Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 21 novembre 2017 (807) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Incontro con Raffaele Cantone
» The Dead City Project
» Incontro con Mino Milani
» Informazione e disinformazione tra Rete e realtà
» Medicina e narrazione, quali i rapporti?
» DNA: un affare che scotta
» Incontro con Franco Roberti
» Trentacinque anni della legge Rognoni La Torre
» Seminari Ghslieriani di Psicoanalisi
» Barbari? Qualche idea sui Longobardi
» Un Taramelli che parla di Taramelli
» La fortuna aiuta gli audaci
» Ciclismo eroico. Storia del ciclismo pavese
» La strage di Piazza Fontana: giustizia, storia e memoria
» La lezione di Giovanni Falcone
» Fai da te ecologico
» La kinesiologia arriva a Varzi
» Incontro con Marco Missiroli
» Andavo per nuvole e onde
» Conversazioni Pavesi con Letizia Battaglia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Pavia Art Talent
» Africa da immaginario e realtà
» Informazione e disinformazione tra Rete e realtà
» The Dead City Project
» Incontro con Mino Milani
» Conversazioni pavesi con Daniele Novara
» Il Futuro dell’Immagine
» Studi sull'alto medioevo pavese
» Abitare la bellezza
» Da Ninive a Mosul
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» Dondi e Petrarca: un'amicizia tra Padova e Pavia
» Design e Arte per la Ricerca Scientifica
» L' Eredità di Corrado Stajano
» Limyè
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14283 del 20 ottobre 2016 (826) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Voci e immagini di donne dall'islam
Voci e immagini di donne dall'islam

L'Iran continua a essere assai mal interpretato in Occidente, oscilliamo dallo stereotipo di un mondo medievale e oscurantista popolato da donne avviluppate in neri ciador, da religiosi fanatici e da folle ostili al nostro mondo "civile", per balzare magari nel suo opposto: allora immaginiamo una gioventù disimpegnata e dedita a frequentare feste a base di droghe e alcol, speranzosa solo di fuggire nei paradisi americani o europei. L'Iran è un paese complesso, dove coesistono molte verità e situazione differenti".

Anna Vanzan, iranista e islamologa, docente di "Cultura Araba" nell'Università di Milano, torna a Pavia, dove ha insegnato "Storia dei paesi islamici" nell'anno accademico 2009-10; questa volta al Collegio Nuovo, in un incontro pubblico condotto da Francesco Mazzucotelli, docente di "Storia della Turchia e del Vicino Oriente", insegnamento accreditato dall'Università di Pavia.

Un appuntamento prezioso, quello con Anna Vanzan, che ben si affianca al corso tenuto da Francesco Mazzucotelli e che si inserisce nel solco di una tradizione di studi ben consolidata nell'Università di Pavia e tenuta viva per decenni grazie soprattutto all'insegnamento e all'attività di ricerca della Prof. Maria Antonia di Casola, alla cui memoria il corso è intitolato.

È dunque un'occasione per andare al di là degli stereotipi orientalisti e per conoscere i possibili sviluppi che coinvolgeranno in futuro il mondo islamico. 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Collegio Nuovo - Fondazione Sandra e Enea Mattei
Indirizzo: Via Abbiategrasso 404
Quando: martedì 25 ottobre 2016
Orario: 21.00
Note:  incontro pubblico

 
 
Pavia, 20/10/2016 (14283)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool