Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 20 novembre 2017 (270) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Africa da immaginario e realtà
» Da Ninive a Mosul
» Design e Arte per la Ricerca Scientifica
» Limyè
» Tracce. Percorsi Longobardi
» Arte in Vigevano
» “Quattro X Otto = 50 anni Cifarelli SpA”
» Emilio Cavallini. Oltre la tela – Evoluzione di fibre filate di calze
» Contempora Langobardorum
» Robert Doisneau: Pescatore d’immagini
» Nextvintage d'autunno
» L’universo ad orologeria
» La sovrana delle scienze
» Antologica di Carlo Zanoletti
» Flora umana
» Mente Captus
» Regine e Re longobardi
» Longobardi. Un popolo che cambia la storia
» Natura cosciente
» La "nuova" Quadreria dell'Ottocento

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Africa da immaginario e realtà
» The Dead City Project
» Informazione e disinformazione tra Rete e realtà
» Incontro con Mino Milani
» Conversazioni pavesi con Daniele Novara
» Il Futuro dell’Immagine
» Abitare la bellezza
» Studi sull'alto medioevo pavese
» Da Ninive a Mosul
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» Dondi e Petrarca: un'amicizia tra Padova e Pavia
» L' Eredità di Corrado Stajano
» Design e Arte per la Ricerca Scientifica
» Limyè
» DNA: un affare che scotta
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14421 del 25 gennaio 2017 (945) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Shoah: L’infanzia rubata
Shoah: L’infanzia rubata

La Biblioteca Comunale "R. Rampi" con  l'Associazione "Figli della Shoa" in collaborazione con il locale Gruppo Scautistico e l''Associazione di volontariato Siloria, propongono la mostra itinerante “Shoah: L’infanzia rubata”, che dal prossimo 6 febbraio si terrà presso il teatro Polifunzionale di Cilavegna.

L’esposizione ripercorre idealmente la negazione dei diritti fondamentali dei bambini ebrei durante gli anni della persecuzione nazifascista. Le piccole vittime innocenti della Shoah furono un milione e mezzo.
Attraverso la negazione dei diritti fondamentali dell’infanzia, quali il diritto al gioco, alla dignità, alla salute, all’identità, all’istruzione, alla libertà, alla tutela e, per ultimo, alla vita, la mostra mette in evidenza le dure condizioni e le terribili costrizioni alle quali erano sottoposti i bambini e i ragazzi di religione ebraica durante quegli anni.

Si contrappone a tale orrore la grande figura del pedagogo polacco Janusz Korczak, ispiratore dell’attuale Convenzione Internazionale dei Diritti dei Bambini, che lottò fino all’ultimo per alleviare le sofferenze dei bambini del suo orfanotrofio, situato nel Ghetto di Varsavia.
Diversi pannelli della mostra sono corredati da estratti delle sue pubblicazioni e ripercorrono le fasi del suo impegno morale e pedagogico.

 
 Informazioni 
Dove: Cilavegna - teatro Polifunzionale
Quando: da lunedì 6 febbraio 2017 a giovedì 16 febbraio 2017
Orario: 9.00-14.00
Note: Per prenotare la visita di classi o gruppi telefonare al n. 3471292887 (Enrico Ghitto) o al n. 0381 660552 (Biblioteca Comunale - Luisa Galli)

 

La Redazione

Pavia, 25/01/2017 (14421)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool