Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 15 novembre 2019 (439) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Passeggiate di Quartiere
» Merenda di fine estate
» Via degli Abati
» Week end di Farfalle...
» La birra dei Celti al castello di Stefanago
» A caccia di tartufi
» Il salame di Varzi e la corte dei Malaspina
» Aperitivo con vista: le api dei monti
» Da Varzi a Portofino
» Orchidee in Oltre
» Butterflywatching in Valle Staffora…. In cerca di rarità
» In bocca al lupo
» Tra vino e castelli
» Pane al pane
» Da Fego al rifugio Nassano
» Sentiero dei Castellani
» Tra i vigneti del Versa sul sentiero delle torri
» Passeggiata tra storia, natura e benessere....
» Le sabbie dell’Oltrepò
» Lunapiena Bike

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Corso sulla biodiversità urbana
» Passeggiata naturalistica
» Corso base di acquarello naturalistico
» La Margherita di Adele
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
» Festival delle Farfalle
» Passeggiate di Quartiere
» Lavanda e farfalle...
» Filippo Solibello, Stop plastica a mare
» Giochi d'acqua... dolce o salata?
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 13932 del 4 maggio 2016 (1598) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Al Monte Baldo
Al Monte Baldo

Il Baldo è una lunga catena di oltre 40 km, che si estende tra le provincie di Trento e di Verona in senso nord-est sud-ovest a separare due grandi valli che, modellate dai ghiacciai quaternari, hanno dato origine al Lago di Garda e alla Val d’Adige.

Il gruppo è generalmente suddiviso in dorsale del Baldo, culminante alla Punta Telegrafo o Cima Valdritta (2218 m) e monte Altissimo di Nago (2070 m). Nella parte meridionale, inoltre, si trova un'ampia conca tra la dorsale del Baldo e le ripide scarpate sulla Val d'Adige, tra il Novezzina e Spiazzi di Ferrara di Monte Baldo, a formare il bellissimo altopiano prativo dove si trova Ferrara di Monte Baldo.
Il Baldo, un tempo la montagna dei pastori per via delle grandi zone di pascolo sfruttate da tempi immemorabili, è anche definito il giardino d'Italia per la straordinaria quantità e rarità di specie vegetali ed in particolare per le spettacolari fioriture.
Molte di esse sono residui glaciali sopravvissuti sul monte che emergeva come un'isola tra le enormi colate di ghiaccio. Il nome deriva dal tedesco wald, selva.

Il monte Baldo è costituito prevalentemente da rocce carbonatiche sedimentarie marine, calcari e dolomie, depositi del Triassico e Oligocene (200 milioni anni fa e 60 milioni di anni fa).
Durante le glaciazioni il monte era completamente circondato dalle lingue glaciali, in particolare dal grande ghiacciaio del Garda che raggiungeva uno spessore di oltre 1000 metri di ghiaccio. Lungo il percorso (in questa stagione più o meno sepolti dalla neve) si trovano i cippi che segnavano il confine fra la Repubblica di Venezia e l’Impero d’Austria.

L’escursione, di 7 km, parte dalla stazione sommitale della funivia del Monte Baldo che sale da Malcesine, sul Lago di Garda.
Da lassù si godono vedute straordinarie sulle Prealpi lombardo-venete, sul Lago di Garda e sulla Pianura Padana.

Per partecipare all’escursione è necessario indossare abbigliamento da trekking primaverile a strati; portare il pranzo al sacco e una borraccia. Indispensabili i bastoncini da trekking.
L’escursione non richiede grandi sforzi fisici, tuttavia, come per ogni escursione, è necessario godere di buona salute e essere persone che svolgono un minimo di attività fisica. Da considerare però la quota che per taluni potrebbe rappresentare un fattore di affaticamento in più, in particolare per coloro che tendono ad avere una pressione alta. Sono accettati i cani.

 
 Informazioni 
Dove: Stradella - parcheggio di fronte al negozio di tendaggi, tra l’ingresso autostrada Torino-Piacenza e l’Esselunga ore 7.20
Indirizzo: sulla circonvallazione di Stradella
Quando: domenica 8 maggio 2016
Orario: partenza 7.30
Note: Per i soci AVM la partecipazione prevede un contributo minimo di 5 €, per i non soci adulti un contributo minimo di 10 €, per i non soci bimbi sotto i 10 anni un contributo minimo di 6 €. Non sono comprese nella quota le spese di viaggio. Ci si organizza riempiendo le auto disponibili al punto di ritrovo.
È obbligatorio iscriversi con e-mail a info@viadelmare.pv.it o tel. al 388/1274264 entro il 7 Maggio, fornendo nome e cognome dei partecipanti e un n. di cellulare.

 

 
 
Pavia, 04/05/2016 (13932)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool