Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 23 settembre 2019 (391) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il gioco di Santa Oca
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» Il romanzo di Baslot
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Prima che le foglie cadano
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14218 del 27 settembre 2016 (1711) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Giuseppe Viola. Equilibrio nell’estro
Giuseppe Viola. Equilibrio nell’estro

Sarà inaugurata, venerdì 7 ottobre alle 18.30, nello Spazio per le Arti contemporanee del Broletto di Pavia la mostra Giuseppe Viola. Equilibrio nell’estro, retrospettiva dedicata al celebre artista scomparso nel 2010.

L’esposizione, che rimarrà aperta al pubblico fino al prossimo 23 ottobre, è presentata dalla storica dell’arte Mariachiara Vidali, organizzata e curata dall’Archivio Storico opere di Giuseppe Viola, in collaborazione con il Settore Cultura del Comune di Pavia e il patrocinio della Regione Lombardia.

Sono allestiti in mostra 80 dipinti che ripercorrono la poetica artistica di Giuseppe Viola (1933-2010), abile artefice e virtuoso sperimentatore di tecniche e materiali.

Il percorso espositivo si snoda tra le opere giovanili degli anni ‘50/‘60, dove prevalgono le influenze impressioniste, passando attraverso le differenti tematiche sociali rappresentate con caldi impulsi e cariche espressioniste, fino alle opere di matrice più geometrica, dalle quali nasce il “Movimento Imagista”, di cui Viola è stato fondatore.

Tra le opere esposte, compaiono anche lavori inediti come Le bambole (1963), Il bacio (1968/9), Il pugile – 1976/78),  Lotta di cavalli (1968) collage imagista (esposizioni: Mantova, Palazzo Te - Napoli, Castel dell'Ovo), La lotta dell'uomo (1968) collage imagista con pelle e sughero (Esposizioni, Napoli, Castel dell'Ovo; Melzo, Palazzo Trivulzio). 

«Giuseppe Viola – scrive nel testo di presentazione alla mostra la storica dell’arte Mariachiara Vidalinonostante la complessità del suo prolifico percorso artistico, ha saputo mostrare una chiara quanto rara autonomia espressiva che non è rimasta imbrigliata, come spesso accade, nello scolasticismo stilistico delle correnti pittoriche di riferimento. Ne è efficace esemplificazione l'incontro di Viola con uno dei maestri indiscussi del novecento italiano, Filippo De Pisis. Come è naturale che sia, nelle opere di quel periodo, gli anni cinquanta, ne emergono prepotenti le influenze tecniche ed il richiamo al lessico depisisiano, che tuttavia sono stemperati nei termini di un loro superamento ed appaiono declinati nei limiti in cui consentono già di individuare le tracce di una ricerca concettuale propria.
Allo stesso modo l'esperienza parigina, spesso rivelatasi nefasta  per molti giovani artisti, è arricchimento delle potenzialità espressive nella quale Viola non soccombe con l'adesione passiva ad una delle egemoni correnti pittoriche, ma in cui al contrario coglie l'opportunità di estendere il suo percorso di ricerca, di meglio definire il proprio repertorio espressivo ed eliminare ogni possibile confine a quella peculiare sintassi simbolica che è il tratto distintivo del suo intero percorso pittorico. 
È, infatti, a partire da quest'ultima, che sul finire degli anni '60 Viola, complice del felice sodalizio intellettuale con lo scrittore Dino Buzzati, dà vita al Manifesto Imagista; audace impresa di trasposizione in pittura dei dettami imagisti postulati ad inizio secolo dall'americano Ezra Pound, fino a qual momento rimasti di esclusiva pertinenza della poesia. (…) Viola continua inoltre la realizzazione di complementi d’arredo ispirati alla corrente Imagista.
Dopo la poltrona imagista realizzata ed esposta a Palazzo Te, gli eredi dell’Archivio Giuseppe Viola in collaborazione con la interior designer Elisabetta Agostoni, 36 anni milanese ideatrice della poltrona Three for Fun esposta già al Fuori Salone di Milano, hanno ideato e creato una serie di tavolini di varie dimensioni smaltati e laccati,  alcuni di questi visibili in mostra
».

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Spazio per le Arti contemporanee del Broletto
Indirizzo: Piazza della Vittoria
Quando: da venerdì 7 ottobre 2016 a domenica 23 ottobre 2016
Orario: giovedì e venerdì: 16.00-19.00, sabato e domenica: 10.30-12.30 / 16.00-19.00
Note: Ingresso libero.
Per informazioni: tel. 02/90427685, 347/165819, e-mail: info.centrodiffusionearte@gmail.com

 
 
Pavia, 27/09/2016 (14218)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool