Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 19 maggio 2019 (264) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.
» Mostra illustrazioni e fumetti di LUCIOP
» Voice of the voiceless Racconti forografici di Andy Rocchelli
» Diamo i numeri
» Raoul Iacometti. Alcuni di noi
» La Torre di Babele. Libri, dipinti, disegni
» P.A.T. – Pavia Art Talent

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» La bellezza della scienza
» Presentazione inutile
» Maria Corti: una vita per la parola. Un viaggio editoriale
» Pillole di... fake news
» Walking the Line
» Scienza e bugie: il virologo Roberto Burioni al Borromeo
» Schiavocampo - Soddu
» Marcella Milani si racconta al Pavia Foto Festival
» Flower Salad, una mostra di Alice Romano
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Colloquio sull'Europa
» Severino Boezio: la filosofia tra religione e poesia
» IngannaMente...
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14048 del 17 giugno 2016 (4798) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Urbex Pavia. Viaggio fotografico nelle aree dismesse
Urbex Pavia. Viaggio fotografico nelle aree dismesse

Il prossimo giovedì pomeriggio, alle 18.30, sarà inaugurata nello Spazio per le Arti contemporanee del Broletto di Pavia la mostra Urbex Pavia. Viaggio fotografico nelle aree dismesse, un progetto ideato e realizzato dalla fotografa Marcella Milani (Pavia, classe 1974).

L’esposizione, che rimane aperta al pubblico fino al prossimo 17 luglio, è organizzata dal Settore Cultura del Comune di Pavia con il supporto della Fondazione Comunitaria Provincia di Pavia e dell’Associazione Amici del Carmine Onlus, e il patrocinio della Provincia di Pavia.

Le chiamano Urbex, contrazione di Urban Exploration, e sono delle vere e proprie esplorazioni urbane – macchina fotografica o telecamera in spalla – in tutti quei luoghi dimenticati delle nostre città: all’interno di fortificazioni, bunker, edifici, fabbriche abbandonate e luoghi fatiscenti che testimoniano silenziosamente la loro vita passata.

Gli Urban Explorers agiscono principalmente di notte, scavalcando recinzioni e forzando cancelli, riscoprendo ambienti interessanti destinati al crollo e immergendosi in una realtà completamente senza tempo.

Attività nata negli USA intorno agli anni ‘60, Urbex si è lentamente diffusa anche in Europa, dove sono ormai molti gli artisti che cercano di cogliere, con uno scatto, quel fascino del “tempo bloccato” che emanano questi luoghi, fuori dalla storia.

Tra loro c’è Marcella Milani, fotografa professionista free lance (pubblica sulle più importanti testate nazionali), che col suo obiettivo fotografico ha esplorato – in un anno e mezzo di lavoro – e riportato alla vita 16 aree dismesse del territorio pavese, raccontate in mostra attraverso 150 immagini inedite in bianco e nero: Necchi, Snia, magazzini Fonderie area ex Neca, Scalo Ferroviario, Idroscalo, Gasometro, Piscina Comunale all’aperto, area artigianale di via Carcano, Clinica Morelli, Istituto Neurologico Mondino, Arsenale, Caserma Maggiore Rossani, Siad, Repetto & Fontanella, Fabbricati e Magazzini di Porta Cairoli (Caserma Via Tasso), Enel.

«Questi luoghi – racconta Marcella Milanigiacciono ormai in stato di abbandono. Si tratta di un patrimonio molto importante per la storia urbana della città ed è necessario intervenire prima che diventino del tutto inaccessibili. Per documentare questa realtà e fare in modo che possa essere consegnata alla memoria come fonte di conoscenza storica, ho creduto che fosse fondamentale fissarne il ricordo attraverso la macchina fotografica ed esporre il risultato del lavoro in una mostra e in un catalogo. Con questo progetto mi propongo di restituire attenzione e vita ai luoghi dimenticati e abbandonati di Pavia, di sensibilizzare la cittadinanza e lanciare, se possibile, l’idea di un percorso di riqualifica del territorio. La dislocazione di queste aree sul territorio s’intreccia con la complessità dei piani urbanistici che per favorire la crescita della città rischiano ogni volta di scontrarsi con il pericolo della demolizione di queste stesse aree, trascurando i progetti per un loro recupero funzionale. Interrogarsi oggi sulla presenza di queste aree all’interno del tessuto cittadino significa riflettere sulla loro potenziale riconversione a supporto della città».

«In un anno e mezzo di lavoro – scrive Mino Milani nel testo di presentazione alla mostra – Marcella ha visitato e documentato lo stato attuale delle più importanti aree dismesse, sedici, più poche altre non significative; e la sua ricerca non è stata senza difficoltà e avventure connesse. Percorrere spazi silenti e solitari, ma solo presumibilmente deserti; l’imbarazzo di varcare quasi clandestinamente soglie incustodite e anche di spiegare la sua presenza a spesso burberi sorveglianti e così via. È stato detto, però, che senza avventura l’azione è come il pane senza sale».

Catalogo in mostra: edito dalla TCP Tipografia Commerciale Pavese, a cura di Marcella Milani. Prefazione di Mino Milani, interventi di Massimo Depaoli, Susanna Zatti, Giacomo Galazzo e Angelo Gualandi; con i testi di Marco Lodola, Stefano Sacchi, Filiberto Maida, Anna Cremante. Ricerche storiche: Susanna Sora. Progetto grafico e impaginazione: Ludovica Febbroni.
Stampe fotografiche: Foto Tecnica Trentani. Incorniciatura stampe, Tarlarini Stefano Cornici.
Installazione floreale: “Il colore dei ricordi” realizzata da Deborha e Sonia Sorezzini, maestre fioriste del negozio Fiori e Foglie di Belgioioso. L’impiego di materiali di recupero, accostato ad elementi naturali è in linea con i principi della mostra fotografica, quando la natura riprende possesso dei propri luoghi, abbandonati dall’uomo.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Spazio per le Arti contemporanee del Broletto
Indirizzo: Piazza della Vittoria
Quando: da giovedì 23 giugno 2016 a domenica 24 luglio 2016
Orario: giovedì e venerdì: 16.00-19.00, sabato e domenica: 10.30-12.30 / 16.00-19.00, mercoledì apertura serale 21.00-23.00
Note: Inaugurazione 23 giugno 2016, ore 18.30. Prorogata fino al 24 luglio.
Ingresso libero.

 

 
 
Pavia, 17/06/2016 (14048)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool