Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 23 luglio 2019 (325) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Festival di Musica Sacra
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Swing and Jazz
» Note d'acqua
» River Love Festival
» Concerto di pianoforte
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Un capolavoro ritrovato
» Sentieri selvaggi, musica d'oggi al Borromeo
» Open Day al Vittadini
» Festival di Musica Sacra
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 13987 del 20 maggio 2016 (2261) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Solisti, coro e orchestra in concerto
Solisti, coro e orchestra in concerto

Martedì 24 al Ridotto del Teatro Fraschini si terrà il concerto finale solisti, coro e orchestra dell’ISSM F. Vittadini.

La serata vedrà impegnati la pianista Fernanda Damiano, accompagnata dall’Orchestra dell’Istituto diretta dal Maestro Andrea Dindo e i tenori Yasuhiro Taga e Kaidi Hu accompagnati dal Coro e dall’Orchestra di chitarre dell’Istituto diretta dal Maestro del Coro Riccardo Lorenzetti.

Quest’anno il programma del concerto è insolito rispetto agli anni passati. Il pubblico potrà ascoltare la particolarissima Misa Criolla, una splendida sintesi tra musica sacra, popolare e folklorica, scritta dal compositore argentino contemporaneo Ariel Ramirez. La Misa Criolla è unica nel suo genere: in essa i ritmi e la tradizione ispano americana si intrecciano con i temi della tradizionale messa religiosa. Composta nel 1963, la Misa Criolla è stata concepita da Ramirez come un’opera per solisti, coro e orchestra, espressione di forme musicali puramente folkloriche caratterizzate dalla presenza di strumenti e ritmi tipici della tradizione popolare latino americana. Nella Misa Criolla, Ariel Ramirez ha saputo conciliare il fervore religioso con l’elemento folklorico dando ad ogni sequenza della messa un elemento di originalità: il Kyrie apre la messa con i ritmi della vidala e della baguala, due forme espressive particolarmente rappresentative della musica folkorica creola argentina; la gioia del Gloria viene esaltata dalla vivacità di una delle danze argentine più popolari: il carnavalito, segnato qui dalle note del charango; per il Credo, Ramirez sceglie il popolare ritmo andino della chacarera trunca, dando alla linea melodica drammatica un ritmo ossessivo, quasi esasperato; il Sanctus, prende invece le mosse dal Carnaval de Cochahamba, uno dei ritmi più suggestivi del folklore boliviano e, infine, l’Agnus Dei conclude la messa sullo stile della Pampa argentina.

Seguirà il Divertimento brillante sui temi della “Sonnambula” di Vincenzo Bellini composta da Michail Ivanovic Glinka per pianoforte, 2 violini, viola, violoncello, contrabbasso, che il “Vittadini” presenta nella versione per piccola orchestra. È una composizione che risente del clima di grande euforia che circondava la popolarità dell’opera lirica. In Italia, in particolare, dove Glinka si soffermò per qualche tempo, il successo del melodramma pose in secondo piano la tradizione strumentale.
Questo Divertimento è una raffinata pagina d’evasione il cui svolgimento è affidato al potere trainante del pianoforte. I temi principali dell’opera belliniana vi scorrono piacevolmente.

Infine le Danze popolari rumene composte dall’ungherese Béla Bartok. Questa collana di sette Danze rumene fu scritta da Bartok prima per pianoforte, nel 1915, poi nel 1917 fu strumentata per piccola orchestra. Tutte collegate, queste Danze dichiarano precisi riferimenti regionali cui rispettivamente hanno attinto e formano un tutto compatto, nell'ambiente armonico modale ovviamente omogeneo, nella sequenza e nei contrasti dinamici e ritmici, oltre che in quelli espressivi, dall’accorata e nostalgica malinconia all'allegria sfrenata. La prima, «Danza col bastone», è in tempo Molto moderato; quindi la «Danza della fascia» è in Allegro. La terza, «Danza sul porto», è in tempo Moderato. La quarta, «Danza del corno», in tempo Andante. La quinta è una «Polka rumena», Allegro; cui, strettamente collegate, seguono in Allegro e Allegro vivace due danze denominate «Maruntel»: brillantissima conclusione.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Ridotto del Teatro Fraschini
Indirizzo: c.so Strada Nuova, 136
Quando: martedì 24 maggio 2016
Orario: 21.00
 
 
Pavia, 20/05/2016 (13987)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool