Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 14 aprile 2021 (666) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Un anno al Fraschini
» I Fratelli Lehman
» Il Gabbiano
» Caffè Corretto
» After Miss Julie
» Se il tempo fosse un gambero?
» Ogni volta che si racconta una storia
» Teatro Fraschini: Stagione 2018/2019
» Il corpo che... avanza
» Novecento
» Spirito di Copenaghen
» Quà quà attaccati là
» Sette topi in cucina. Chi ha paura di Le Grand Miaò?
» Stelle Erranti. Perché il vento non le porti via
» Piccoli Crimini Coniugali
» Ed ero più mata de prima
» Sogno di una notte di mezza sbronza
» Fabule & Scarpule
» Tramp
» Il Mercante di Monologhi

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Nel nome del Dio Web
» Incontro al Caffè Teatro
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 14290 del 25 ottobre 2016 (1815) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Maratona Shakespeariana al Fraschini
Maratona Shakespeariana al Fraschini

Da mercoledì 26 ottobre si alternano sul palcoscenico del Fraschini il testo shakespeariano e l’opera scritta da Benjamin Britten in un doppio allestimento (con lo stesso impianto scenografico) con la firma di Elio De Capitani per la prosa e di Elio De Capitani e Ferdinando Bruni per l’opera: Sogno di una notte di mezza estate andrà in scena il 26, 27 e 29 ottobre e A midsummer Night’s Dream, venerdì 28 e domenica 30 ottobre.

Scritto probabilmente nello stesso anno di Romeo e Giulietta, Sogno di una notte di mezza estateha attraversato i secoli con una interpretazione critica fondata sulla sua “leggerezza”: era catalogata come una commedia giocosa senza troppa complessità. In verità, nel diciannovesimo secolo si sono disvelate interpretazioni assai più interessanti, l’ambivalenza tra il gaio e l’oscuro, irrompe in particolare l’aspetto più legato alla corporalità e alla carnalità, una potenza di natura dionisiaca. Emerge una evidente contrapposizione tra due fasi temporali: quella notturna, irrazionale e carica di eros, alternata a quella solare della ragione, dove tutto torno al suo posto e ritrova senso nell’ordine matrimoniale. Ma anche questa contrapposizione cede il passo all’idea che giorno e notte prendano “la forma di plurime contraddizioni” nella contrapposizione conscio-inconscio.

Portare in scena all’interno di un unico progetto il Midsummer night’s dream di Benjamin Britten assieme all’originale shakespeariano da cui è tratto è un avventura molto affascinante sia per noi artisti coinvolti che, ne sono certo, per voi spettatori. Spiega nelle note di regia De Capitani.

La leggerezza ritrovata e la comicità sono la cifra dello spettacolo, che è il risultato di una quarantennale frequentazione del Bardo da parte del Teatro dell’Elfo, in particolare del Sogno, che è stato allestito in più stagioni con cambi di scene e costumi e molte proficue varianti di cast. De Capitani rivitalizza il capolavoro shakespeariano, utilizzando i diversi piani della vicenda (la citta dei potenti, contrapposta ai giovani inquieti, al popolo minuto e alle ambigue creature della notte) facendo risaltare la vis comica degli attori, all’insegna di un teatro che non smette mai di essere un gioco entusiasmante che disvela il mondo.
 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Teatro Fraschini
Indirizzo: Corso Strada Nuova 136
Quando: da mercoledì 26 ottobre 2016 a domenica 30 ottobre 2016
 
 
Pavia, 25/10/2016 (14290)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool