostiniana Pavese
» Arte grafica italiana del XX secolo, dalla A alla Z
» Etica e fiscalità nell’arte
» Disegniamo l’arte
» Longobardi. Un popolo che cambia la storia
» Letture animate dei libri di Simone Miraldi
» I Sensi della Bellezza
» Donne Di Quadri
» Vite Sospese
» Autori & Opere
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14423 del 25 gennaio 2017 (406) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Indice dei libri proibiti
Indice dei libri proibiti

Al Salone Teresiano della Biblioteca Universitaria di Pavia, verrà presentato il libro di Matteo Brera Novecento all’Indice. Gabriele d’Annunzio, i libri proibiti e i rapporti Stato-Chiesa all’ombra del Concordato. Ne discutono con l’Autore i docenti dell’Università degli Studi di Pavia Carla Riccardi (Letteratura Italiana) e Annibale Zambarbieri (Storia del Cristianesimo e delle Chiese). 

La storia dell’Indice dei libri proibiti si può far risalire alla bolla Licet ab initio promulgata da papa Paolo III nel 1542 con la quale fondò la “Santa Romana Inquisizione Universale”. Oltre a preservare la purezza della fede e punire i reati contro di essa, uno dei colpiti principali del collegio cardinalizio era quello di combattere l’eresia, vigilando anzitutto sui libri. Tutte le opere che finivano all’Indice erano contrarie alla religione, e l'elenco fu pubblicato più di quaranta volte fino alla sua soppressione dopo il Concilio Vaticano II, nel 1966.

L’apertura degli archivi vaticani ha permesso uno studio approfondito delle pratiche della censura libraria adottate dalla santa Sede, in cui sono incappati i nomi più importanti della scienza, della filosofia e della letteratura, per citarne alcuni Giordano Bruno, Galileo Galilei, Francesco Bacone, Immanuel Kant, d'Alembert e Diderot, Benedetto Croce, gli scrittori Honoré de Balzac, Alexandre Dumas padre e figlio, Gustave Flaubert e Victor Hugo, Vittorio Alfieri, Ugo Foscolo e Giacomo Leopardi.

Sulla base di una documentazione ancora largamente inedita e reperita per lo più negli archivi vaticani, Matteo Brera dimostra che l’istituto della censura librorum era anche (o soprattutto) un’arma di offesa politica. L’Autore si sofferma poi sulle motivazioni sottese alle denunce e alle condanne all’Indice del “pericoloso sensuale” Gabriele d’Annunzio, scrittore disapprovato tanto per la sua letteratura osceno-mistica quanto perché rappresentava in pieno le frange estreme di quel modernismo combattuto dalla Chiesa più ortodossa.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Salone Teresiano Biblioteca Universitaria di Pavia
Indirizzo: C.so Strada Nuova 65
Quando: giovedì 9 febbraio 2017
Orario: 17.00
 
 
Pavia, 25/01/2017 (14423)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti