Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 24 gennaio 2018 (491) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia
» Nei Luoghi Elettroacustici
» God’s Angels in concerto
» Ultime Notti Acustiche
» Latin jazz a Romagnese
» Statuto in concerto
» Sugarpie & The Candymen
» Tim Grimm e The turning point
» Ezio Bosso e The 12th Room
» Britti a Zavattarello
» Max Gazzé: il “Maximilian Tour”

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Siamo sulla stessa barca
» I regali di Natale
» Silvia canta il Musical
» La bellezza del Silenzio
» Una sola musica per Pavia e Russia
» E pensare che c'erano Gaber e Jannacci...
» Sotto le stelle, 23^ edizione
» Festa dl Ticino 2017: ANNULLATA DATA 9/09/17
» Ascoltare le immagini
» Nek - Unici Tour
» Concerto del Quartetto Genovese
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Festival Borghi&Valli 2017
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 14098 del 18 luglio 2016 (1395) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
For those I never knew
For those I never knew

For those I never knew la musica di Luca Flores. Sono passati più di vent’anni dalla scomparsa di Luca Flores. La sua musica è ancora di straordinaria intensità ed attualità, il suo peso specifico è rimasto intatto.
Tre musicisti, uno dei quali stretto collaboratore di Flores dagli anni ‘80 ma tutti comunque ammiratori della sua musica, interpretano molti dei suoi brani non solo nello scontato “omaggio” ma soprattutto nella convinzione che la musica di Flores abbia ancora molto da dire, specialmente in questo momento, nel panorama del jazz non soltanto italiano.
Antonio Zambrini pianoforte, Guido Zorn contrabbasso, Alessandro Fabbri batteria.

Nato a Palermo, Luca Flores inizia a 5 anni suonare il pianoforte. Trasferitosi a Firenze nel 1970, studia al Conservatorio Luigi Cherubini ottenendo brillantemente il diploma in pianoforte.
Del 1974 è il suo incontro con il jazz: forma un quintetto e un trio, e con i gruppi Streams di Tiziana Ghiglioni e Matt Jazz Quintet con Gianni Cazzola e partecipa ai maggiori festival italiani.
Conosce Chet Baker e Dave Holland e suona nei loro gruppi imponendosi a livello internazionale. Collabora anche con altri moltissimi artisti italiani ed internazionali, insegna a Firenze presso il CAM dal 1985 all’87; tra i suoi studenti Stefano Bollani. Il 29 marzo 1995, 10 giorni dopo aver registrato 5 brani musicali al Planet Sound Studios di Firenze, muore suicida nella sua casa di Montevarchi.

Guido Zorn Fiorentino, poco più che ventenne nel 2002 si sposta a Parigi per studiare e perfezionarsi al Conservatoire National Supérieure, e per inserirsi nel fervente contesto del jazz e della musica improvvisata. Fra le molte collaborazioni, oltre ai gruppi Le Monde De Kota e Rockingchair, suona con Johnny Griffin, Phil Woods, Nguyen Le, Rachel Gould, Aldo Romano, Alain Jean-Marie, James Newton, Eddie Handerson, Joe Cohn, Fabrizio Bosso. Nel 2013 sceglie di ristabilirsi in Toscana.

Alessandro Fabbri inizia l’attività concertistica nel 1980 suonando stabilmente con Massimo Urbani, Tiziana Ghiglioni, Luca Flores, e collaborando, in seguito, con Larry Nocella, Pietro Tonolo, Harry "sweet" Edison, Al Cohn, Lee Konitz, Kenny Wheeler, Bobby Watzon, Steve Grossman, Dave Holland, Albert Mangelsdorff, Bruno Tommaso, Steve Lacy, Jean “toots” Thielemas, Jack Walrath, Gary Smulyan, Dave Liebman. Partecipa a numerose Rassegne e Festival tra cui: Leverkusener Jazz Festival, La Spezia, Parigi, Clusone, Grenoble, Roccella Ionica, Siena, Ivrea, Reggio Emilia,Jazzitalia di Verona, Fenice Jazz presso il Teatro La Fenice di Venezia, Barga Jazz, Rassegna del Jazz italiano di Ankara ed Istanbul, Gray Cat.

Antonio Zambrini, pianista e compositore. I suoi brani originali sono spesso apprezzati e talvolta riproposti da colleghi musicisti, anche di grande prestigio: nel 2002, il pianista inglese John Law dedicava a Zambrini il suo cd The moment, il grande saxofonista Lee Konitz ha inciso brani di Zambrini in una serie di cd registrati assieme e pubblicati nel 2007 da “Philology”, il trombettista newyorkese Ron Horton, tra i fondatori negli anni 90 del Jazz Composers Collective, ha inciso diversi brani di Zambrini nel suo cd It’s a gadget world, con Zambrini stesso al piano, Ben Allison ed Anthony Moreno, registrato nel 2006 a New York.
Il pianista Stefano Bollani apre con un brano di Zambrini il suo cd Piano solo per "ECM", la celebre etichetta tedesca, nel 2006. Altri brani di Zambrini sono eseguiti nei cd Recital trio live di Michele Francesconi, e Cajon jazz trio del pianista spagnolo Evaristo Perez (Freshsound Barcelona, 2013).
Brani di Zambrini poi sono inclusi in compilation radiofoniche e non, ed in cd allegati a riviste specializzate (vedi Jazz Magazine, nov. 2003, Musica Jazz, dic. 2003, Radio Popolare raccolta 2001, Scimmie city jazzclub, 2004, Mystere Piano, Velut Luna 2007.
Zambrini ha avuto occasione di suonare con, tra gli altri, Mark Murphy, Lee Konitz, Enrico Rava, Ben Allison, William Parker, Hamid Drake, Claudio Fasoli, Eberhardt Weber, Tiziana Ghiglioni, Nenna Frenlone, Tino Tracanna, Gabriele Mirabassi, Roberto Bonati, Ron Horton, Tiziano Tononi, Riccardo Luppi, Paul Jeffrey, Garrison Fewell, Javier Girotto, Paolino Dalla Porta, Eliot Zigmund, Rita Marcotulli, Pietro Tonolo, Emanuele Cisi, Jesper Bodilsen, Morten Lund. Suoi arrangiamenti orchestrali e brani originali sono stati eseguiti dalla Big Band dei Civici Corsi Jazz di Milano, dall’L’Ensamble Jazz del Conservatorio di Milano, dall’Ensamble Sonata Island.
Collabora stabilmente con la Cineteca Italiana di Milano per la sonorizzazione dei film muti, improvvisata dal vivo al pianoforte solo. Questa formula ha portato alla realizzazione molte decine di performance, svolte poi anche in altre sedi in Italia e all’estero, fino alla partecipazione al Festival Internazionale del Cinema di Mumbay nel 2008.
Zambrini ha insegnato nei Conservatori di Como, Parma, Brescia, Bari, La Spezia, e insegna attualmente nel Conservatorio di Verona.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia
Indirizzo: Piazzetta San Marino
Quando: sabato 30 luglio 2016
Orario: 21.00
 
 
Pavia, 18/07/2016 (14098)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool