Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 30 aprile 2017 (832) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Il volto di Volta
» Rassegna di animali di alta e bassa corte
» L’Affare Vivaldi
» Platea Cibis
» Il ratto dal serraglio per i bambini
» Biciclettata per ricordare
» Gran Bal Dub - Berardo + Madaski
» 25 aprile al castello Visconteo
» Buon compleanno Ateneo!
» Pavia senza memoria
» Settimana Agostiniana Pavese
» Running a 6 zampe
» Perepepé: Veronica Sbergia e Max de Bernardi
» Disfida del riso per lo Slow Food Day
» Disegniamo l’arte
» Notte al castello con il Ghost Hunters Team
» Letture animate dei libri di Simone Miraldi
» I Sensi della Bellezza
» Le Voci di domani
» Le Spitfire a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» PaviArt
» Vieni ai laboratori civici
» Natuzza Evolo-Mistero di una vita
» Nel segno del Pi greco
» Home
» Libera: racconta Rossella Casini
» La Mente Quantica
» La Gardenia di AISM
» Principesse o draghi?
» Tecnologia a portata di bambino
» "Diario di una schiappa" storia di un caso editoriale
» “Odeon senza Barriere”
» Chi ha paura dell'adolescente adottato?
» Concorso Video: "Il diritto di vivere liberi/libere dalla violenza"
» Pavia città amica dei bambini
 
Pagina inziale » Oggi si parla di... » Articolo n. 14415 del 20 gennaio 2017 (574) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il Giorno della Memoria a Pavia
Il Giorno della Memoria a Pavia

Il 27 gennaio del 1945 le Forze Alleate liberarono Auschwitz dai tedeschi. Al di là di quel cancello, oltre la scritta «Arbeit macht frei» (Il lavoro rende liberi), apparve l’inferno, e il mondo vide allora per la prima volta da vicino quel che era successo, lo sterminio in tutta la sua realtà.

Il Giorno della Memoria diventò così un atto di riconoscimento collettivo di questa storia, del male che è stato.Sono numerose e differenti le iniziative che la città di Pavia ha organizzato per celebrare il Giorno della Memoria e prendere consapevolezza di quello che è accaduto in un passato ancora molto vicino a noi.

Si comincia mercoledì 25 gennaio (ore 16 e ore 21) presso il Cinema Politeama, con la proiezione del film “Lettere da Berlino” del regista Vincent Perez.
Si prosegue giovedì 26 gennaio (ore 21) negli spazi di Santa Maria Gualtieri con lo spettacolo teatrale “I Sopravvissuti”, scritto e diretto da Zerideltotale, da un’idea drammaturgica di Franca Graziano (ingresso gratuito). Due anziani sopravvissuti ad Auschwitz, raccontano e fanno rivivere gli ultimi giorni di vita dei compagni di campo (del blocco 6) che stremati dalla fame, decidono di mangiare uno di loro, ucciso per sbaglio in una lotta per un pezzo di pane. Il testo non lascia tregua allo spettatore, coinvolgendolo emotivamente e attivamente attraverso un linguaggio denso, complesso, che si apre in squarci poetici improvvisi per poi ritornare alla situazione di partenza.

Venerdì 27 gennaio (alle ore 10 e alle ore 11.30) il Cinema Politeama ospiterà lo spettacolo teatrale di Alessandro Carnevale Pellino e Beppe Soggetti, inserito nel progetto “Il Teatro Fraschini per le scuole”.  Alle ore 14.30 (replica per il pubblico sabato 28 gennaio alle ore 16, ingresso a offerta) le scuole primarie della città saranno invitate (su prenotazione) al Teatro Cesare Volta ad assistere allo spettacolo teatrale “Otto topi in cucina”, della compagnia Netsuke – Terre des Hommes. Alle ore 18, presso la Sala Conferenze del Broletto si svolgerà la presentazione del libro “Orgoglio e Genocidio. L’etica dello sterminio nella Germania nazista”, di Alberto Burgio e Marina Lalatta Costerbosa (edito per DeriveApprodi, 2016). Introdurrà e condurrà l’incontro Marco Sannella, del Direttivo A.N.P.I. Pavia – Sez. “Onorina Pesce Brambilla” (ingresso gratuito).

Lunedì 30 gennaio, alle ore 18, presso la Sala Conferenze del Broletto, Paolo Mazzarello presenterà il suo ultimo libro edito per Bompiani, “Quattro ore nelle tenebre”. A dialogare con l’autore sarà Walter Minella (ingresso gratuito). Monferrato, 1943. Lisa Vita Finzi ed Enrico Levi, zio del futuro scrittore Primo, fuggiti da Genova in campagna allo scoppio della guerra, dopo l'8 settembre capiscono di non essere più al sicuro tra le mura del palazzo dei Martinenghi dove si erano trasferiti all'inizio del 1941. Con una coppia di amici cercano rifugio a Lerma nell'antico santuario della Rocchetta, dove da qualche anno è approdato uno strano prete, don Luigi Mazzarello. Intelligente, affascinante e dal passato turbolento, don Luigi riuscirà con abilità a resistere alle intimidazioni dei nazifascisti e a salvare la vita dei suoi protetti ebrei, mentre nei monti circostanti infuria una delle peggiori stragi nazifasciste del nostro paese, l'eccidio della "Benedicta", che portò all'uccisione di 147 partigiani e alla deportazione in Germania di molti altri giovani. "Quattro ore nelle tenebre" ricostruisce questa vicenda drammatica, una delle tante piccole luci che si accesero nel momento più cupo della storia.
A chiudere gli appuntamenti, mercoledì 1 febbraio (ore 16 e ore 21) presso il Cinema Politeama, sarà il film “Lo Stato contro Fritz Bauer” di Lars Kraume. 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - sedi varie
Quando: da mercoledì 25 gennaio 2017 a mercoledì 1 febbraio 2017
 
 
Pavia, 20/01/2017 (14415)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti