Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 20 novembre 2017 (321) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Studi sull'alto medioevo pavese
» Natuzza Evolo-Mistero di una vita
» La pomella genovese
» Sostenibilità energetico-ambientale e università
» Cellule, Reti e Matematica
» Dimensioni Rurali a convegno
» La cultura: una risorsa o un costo?
» Cyber-Etico
» Bambini speciali
» La bici... di Leonardo
» Muoversi in bici in città: potenzialità e fattori di criticità
» Il Consumo di Suolo: il punto, 3 anni dopo
» Il Rischio idrogeologico in Oltrepò Pavese
» Anticorpi di legalità al contagio mafioso
» Storia e storie
» Donne in economia e in politica
» Parla con loro: dialoghi psicoanalitici con neonati e...
» Diamo Peso alla Salute!
» San Pio V nella Storia
» Investire in ricerca per il futuro dei giovani

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» La bellezza del Silenzio
» Una sola musica per Pavia e Russia
» E pensare che c'erano Gaber e Jannacci...
» Sotto le stelle, 23^ edizione
» Festa dl Ticino 2017: ANNULLATA DATA 9/09/17
» Ascoltare le immagini
» Nek - Unici Tour
» Concerto del Quartetto Genovese
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Festival Borghi&Valli 2017
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Le luci della Centrale Elettrica Terra Tour
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 14034 del 10 giugno 2016 (1208) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Le chiavi nascoste della Musica
Le chiavi nascoste della Musica

C’è modo e modo di ascoltare la musica. Dopo 3 anni di sperimentazione in 4 carceri italiane con il metodo usato nel progetto CO2, è stato confermato che l’ascolto consapevole e non distratto della musica registrata, appartenente ai generi più diversi, consente ai detenuti di rimettere in moto un “sentire” atrofizzato da anni di detenzione.

A dirlo sono i risultati che il 13 giugno il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Pavia esporrà durante il convegno Le chiavi nascoste della Musica, lo stesso titolo del libro (ed. Skira) che Franco Mussida, storico leader della PFM e ideatore del progetto, ha scritto descrivendone finalità e modalità. Tre anni in cui un centinaio di detenuti nei carceri di Opera, Monza, Rebibbia Femminile e Secondigliano, assistiti settimanalmente da musicisti, hanno svolto un percorso di ascolto personalizzato di migliaia di brani di sola musica strumentale, secondo il proprio temperamento, da assimilare e valutare in modo esplicito, anche emotivamente.

I brani sono stati suggeriti da musicisti e da amanti della musica in relazione a uno schema messo a punto da una equipe di psicologi e sociologi su indicazione di Franco Mussida, che da trent’anni si occupa di osservare e codificare alcuni effetti prodotti dalla musica, nello specifico dagli intervalli musicali, sugli stati d’animo individuali.

Le composizioni sono inserite in speciali audioteche che, attraverso un software, consentono ai detenuti di arrivare alla musica dopo aver preventivamente stabilito lo stato d’animo in cui desiderano immergersi, lasciando poi che siano le note stesse ad accompagnarli verso quello spirito.

Attraverso la genialità di grandi musicisti di tutti i tempi la musica offre il suo potere educativo e sensibile a chi ha perso o smarrito la capacità di “sentire”.

Da Mozart a Ravel, da Bach a Chopin, passando per Chet Baker, Benny Goodman, le grandi Big Band americane, dallo strumentismo raffinato di Jeff Beck, Carlos Santana, Kenny G, Miles Davis, alla musica progressive ed elettronica strumentale, passando attraverso le colonne sonore di Rota, Morricone, Zimmer, Williams, fino alle versioni strumentali per orchestra delle più belle canzoni, dai Beatles alla tradizione Napoletana. Sono più di 2000 i brani codificati in 9 grandi famiglie di stati d’animo (stabile, chiuso, malinconico, sereno, dubbioso, calmo, gioioso, nostalgico, innamorato) che rimandano a due sottogruppi per un totale di 27, offerti sotto forma di Emoticon.

È già attivo il sito "co2musicaincarcere.it" che permette a tutti di suggerire brani della storia della musica strumentale di tutti i generi. Ciascun brano porterà il nome del primo suggeritore. Tra le decine di musicisti i primi ad aderire sono stati Paolo Fresu, tutti gli insegnanti del CPM Music Institute (che coordina l’iniziativa) e alcuni del Conservatorio Santa Cecilia di Roma. Tra gli amici del progetto molti personaggi noti a partire da Stefano Bollani e Roberto Vecchioni, che sarà uno dei relatori del Convegno di Pavia, e tanti grandi nomi della canzone.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Aula Magna dell’Università, Palazzo Centrale
Indirizzo: c.so Strada Nuova, 65
Quando: lunedì 13 giugno 2016
Orario: 9.30
 

Comunicato Stampa

Pavia, 10/06/2016 (14034)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool