Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 17 novembre 2019 (297) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Pavia Art Talent: una fiera per l'arte accessibile
» Incontro con Giorgio Scianna
» Duo violino e violoncello
» Custodire la memoria. Incontro con Giovanni Paparcuri
» Un letto da favola
» La Giornata Mondiale del Diabete
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Cartastorie
» I futuristi alla Guerra
» Festival del Sorriso
» Libri al Fraccaro: Street philosophy Saggezza quotidiana
» Francesco Melzi e i codici di Leonardo
» Lectio magistralis di Vittorio Sgarbi
» Essenzialità dell'inessenziale
» Carta Bianca a Moni Ovadia
» Cori per il Togo
» Harold
» La grande bellezza dei libri
» Al Borromeo il ricordo del teologo Karl Barth
» Un oceano di silenzio

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Looking for Monna Lisa
» Pavia Art Talent: una fiera per l'arte accessibile
» Incontro con Giorgio Scianna
» Custodire la memoria. Incontro con Giovanni Paparcuri
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Arianna Arisi Rota, Risorgimento. Un viaggio politico e sentimentale
» Libri al Fraccaro: Street philosophy Saggezza quotidiana
» Francesco Melzi e i codici di Leonardo
» Essenzialità dell'inessenziale
» La grande bellezza dei libri
» Al Borromeo il ricordo del teologo Karl Barth
» Un oceano di silenzio
» Pinocchio&Co - Festival dei Classici per ragazzi
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14255 del 7 ottobre 2016 (1449) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Conversazioni Pavesi con Valerio Mattioli
Conversazioni Pavesi con Valerio Mattioli

Valerio Mattioli, giornalista, critico musicale (scrive, tra gli altri, per Blow Up, Vice, XL di Repubblica), musicista nel gruppo Heroin in Tahiti e autore di saggi, che dialogherà con Giulia Cavaliere, giornalista musicale per diverse testate, tra cui Rolling Stone Italia, in un appuntamento dal titolo Spaghetti Wasteland - la storia segreta della musica italiana.

La Conversazione partirà dall’analisi dell’ultimo libro di Valerio Mattioli, Superonda. Storia segreta della musica italiana (edito da Baldini&Castoldi), un libro-mammut, una vera e propria Bibbia (non) tascabile (viste le 656 pagine) in cui l’autore squarcia il velo dell’oblio su un periodo di grossa rilevanza negli sviluppi non esclusivamente musicali dell’Italia del boom economico, indagando in un flusso temporale continuo che dal 1964 (l’anno in cui esordiscono i primi gruppi beat e Morricone pubblica la colonna sonora di Per un pugno di dollari) arriva fino al 1976 (l’anno dell’ultimo Parco Lambro, un evento talmente traumatico da sancire un prima e un dopo per quello che fino a quel momento era conosciuto semplicemente come “il Movimento”), ripercorrendo musiche e avvenimenti, movimenti e dinamiche trasversali, influenze e situazioni che hanno portato l’Italia a crescere internamente, e a costruirsi, all’estero, una reputazione.

Nel libro ci sono Battiato e Morricone, Sanremo e Battisti, ma anche e soprattutto moltissima musica del sommerso italiano. Brani e composizioni che all’estero hanno ammiratori ed estimatori reali, e che invece da noi spesso giacciono silenti e dimenticate nel limbo risultato. Superondaè una specie di affresco a 360 gradi di un’Italia ancora in via di definizione.

Spaghetti Wasteland - la storia segreta della musica italiana.
Fuori dalla consueta diatriba Cantautori vs. Sanremo e Rock italiano vs. Musica leggera, Superonda è il racconto di quelle musiche che tra 1964 e 1976 riuscirono a sviluppare linguaggi originali e in grado per una volta di proiettare la musica italiana all’estero, esercitando una sotterranea influenza sul mondo dell’elettronica, del rock alternativo, e delle musiche sperimentali. Un percorso accidentato in cui le vicende di future icone nazionali come Ennio Morricone, Franco Battiato e Area si mescolano a quelle di artisti convertiti al rock come Mario Schifano, in cui l’avanguardia di Berio e Maderna dialoga a distanza con la musica su commissione dei Goblin e delle sonorizzazioni Rai, e in cui i fermenti della cultura underground fanno da sponda a colonne sonore per film di serie B, revivalismi folk e free jazz militante, per arrivare al Lucio Battisti di «Anima latina». Sullo sfondo, la nascita di un immaginario italiano fatto di spaghetti western e bottiglie molotov, gialli alla Dario Argento e avanguardie radicali, riviste di controcultura e sceneggiati di fantascienza, comuni freak ed espropri proletari.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Cenacolo delle Muse, Palazzo Broletto 3° piano
Indirizzo: Piazza della Vittoria
Quando: sabato 15 ottobre 2016
Orario: 18.00
Note: ingresso libero, fino ad esaurimento posti. 

 
 
Pavia, 07/10/2016 (14255)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool