Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 21 novembre 2017 (498) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» PaviaPhone: le uscite di marzo
» Natale Pavese in Musica
» Il lupo a Pavia
» Nati con la Cultura
» GustArti: si scelgono i giovani artisti
» Pavia vive Expo
» Salviamo gli Angeli
» Cast - Collezioni d’Arte Scultorea del Territorio
» Cantieri d’Autunno 2013
» Un Fiocco in Azienda
» Nati per leggere a Pavia
» Legalità e codici comunicativi
» La memoria del Po: dalle immagini alle storie
» Perle d’Oltrepò
» Luoghi (comuni) d’Oltrepò
» Teatro e Cinema Europei s’incontrano a Pavia
» Luoghi (comuni) d'Oltrepò
» SH.A.R.P.
» Toccare e non guardare
» Le Regole della Libertà

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Incontro con Raffaele Cantone
» Il cellulare ci spia…
» La molecola delle emozioni
» Ad AstroSamantha la laurea honoris causa
» Dolomiti: un patrimonio da tutelare, una scogliera fossile da scoprire"
» La fortuna aiuta gli audaci
» Scienziati in Prova
» Porte Aperte all'Università di Pavia
» La lezione di Giovanni Falcone
» Cooperazione internazionale - Il nostro futuro nel mondo
» Pitch Night
» Rosolino prof per un giorno
» Giornata Goldoniana
» Il Giudice di Canicattì. Rosario Livatino,il coraggio e la tenacia
» UniPV Innovation
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 13962 del 13 maggio 2016 (1432) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
La Follia sale in cattedra
La Follia sale in cattedra

Un progetto per combattere lo stigma legato alla malattia mentale favorendo l’integrazione dei pazienti psichiatrici. Capita spesso di immergersi nella lettura di romanzi polizieschi che hanno squilibrati per protagonisti, di assistere a serie televisive in cui la follia la fa da padrona, o di leggere quasi morbosamente gli articoli di cronaca relativi a vicende psichiatriche. Eppure, anche i migliori scrittori, sceneggiatori e giornalisti alimentano un’immagine della follia spesso poco aderente alla realtà.

La finzione, consapevolmente o meno, ci difende e ci tiene a distanza dalle persone che soffrono sul piano psicologico: la malattia psichiatrica, infatti, fa paura, perché suona come qualcosa di particolarmente sconosciuto.  
Quando un professionista racconta di una malattia mentale dal suo punto di vista, la vede spesso come una raccolta di disabilità, di qualcosa che c’è “in meno”, rispetto alla condizione normale.

Per sfatare questa situazione, il Dipartimento di Scienze del Sistema Nervoso e del Comportamento dell’Università di Pavia propone un progetto dal titolo La follia sale in cattedra, da un’idea del prof. Pierluigi Politi, Ordinario di Psichiatria dell’Università di Pavia.

Il progetto intende affidare la narrazione della follia a chi la vive in prima persona, così da consentire a tutti noi di capire quanto abbiamo in comune e quanto possiamo condividere. Le persone che soffrono di una malattia mentale, nascondono spesso capacità insospettate, e possono essere, a volte, i migliori insegnanti rispetto alla loro condizione.  
Con una donazione minima di dieci euro è possibile finanziare “seminari di insegnamento” tenuti da persone che hanno attraversato una stagione di malattia mentale e di compromissione della loro salute, ne hanno guadagnato consapevolezza e sono in grado di trasmettere questa esperienza a studenti, professionisti del settore e a chiunque fosse interessato.

Il progetto La follia sale in cattedra verrà presentato venerdì 20, a partire dalle 17.30 presso l’Aula del ‘400 dell’Università di Pavia.
Ad accompagnare l’iniziativa diverse esperienze artistiche: dall’esposizione delle tele dell’artista Francesco Maria Bibesco, alle musiche della Big Dive Band, un eterogeneo ensemble musicale, formato da studenti, pazienti e docenti dell’Università di Pavia, diretta da Tito Mangialajo Rantzer, che per l’occasione propone un repertorio di brani standard jazz, con musiche di grandi autori che hanno fatto la storia del genere.
Segue l’aperitivo nella splendida cornice del Cortile delle Magnolie.
La serata si concluderà con il concerto del cantautore genovese Paolo Gerbella, autore di “Io, Dino”.
L’album è interamente dedicato alla figura del poeta Dino Campana, uno dei più grandi emblemi di “follia geniale” della prima metà del Novecento.  

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Aula del '400 dell'Università
Indirizzo: Piazza Leonardo da Vinci
Quando: venerdì 20 maggio 2016
Orario: 17.30
 
 
Pavia, 13/05/2016 (13962)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool